Vito Bologna 1 - Alcolore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le tue poesie
Le poesie di VITO BOLOGNA
IL CANTASTORIE

Dicono di me, che sono un poeta
e che di sera parlo con le stelle
ogni nota che scrivo,e sempre lieta
canto alla natura, e alle donzelle.

Alla luna dedico molte serenate
fatte con rime, e scritte col cuore,
da me vengono fanciulle innamorate
cercando poemi, per i loro amore.

Sono maestro di poemi e prose
faccio le rime in tutte le occasione
sfoglio margherite, e regalo rose
scrivo la vita con tanta passione.

Dormo sotto le stelle all'aperto,
il cielo azzurro metto per coperta
di tutto ormai sono un esperto
un occhio chiuso, e l'altro all'erta.

Vivo la vita, come un eremita
fra campi, montagne e praterie
a chi lo vuole scrivo la sua vita
in una raccolta di rime e poesie.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
UNO DEI TANTI

Con il cappello a falde e il mantello
bastone in mano e fiore all'occhiello
passeggia per le vie della città
un menestrello che di tutto sa.

Saluta tutti per nome e cognome
ma nessuno sa il suo vero nome
è un mistero non si sa dov'è nato
solo si sa che è figlio d'emigrato.

Per tutta la città lui è "il poeta"
cammina tutto il giorno senza meta
non si sa dove mangia o dorme
d'un grande atleta sono le sue forme.

Alcuni dicono ch'era un campione
altri che ha scritto un sermone
ma lui recita poemi e va avanti
e ti risponde,"Sono uno dei tanti"

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
MI LEGGI ?

Senti, tu che mi leggi, mi sai dire
se dall'aldilà possono vedere ?
Si, tu che mi leggi puoi mai capire
come un Nonno passa le sue sere ?

Siedi, leggi bene che ti spiego
come passa la vita un vecchietto
Prima faccio la croce, poi prego
leggendo le sagre dal libretto

dopo col caffè e latte, esco fuori
mi faccio un giretto, nel giardino
controllo, le rose, i pomodori
e sul davanzale leggo "il mattino"

Nel pomeriggio, arrivano i gioielli
e a questa casa danno un pò di vita
ne o due sai, ma non son gemelli
portano la primavera già fiorita

quando tornano a casa qui si vede
una nuvola coprire tutto il casale
il cuore si fa triste, come non crede
che il domani sarà tutto uguale

Senti, ma tu credi che dal cielo
la nonna vede tutto il mio soffrire ?
dimmi che ti pare, suonare il gelo
aiuta la persona a non morire ?

Perché non parli, non trovi parole
per consolare un povero vecchietto
dai non far cosi, domani col sole
tutti i miei scritti metto nel cassetto

Grazie per avermi letto, ma sai com'è
le cose semplici aiutano a campare
io scrivo, forse gente come te
mi danno un'altro giorno da sperare.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
UN SOGNO

la sera tu scrivi pensieri e parole,
le cose più belle che sente il tuo cuore
all'alba ti svegli coi raggi del sole
e senti il dolore d'un sogno che muore.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
DONNE DEL MONDO

Donne di corte, e donne di borgata
canto a tutte voi una serenata
donne fra di voi e la mia amata
di nome fa Maria l'ddolorata.

Addolorata tanto mi addolora
dice che per l'amore non è l'ora
io dopo sei anni aspetto ancora
il primo bacio della bella mora.

Donne di borgata e femmine di corte
sapete che il bel parlar, apre le porte
ditele alla mia bella, che se è sorte
senza di lei non resta che la morte.

Donne di corte, voi donne cortigiane
sapete che l'amore è come il pane
se non si fa per quattro settimane
meglio dell'uomo c'è persino il cane.

Donne di borgate, strade e vicoli
a voi una sola parola, vengo e dico
se lei non legge il portale dico
resto solo e secco come un fico.

Donne del mondo se avete un cuore
parlate alla donzella del mio amore
ditele che il suo non mi da dolore
e il mio cuore, piano, piano muore

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
SCRIVI POETA

Quando
col cuccurucù
ti sveglia l'alba
e in ciel l'aura vermiglia
e l'orizzonte appura,
quando
solingo andrai per i sentieri,
ad aspirar
l'ebbrezza di natura
scrivi poeta
l'or sublime a vena;

Quando
in pria t'avvedrai
quanto piccola appar
la grande stanza
lo squallore
di quel terzo vano
scrivi poeta
gli strazi dei sospiri;

Ma quando,
quando torna la quiete
e pur l'ultima insegna
non ha vita;
quando
regna la pace
nella notte
e tu
ricordi l'ora, sii felice
fra gli ingialliti fogli
senza voce;

Riscrivi Vate
che in natura canti
dove anche tu
oscilli un regno
che qui
nessun rapisce;
Questo è il tuo regno;
un'alba d'illusione.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
TERRA D`AMURI

Sugnu Sicilianu e minni vantu
picchi la Sicilia è terra d`onuri
dunni vaui, vaui sempre cantu
Vitti `na crozza, e anchi sciuri sciuri

Cantu di Segesta a Taormina
la storia d`ogni paisi sacciu a menti
iu chi nascivu ad`Alcamo marina
di tutti sti cosi sugnu canuscenti

Sacciu di li vichinchi e farauni
di quannu la Sicilia fu `mpustata
li Città li canusciu a una una
e di li Paisi sacciu ogni cuntrata

Trasenni di lu strettu, vui viriti
Messina cusuta, cu li so comuni
pari chi vi sunnati, un ci cririti
li cosi d'arti chi sunnu ogni cantuni.

Dopu li novi pruvinci visitamu
Caltanissetta, Enna e Siracusa
na notti ad`Agrigentu ni firmamu
e dopo virimu Trapani e Ragusa

Anchi si fora manu unni scurdamu
Catania, Palermu e Messina
e siddu ni pirdemu dumannamu
a na bedda Siciliana signurina.

Amici vi lu cantu a tutti quanti
terra d'muri e la me Sicilia
nuvatri a cu tinimu avanti
ci cantamu sturnelli e poesia

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CHI DIU VI BINIRICA
alla gentile Signora Silvana Carusa

Li paroli passanu si li porta lu ventu
ma li cosi scritti nuddu po cancillari
mi dastivu curaggiu, scrivu soccu sentu
a Vui Signura cara, lu meritu e dari

Un sugnu un poeta, amu scribbachiari
pero ogni versu mettu lu me cori
scrivu cu lu sancu e no pi li dinari
e pi Vui Signura mia chi mi da l`onori

Liggiti li me versi e mi cunsighiati
Donna Silvana, chi Diu vi binirica
cosi sempri boni Vui mi insignati
cent`anni di saluti, a Vui cara amica.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LI CUCCIDDATI

Si vi lu cuntu forsi un ci cririti
me soru mi manna li cucciddati
cu li confiteddi, beddi comu ziti
parianu di lu storu accatati.

Eranu di tanti misura e forma
chini cu ficu, e accaduna senza
fatti tutti cu, regula e la norma,
fatti cu cori, senza tanta scenza

Sti soru, Margherita e Pierina
annu li manu di Santi biniritti
trasennu tutti dui `ni la cuscina
di cu cumannu annu li diritti

Ma vi cuntu di sti cucciddati,
m`ariva via aerea stu paccu
mentri avia a casa du mitati
virennuli si lucavanu lu beccu.

Ci rissi, favuriti, un va fruntati
su cosi fatti a manu di me soru
pighiatini na pari e li tastati,
di chisti unni truvati `nta lu storu.

Ci fazzu un capuccinu `p`abbagnari
mi votu e li sacchetti annu chini
mi fannu. "Chisti pi li famigghiari
robba di lussu, sunnu duci fini."

Si alzanu, salutanu e vannu fora
discennu ca l`aspettanu a la casa
siccu arristavu comu na cannalora
la scatula era china, rasa rasa.

Comu fazzu a diri a li me soru
chi li cucciddati un litastavi
meghiu li chiamu e ci dicu foru
persi `nta posta e unni capitavi

Forsi si sugnu un pocu furtunatu
mi cririnu, e mannanunatra posta
viditi chi si fa di un cucciddatu
basta un poena e na faccia tosta

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CORI DI LU ME CORI

Vitti `ntu lu celu rondini vulari
e `nta lu pratu li griddi cantari
palummi chi si pirdianu `ndo mari
mentri la navi era pronta pi sarpari

Ivu luntanu `ncerca di furtuna
`ndi la valiggia la to fotografia
amuri mi giurasti sutta la luna
mentri l`aneddu canciavi cu mia

Ma la luntananza e na carogna
a nastru ti truvasti `nta lu paisi
li giuramenti ittasti `nta na fogna
e ti scurdasti paroli e cunprumisi

Ora ti scrivu l`ultimi pinzeri
a tia lassu lu me tistamentu
si trovanu un mortu peri peri
dicci chi morsi senza un lamentu

Si amuri unni trovanu `nta stu cori
e picchi tutto tu, ti lu pighiasti
e siddu dumannanu picchi mori
la curpa fu la to` chi lu lassasti.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
BEDDA DI LI BEDDI

Fighia, si tu, di na gran rigina
to patri era famusu farauni
ti specchi `ncapu la marina
amata si di tutti e a raggiuni

Lu suli e na cosa speciali
cavuru, duci beddu e n`amuri
li fighi toi sunnu naturali
poeti, musicisti e cantauturi

Bedda di li beddi,si sapurita
di tia nasci la meghiu ragina
puru a li ficu tu ci duni vita
lu meghiu pani fa, la to farina

Luntanu di tia un si po stari
a tutti ispiri prosa, e puisia
si bedda circuntata dilu mari
na granni gioia si, Sicilia mia.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NOTIZIA CELESTIALE
(a Benito & Silvana Caruso)

Apriti li finestri e li barcuni
porti e vaneddi svalancati
trasinu passareddi e arcuni
annu cosi di diri, attintati

Vennu di la zona Italiana
di brucculinu si sunnu partuti
portanu novi di donna silvana
attintati tutti, e stati muti

Na sira lu celu era sirenu
li stiddi luscianu a mighiara
cantavanu li grilli `nta lu fenu
Benitu abbrazzava a la so cara

Ni l`aria na musica gilestiali
tutti l`asceddi cantavanu a coru
l`angili cu cupito sutta l`ali
circavanu dunni pusari un tesoru

La luna chianu, chianu scumparia
lu suli a mala appena s`affaciava
donna Silvana china d`alligria
un vasuni a Benitu regalava

Cu l`alba vinni puru l`arcubalenu
la chiesa Madri a festa sunava
la Marinuzza strincia a lu senu
un sciuri, chi pò a Silvana dava.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
UNA STORIA

Canta il grillo, gli fa eco il cane
riposa il gallo vicino la gallina
la mamma intenta a fare il pane
vicino a lei, dorme la bambina.

L'aria è fresca il cielo sereno
un manto di stelle copre il prato,
il nonno agli animali porta il fieno
e fa la conta del giorno passato.

La nonna in cucina prepara la cena
il papà ritorna fra tre quarti d'ora
è andato in città a comprare l'avena,
farina, concime, e anche una mora*.

Nel salotto il figlio studia medicina
ha ventitre anni, vuol far il dottore
per poi trasferirsi in città
e dimenticarsi di zappe e trattore.

Scende la notte nel casolare
si spegne il lume, finita è la cena,
domani una storia da raccontare
di una vita, tranquilla e serena.

mora* = una mucca

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
E TI PERDONO

Il Signore e il cielo unici testimoni
di quel dì, ti ricordi?
La tua mano nella mia ti dissi,
"Di due anime facciamone una sola"
e tu acconsentisti
nell’amarci eternamente.

Mano nella mano ci trovò la sera
finché il lungo manto della notte
con la luce di stelle e di luna,
ci trovò abbracciati,
con il mar che
sussurrava una canzone.

Un mese è già trascorso
da quel dì, e nella mia mano,
manca la tua mano,
tu che amor giuravi
sei lontana, ma ti perdono sai,
perché ti amo.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
SERE DI PRIMAVERA

Fulgide stelle in ciel vedo a sera
lumi or vi guardo tutto felice
notte ci fai sognare a primavera
quando il grillo nel cantar ci dice.

"L'eco della notte stò ad ascoltare
e guardo là, sul monte il bianco spino
a giorni, sveglio vado a saltare
fra le verdi foglie dell'alto pino.

A notte fonda stò a cantar felice
e fò fermar fanciulle e innamorati,
la gente non mi calpesta e dice
"Il grillo stà a cantar, nei verdi prati".

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL NONNO

Nel viale gioca, la mia principessa
sull’altalena in posa s’è messa,
"Nonno, fai la foto con il telefonino,
la mandiamo a mamma con un bacino."

La guardo e penso, un tempo lontano
quando suo padre tenevo per mano,
come passa il tempo e mi sembra ieri
che avevo trent’anni e i capelli neri.

Oggi i capelli sono argentati
mi trovo la pancia e gli anni avanzati,
coltivando l’orto, e facendo il nonno
vivo la vita, giorno per giorno,
passo il tempo fra veglia e sonno
scrivo poemi e studio l’anno.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
QUANTO TI AMO

Se tu, fede darai al mio non credo
e sapiente mi farai dell'ignoto,
se tu, al mio genio darai vita
e il mio all'altrui farai noto,
vieni, e al mondo grido "IO CREDO".

Se tu, pace mi darai nell'eterno
e ha chi amo non farai del male,
se tu, sorella mia mi porterai
dove la gente è tutta uguale,
porta a questa vita il suo inferno.

Se tu, sorella mia a me daresti,
il bene che nel male ho cercato,
se tu sapessi del mio amor perduto
e della vita mia il triste fato
certo ne sono, non mi lasceresti.

Se tu sentir potresti il richiamo
di questa stanca anima ferita,
se tu con me staresti un istante
con me diresti "Questa non è vita"
Oh morte, amore mio quanto ti amo.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
ITALIA AMATA
( per M.G.F.)

Sei come tanti di noi emigrata,
in questa terra ricca, emancipata,
tornar vorresti dove tu sei nata,
nel mezzogiorno dell'Italia amata.

Come ti capisco cara Amica,
anch'io lasciai il mio casolare,
la mia città piccola e antica
ma ricca di sole e tanto mare.

Qui trovai cemento e palazzi
la gente nemmeno ti saluta
tutti lavorano come pazzi
e l'amico lo vedono in valuta.

Si cara Amica, l'Italia è bella
e per noi e duro essere emigrati,
la colpa non fu nostra ma di quella
sorte maligna e di persone ingrate.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
DIALOGO

Buon dì signora, mi scusi posso entrare
vorrei esporle il problema,
cerco carne fresca, però senza osso,
senza una lira ho un forte dilemma.

C'è una vecchia, disposta a darla,
sulla cinquantina, mica anziana,
mi disse che se io, so come farlo
mi da mille lire ogni settimana.

Ma io signora, bella e cortese
come può vedere, son ben dotato,
le feci notare, è un mese e un giorno
che vorrei vedere il suo bel prato.

Certo capisco il poblema vostro,
ma sono fedele e donna sposata,
non si mangia sul mio prato
è riservato alla persona amata.

Voi giovanotto siete gentile,
dal parlare siete un signore
oggi ha sbagliato, dal conto mensile
l'ospite passa fra ventitre ore.

Ma, se volete un assaggio avere,
di ciò che per voi io posso fare
sedetevi comodo, bel cavaliere
e fra le nuvole vi faccio volare.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
I MESI DELL`ANNO
( visti dal nonno )

A GENNAIO qui la neve
scende piano ed è lieve;
un uomo noi facciamo
con le palle ci giochiamo

A FEBBRAIO con Carnevale
ogni scherzo sempre vale
io mi vesto da burattino
e tu mi fai un inchino

Se a MARZO suona la campana
e tu sei ancor lontana
io ti mando una ambasciata
con le uova di cioccolata

AD APRILE è già primavera
io t’aspetto ogni sera
se ti stendi sopra i prati
io ti copro di gelati

A MAGGIO tornano le rondini
e faccio visita alle vicine
e se torni da lontano
anche a te darò una mano

Le ciliege cogliamo a GIUGNO
sotto l’albero io sogno
che ad ogni una tu mi baci
perché sai che mi piaci

Poi a LUGLIO andiamo al mare
io t’insegno a nuotare
dentro l’acqua a baciare
e sulla rena ad amare

Ad AGOSTO in campagna
ogni donna sempre sogna
che va a letto col Bologna
suda assai e si bagna

A SETTEMBRE con il vino
io faccio il biricchino
al liceo ritorniamo
a far l’amore ricominciamo

Ad OTTOBRE è il mio compleanno
cosa voglio, tutti sanno
ad Halloween poi mi travesto
faccio l’amore e scappo presto

A NOVEMBRE da casa mia
delle donne c’è il via via
con il freddo che birbante
io amo tutte quante

A DICEMBRE viene Natale
e ho voglia d’aspettare
sono solo e stò male
dopo un anno di sparlare.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL MENESTRELLO

Le poesie, vanno lette e meditate
lui scrive la storia semplice e pura,
scrivere poemi oppure serenate,
descrive la vita, la famiglia, la natura.

Ti parla dei sogni, che ogni uno fa,
le storie di figli, mamme e papà,
racconta storie di qua e di la,
è un menestrello che di tutto sa.

Scrive le poesie sempre in rima,
hanno un suo tocco tutto personale,
nessuno sa cosa faceva prima,
solo si sa, che è un divo nazionale.

Con lui, ha sempre una zampogna
delle volte anche un mandolino,
povero menestrello che sogna
farfalle che adornano il giardino.

Canta il menestrello a voce piena,
canta la natura, lui canta l’amore,
nessuno mai saprà della sua pena,
delle ferite che porta dentro il cuore.

Anzi chi lo vede, lo guarda e ride,
perché non capisce il suo dolore,
quello di cui lui un tempo vide
che nella vita manca il calore.

La sera si siede, e dalla sua mente
frasi d’amore escono dolcemente,
attorno a lui si raccoglie la gente
e la sua voce sino a valle scende.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
VORREI

Vorrei con te salire su quel monte
e arrampicarmi fino alla pineta,
vorrei dissetarmi nella tua fonte
ed avere una vena da poeta.

Vorrei tanto essere il tuo amore
e perdermi nel tuoi pensieri,
vorrei conquistare il tuo cuore
e accarezzare quei capelli neri.

Vorrei tanto dirti che ti amo
e darti un bacio ogni mattino,
vorrei che tu sentissi il richiamo
e al mio cuore tenerti vicino.

Vorrei averti con me ogni momento
e il tuo viso dolce poter baciare,
vorrei poterti dire ciò che sento
ed avere il coraggio di amare.

Vorrei, tanto vorrei, ma non posso
costringerti ad amarmi, anima mia,
meglio cullarmi su un mare mosso
mentre hai pensieri fai compagnia.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PANORAMA ALCAMESE

La pioggia viene giù dalla montagna,
il pescatore s’accosta alla marina,
il contadino zappa la sua campagna,
il gallo da il buon giorno alla mattina.

Per le strade vende la sua frutta
Il venditore, va in cortili e piazze,
pur piovendo e la giornata brutta
vede un corteo di ragazze.

Vanno nei campi a mietere il grano
son tutte donne in cerca di marito,
cantano in coro, così da lontano
si sente la voce in cerca d’un invito.

Sono le sei, col suon della sirena
a casa tornano tutti in allegria,
la nonna in casa pronta a la cena
e dopo, dolce e thé in compagnia.

La sera nei paesi passa la ronda
di giovani cantanti innamorati,
mentre altri seduti sulla sponda
ammirano le stelle argentate,

la notte è serena, dolce la frescura
il cielo e mare sembrano gemelli,
un pittore immortala la natura,
canta l’innamorato sotto le stelle.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NOTTURNO MARITTIMO

Sulla marina, nel ciel brilla la luna
due innamorati piangono abbracciati,
lui parte, va in cerca di fortuna,
si fanno promesse gli innamorati.

Da un’ora, sono seduti al porto
attorno a loro, piena è la banchina,
c’è chi parte e chi dà conforto,
per l’emigrante l’ora s’avvicina

da lontano, si sente la campana
chiamare a raccolta gli abitanti
all’angolo, un menestrello suona
non ti scordar di me, per gli amanti,

un pittore, riempie la sua tela
d’immagini tristi e di dolore,
un ragazzino tiene la candela
ad un poeta che scrive l’amore.

L’immagine più bella è nel cuore
dell’emigrante, che parte lontano
è la mamma e il suo amore
e piano l’accarezza con la mano.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________


CIO’ CHE MI RESTA

T'amai amore, t'amo, e t'amerò
ricordo, ti feci una promessa
"Amore mio aspetta, tornerò."
Ti dissi un dì nell'uscir da messa.

Messa sei tu, su quel sottil pontile
ti guardo, sei qui vicino a me
con un sorriso, uno sguardo gentile
che tutti fai innamorare di te.

Di te, ciò che mi resta è un ricordo,
una foto, un sorriso e un saluto,
un bacio dato in fretta che non scordo
poi l'addio, di un amor perduto.

L'amor perduto, quello più vero
è in quella sera in cui ti dissi
"Parto lontano, ma non temere, spero
che risaremo uniti a primavera."

A primavera, con gli alberi in fiore
tornai nella città, ma tu non c’eri,
rividi il tronco dove incisi i due cuori,
io ero là amore, ma tu dov’eri ?

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LA CONCHIGLIA DELL’AMORE

Un juke box che suona
tutto è bello come prima
da quassù si vede il mare
e la conchiglia dell`amore

..................Ma tu,
tu non ci sei amore mio
tutto mi sempra triste
senza te
intorno a me c’è gente,
gente gaia,
ma sento un gran vuoto
intorno a me.

Amore
io t’aspetto
su quel mare
dove c’è
la conchiglia dell’amore.

Se tu ritorni in questo mare,
se avrai ancora un pò di cuore
e ti ricordi di,
"ci chiameremo amore"
ricorda che c’è ancora un fiore
che ti aspetta dentro
la conchiglia dell’amore

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LO GIURO

Al ritornar dall’orto, io vedo la fioraia
e il discorso porto di già sulla risaia.
Ho voglia di baci, ho voglia di te

tu tanto mi piaci, su vieni con me.
Un bacio io chiedo a quegli occhi scuri
e mentre mi siedo lei vuole che giuri.

Oh bocca di rosa, oh mani di velo,
ti voglio per sposa lo giuro sul cielo,
mi alza la mano "Il cielo è lontano"

tu mi fai soffrire non mi vuoi amare
io voglio morire lo giuro sul mare,
con fare giocondo, "Il mare è profondo".

Non star li sospesa come una che sogna
ti porterà in chiesa il Vito Bologna,
mi guarda piccina, "La chiesa è calcina".

Non cerco avventura amor mio di fiamma,
l’amor nostro dura lo giuro su mamma,
mi guarda un pochino, e grida."Assassino."

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CI CHIAMEREMO......"AMORE"

Verrà presto domani fra un bacio
e un’altro ancora si prolungherà la notte
e avrò il tuo amore.

Passeranno i domani e il sigillo
del tuo si, sarà perenne.
Si seguirono le notti uno sull’altra

e il nostro sogno, nel notturno,
radicò la vita, e l’affannoso tempo
sarà nostro.

Presto viene il domani e il sole sorgerà,
ma noi, sotto le stelle all’ombra del notturno
ci chiameremo amore.

Nel buio sarà chiara la luce
del tuo volto fra un bacio
e un’altro ancora.

La notte ci vedrà tanto uniti
e ci assisterà dell’ira dei domani,
e presto domani il suo tramonto

mi sarà levante,
ma il sole sorgerà
per me stanotte.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
AL MIO PAESE

Dentro la siepe del paese antico,
dietro il monastero dei francescani
cè una statua appena volti il vico
una donna con un bimbo fra le mani

Un mantello azzurro, vestito bianco
occhi sereni, gaio è il suo sorriso
ai piedi i fratelli misero un banco
chiunque si siede tocca il paradiso

Dicembre è il mese appropriato
la siepe da testa a piedi è illuminata
si racconta, di come Gesù è nato
con tanti poemi e qualche serenata

Si va un pò più giù, fra quattro mura
un presepe di persone comunali
com’è tranquillo, chi non ha premura
rivivere può la vecchia vita rurale.

Che pace, che armonia, che profumo
nel monastero tutto è naturale,
dal caminetto segnali di fumo
dicono al mondo intero, Buon Natale.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LA GALLERIA

Guardo le foto la galleria è piena
in una ti trovi con mamma e il fratello
mamma sorride, tu guardi serena
e dici al fratellino, "come sei bello"

in mano tieni una semplice borsa
l’altra, sotto braccio della mamma
la tua innocenza mi porta nel "Orsa"
e in te rivedo Claudia, la mia fiamma.

Guardo le foto, mi faccio coraggio
e dopo passo alla numero sedici.
Mamma orgogliosa e tu a Viareggio
vestiti uguali, nell’ombra son le tredici.

La foto ventitre, dicembre dice
nel duemila e quattro sei in posa
dietro i tuoi dipinti con cornice
donna gentile bella, come una rosa.

Lungo il Mugnone più avanti vedo
una dea seduta sopra il fieno
lo stesso sorriso ancora rivedo
nel duemila e tre bevendo vino.

Grazie, Dama gentile e delicata
con le tue foto rivedo un’avventura
quando bambino nella terra amata
giocavo con la rima e la pittura.

Ora son vecchio, e la mano è stanca
non fa disegni come da bambino
peccato che nella mia stanza manca
un quadro fatto a mano di Migliarino.

di: Vito Bolognai: Vito 

____________________________________________________________________________________________
E’ NATO GESU`

Da molto dstante vennero tre saggi
con i loro cammelli portarono omaggi
gli Angeli in cielo cantano in coro
bel pargoletto ti amo e d’adoro
un tempo lontano, nel paese che fù
una notte d’inverno è nato Gesù.

Dentro una stalla piena di fieno
il padre Giuseppe, pieno d’orgoglio e
la moglie Maria, per volere divino
ha dato i natali a un bel bambino
un arcobaleno brilla di lassù
giorno di festa, è nato Gesù.

Dopo tanti anni ancor celebriamo
quel bel bambino che tutti amiamo
apriamo al mondo il nostro cuore
non facciamo guerre, ma solo l’amore
impariamo una lingua universale
e in armonia celebriamo il Natale.

In tutto il mondo oggi si fa festa
in ogni città, paese ho foresta
in ogni casa si fanno regali
poveri e ricchi tutti sono uguali,
alziamo i calici tutti all’insù
Dio sia lodato, è nato Gesù.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
SANTO NATALE

Mi svegliano le voci delle bambine
l’aroma di caffè e di biscotti,
apro gli occhi e vedo le colline
coperte di neve e due orsacchiotti.

Nell’aria un odore che sà di speciale
le castagne sul fuoco, oggi è Natale.

"Alzati nonno, andiamo di sotto
la mamma aspetta vicino la nonna
mio papà giù s’è messo un cappotto
per andare fuori a guardare la Madonna."

Un grido di gioia percorre il casale
E' NATO GESU`, l'alba di Natale

Le bimbe allegre vanno alla capanna
in fondo a destra dove c’è la siepe
e lì che con amor la loro nonna
come usanza, a fatto un presepe.

Lo fa ogni anno, sempre uguale
così festeggia il Santo Natale.

Poi tornano a casa, ci sono i regali
ancora in pigiama, sembrano angioletti
li guardo commosso, facendo segnali
con gli occhi scendono due pargoletti.

Anche quest’anno, nel bene e nel male
sono con loro a celebrare il Natale.

Cantiamo in coro, in piena allegria
oggi è per tutti un giorno speciale,
viva Gesù, Giuseppe e Maria
uno con l’altro siamo in armonia,

cantando in coro, Gloria al Signore
Natale ci porta, pace e amore

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CIAO BABBO

Ricordi a Viareggio in villeggiatura
tu, io, mamma, elisa e margherita
dalla Sicilia per noi fu un’avventura
da lì andammo a Firenze per una gita.

E l’anno prima ricordi, a Sorrento
tu e mamma sembravate due sposini
cantavi sempre, "nu darmi stu turmento"
lì ci viziasti troppo noi bambini.

Bei tempi vero babbo? Ora riposi
sotto la neve, d’inverno non stai male
t’ho portato il romanzo gli amorosi
e un pò di vino, per dirti Buon Natale.

La vita qui da noi non è uguale
da che tu ci lasciasti un pò è cambiata
non studio più, ora faccio il manovale,
aiuto a casa, la mamma s’è ammalata

dice che fra non molto ti raggiunge
gli manchi molto non sa cosa fare
è sempre triste, tutto il giorno piange
passa le notti sveglia a pregare.

Bhe prima di andare volevo dirti
a maggio nascerà il mio Pasquale
lo chiamo come te, Pasquale Mirti,
ti amo Babbo, fatti un Buon Natale.

di: Vito Bologna
____________________________________________________________________________________________
ODE AL MILITE
(a mio figlio degli USA ARMY
Sergente Mike E. Bologna )

Scendono al ruscello a dissetarsi
gli abitanti che vivono sui monti
i lupi vanno in cerca di sfamarsi
i cacciatori vegliano sui ponti.

Come d'usanza fanno l'adunata
insieme festeggiano il Natale
le donne una lunga camminata
gli uomini a caccia di cinghiale.

E' dicembre pieno, alle cascine
la neve scende giù senza sosta,
di bianco sono monti e colline
fa freddo, e la befana sta nascosta.


Oggi per cena c'è il minestrone,
la legna brucia dentro la fornace
tu e i tuoi compagni di plotone
siete i protettori della pace.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
OH MUSA

Dammi per ora la tua vena un'ora solo
a cui parlare al mondo e dir con il Santo
"Ama il tuo fratello."

Illumina il mio cuore questa notte
e fa che domani il pugnalar di spalle
non sia mio,

Tu ridi, tu dea e santa musa
a cui d'illuso amore sei conforto,
mi miri a sguardo vuoto

è il nudo del tuo triste sempre dire,
la frase del mio santo,
"Pace in terra, ai tal di volontà."

Oh musa dei poeti affida ai quattro venti
la tua voce con d'Arborea sguardo
verso il mondo cosi come si disse,

Pace univesale per popoli fratelli.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LACRIMI AMARI

Vitti, occhi canciari culuri
e na manu stanca salutari
lu cori era chinu di duluri
la navi era pronta pi salpari

tri fimmini c’eranu dda matina
me matri, me soru, e la me zita
chiancianu tutti tri`a la marina
sti fimmini chi sunnu la me vita

Vaiu, fazzu du sordi e ritornu
ci rissi a tutti tre, cu tantu amuri
emigru cinc`anni e poi tornu
vuatri pi mia prigati lu Signuri

li lassu chi si dunanu cunfortu
stritti abbrazzati comu fussi una
la navi lentamenti lassa lu portu
cu n’emigranti ncerca di furtuna

sona la sirena, volanu l’asceddi
viu lu celu n’anticchia annighiari
di l’occhi mi scinninu du attareddi
pregu a Diu di prestu riturnari

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CINCUCENTO `NFAMIGHIA

Mi trovu di me soru a brocculinu,
na duminica, pi un piattu di pasta
dopu manciatu, me cugnatu pinu
mi dici chi un caffe, a stura un vasta

Cu la vittura, emu a lu milli lusci
dunni n’incutramu cu me frati
salutannu a tutti chiddi chi canusci
ni dissi, trasiti, aspettamu du mitati

Pighiamu li caffe, e du cosi duci
trasennu, n’assitamu a lu tavulinu
mi missi a lu cantuni sutta la luci
ligennu, lu giornalettu,topolinu

Arrivanu li me niputi, pieru e francu
mi fannu, Zu vi, fascemuni na partita
pighia na segia, assettati a du bancu
mentri iu pichiu li carti, e na matita

Ci rissi, ni fascemu un cincucentu
picchi lu tri setti unne cosa pi mia
jocu accussi, pi fariti cuntentu
e stari un pocu cu vuatri `ncumpagnia

Misca li carti, chiamu ottu dinari
Quann’è le me turnu di parrari
me frati francu, mi tocca pi cumpari
e mi dumannu, cosa vu, ittari ?

Parannu muti, e fascennu signali
ci dissi soccu avia ni li manu
mi rissi, boni semu un’emu mali
jettati un carricu grossu tuttu sanu,


Mettu lu tre di coppi e me cugnato
jetta l’arsu di spaddi, a l’ammuciuni
me niputi piero, tutto arrabiato
grida, comu si persi tutta la raggiuni

Ma chi caspita fà ? e tu sa jucari ?
chista e na jucata di picciriddi
amuni zu pinu viremu c’ama fari
m’atafari tirari tutti li capiddi ?

Ci dugnu na taliata, e caru `nterra
di lu ririri, chiu un mi trattinia
pari ca ogni manu ce na querra
comu si ni jucamu, la fattoria

Finiu la partita, cuntu li me punti
e mi fermu a sessantasetti
me frati mi talia,"Ancora cunti
v’accatta a sti picciriddi du cunfetti

Viri comu ghianciunu mischini
`nti tri fagliati, un la vinceru una
d’un trattu trasi lautru me frati vini
"la testa aviti chiu dura di li miluna

Dumani s’avaghiri a travaghiari
e vuatri ancora ca a tampasiari
li carti cari me, un portanu dinari
e cu voli mamciari, a va` zappari

Mizzica cu parrà, mi susu e dicu
tu si maestru nda tutti li jucati
me frati francu `ncasa lu ghiu nicu
attuppa la vucca a tutti, e dannu gilati,

Sta famighia chi mi pari un sonnu
si po truvari sulu `nta li Bologna
e vecchiu, ora fazzu iu lu nonnu
scrivennu fissarii, senza vriogna

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
AMORE NELL’INTERNET

Vitti la foto e minni innamurai
di sta picciutedda a lu compiuri
fimmini accussi, un cinne` assai
ddi occhi si rubbaru, lu me cori

dopu tri misi di fari telefonati
e mannari dolci e sciuri pi posta
mi fisci na caminata da ddi parti
a la so casa curru senza sosta

cu mia, aiu na rosa profumata
un cori di cioccolatta, e na neddu
pi ghiri nti la me `nammurata
m’accatavi puru un vistiteddu

a la so porta sugnu assai cuntentu
finalmenti la canusciu di presenza
aspettu e pari un seculu un mumentu
un viu l’ura di fari sta cunuscenza

si rapi la porta, mi cari lu latti
e ci rissi ca sbagliai indirizzu
signuri me, su cosi di matti
da fimmina avia puru lu pizzu

di la me casa ci mannu na posta
discennuci, signura m’ata scusari
ma criu chi tri passi senza sosta
sugnu sicuru chi un putiti fari

dopu chi vi vitti, mi resi cuntu
chi siti assai bone di luntanu
ma di viscinu pariti nu mantu
e siti bona sulu pi cantara

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
SENZA PINZERI

Sira argintata, frisca e cristallina
rondini e grilli, cantanu, a la sciumara
lu soli va scumparennu a la marina
Pinuzza mi canta, "Lagrima amara"

Ricevu di Silvana na cartullina
discennu chi aspetta la cicogna
e ora chi tucca la quarantina
tranquillità e paci, dici ci bisogna

Francu dopo tri uri fa la pizza
semplici e pura, e na Margherita
senza sardi, funci, ho sasizza
bedda russa e virdi, pari na zita

Li niputeddi, antura s’inni eru
m’assettu a lu compiuri pi jucari
comu ogni sira, puru sta sira speru
di felici virili, in chiesa maritari

Travaghia me mughieri e iu aspettu
chi mi telefona pi illa a pighiari
dopu `ndi lu compiuri iu mettu
"senza" accussi stella po cantari,

Cu sti tri amici, du duci niputeddi
na nora, e un fighiu raggioneri
passi li jorna pascennu l'asceddi
e li notti abbrazzannu me mughieri.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CANTO DELL’EMIGRANTE
Stasea vorrei fare una serenata
a lume di candela, sotto le stelle
canto della bella Italia amata
con dedica speciale a due sorelle.

Italia mia tu mi manchi tanto
come mi manca il mare di Sorrento
di Alcamo marina vorrei il manto
di stelle con il suo firmamento

Di Reggio prenderei la montagna
per il panorama e la sua aria pura
di Bologna vorrei la campagna
e tutti ciò che cresce per natura.

Dalla Sardegna un pò di pecorino
da Perugia il dolce panettone
dalla Toscana il suo buon vino
e un poco di terra di ogni regione.

Sono un italiano, e me ne vanto
per il mondo canto dell’Italia mia
canto a voce piena, e il mio canto
parla di storia, arte, e poesia

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
FIGLIE DI MIA SORELLA

Volevo tanto bene, a queste due bambine
Anna e Giuseppina, figlie di mia sorella,
andavamo a passeggio per le vie vicine,
compravo loro il gelato e qualche caramella.

Anna si è sposata con Piero il pizzaiolo,
ha quattro bambini che sono un tesoro,
la guardo da lontano, felice mi consolo
vederla sposa e mamma, vale tanto oro.

Con la Giuseppina, avevo cinque lire
con lei cambiavo nome, ero zio Michele
cantavo un motivo che non saprei dire
per lei le parole erano come il miele.

Anche lei sposata, con uno dei Roberti
ha Nicolino, davvero un bel bambino,
le guardo da lontano gli occhi suoi neri,
ogni mattino a lei vanno i miei pensieri.

Nel mio cuore mai, si spegnerà la fiamma
per due piccole donne, Giuseppina e Anna
figlie di mia sorella, nipoti di mia mamma
un bacio in quartina scrivendo vi manda.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
BUON GIORNO MAMMA

Buon giorno Mamma, come stai ?
solo due minuti, e vado via,
volevo dirti, (ma forse già lo sai)
sta mane è nata, la mia bambina.

Ti rassomiglia in tutto, è un amore
di te, ha gli occhi, labbro e nasino
il parto tutto bene, senza dolore
venne alla luce, presto di mattino.

La chiamo come te, Maria Pia
cosi lei avrà, la tua saggezza
spero tanto che segua la tua via
e non conosca mai, la tristezza.

Riposa in pace, ritorno domani
ti porterò la nuova nipotina
ciao Mamma, ti bacio le mani
porto i tuoi saluti, alla bambina.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NEW YORK - ROMA

Come vorrei poter tornar bambino
e ha piedi nudi correre sul prato,
svegliarmi con il sole del mattino,
l’odor di pane appena sfornato.
dare il buon giorno al vicino
e salutare tutto il vicinato.

Vorrei poter andare in campagna
cogliere una rosa, una margherita
darle, con un bacio alla compagna,
a colei che a mio figlio diede vita,
fare quattro passi in montagna
senza che pesi tanto la salita.

Mi svegliano i rumori nella via
i palazzi qui, coprono il sole
nessuno ti saluta in ferrovia,
il pane fatto a fette per chi vuole
non fatto in casa, ne in fattoria,
le strade piene di umido e nuvole.

E’ una grande città e il progresso
non vede il valore famigliare,
ogni uno corre in cerca di successo
fama e denaro si vuol guadagnare,
anche innamorarsi non è ammesso,
e la natura nessuno sa amare.

New York - Roma, torno a Fiumicino
da lì per il paese prendo il treno
all’indietro rifaccio il cammino
e riprendo a zappare il terreno
mangio pane formaggio, bevo vino,
faccio sonni beati sopra il fieno.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL POETA

Passeggiando nel viale, ier mattino
davo voce a tutti i miei pensieri,
una bambina mi venne vicino,
era bionda, con due occhi neri

Mi disse, "Lei poeta scrive di tutto
potrebbe far per me una quartina
sa, son tre giorni che sono in lutto
a Natale è morta la mia Mammina”.

La guardo, e immortalo il momento
"non so se sogno, tutto sembra strano"
la guardo, e in lei vedo il tormento
mentre pian piano, mi stende la mano.

Prendo quella mano vellutata
e con le mie, me la stringo al cuore
la sento tremolante e sudata
mentre, nel viale, colgo un fiore.

Vieni con me, ti faccio compagnia
portiamo questo fiore, al cimitero
anch’io tempo fa, persi la mia
sulla sua lapide scrissi un pensiero.

Nel pianto, mi strinse, al suo cuore
e fra i singhiozzi, frasi mormorava
io, capii solo, "Grazie signore."
Guardando una colomba, che volava

dolce fanciulla bionda, piccolo fiore
in cosi giovane età, con tante pene
per te farò un sonetto con il cuore
con dedica a chi vuoi tanto bene.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL LUNEDI'

Scendono dai monti lentamente
ruscelli d’acqua come dei serpenti
vanno a riempire la sorgente,
mentre rinfrescano i tramonti,

La neve dagli alberi si scioglie
e scende a valle lentamente
lascia gli alberi nudi, senza foglie
e va giù a baciare il torrente.

Un cervo, e il cane sono in gara
per chi arriva primo al ruscello
in fondo la vita non è amara
se con più speci, vivi da fratello.

Scende la sera, e sulla collina
si vive una vita in pace e serenità
respiri l’aria tutta cristallina
mentre all’aperto, consumi la cena.

Un letto fatto di fieno e paglia,
un cielo tutto azzurro per coperta,
la luna un pò nascosta fa la veglia
mentre il cane vicino sta all’erta.

Ti svegli con l’ebbrezza del mattino
ammirando le bellezze della natura,
ti alzi, appoggiato al bianco pino
respiri aria fresca, aria pura.

Tre giorni, e in città, si fa ritorno
dove non ci so case, c’è cemento,
palazzi e grattacieli tutto attorno,
questa non è vita, ma un tormento.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
ITALIA ITALIA

Alberi in fiore
odor di freschezza
l’ebbrezza marina
mi porta dolcezza
l’immagine di te
e la tua bellezza.

Guardo le rondini
ritornare al nido
e penso a me
emigrante impavido,
che sul quel porto
un nome io gridai.

Era un nome
di sposa, d’amante,
d’amica, sorella,
un nome comune,
che mai lasciò
la mia mente.

Italia, Italia
mi hai abbandonato
in terra lontana
solo, mi hai lasciato
ed ora sono triste,
vecchio e malato.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
DOLCE FANCIULLA

Piccola ti amo, ti amo da morire
sei tu il mio mondo, il mio paradiso
sei la mia gioia il mio soffrire
non sò cosa pagherei un tuo sorriso.

Ma questo non basta, non basta l'amore
ed è l'unico dono che ho per te,
non basta quanto grande sia il mio cuore
non basta l'amore che c'è in me.

In me c'è tanto amore, quanto il mare,
un mare assai grande senza confine,
un mare che anche a lungo andare
non trova mai la parola fine.

Ma tu, m'ignori dolce fanciulla,
non sai che al mondo esisto anch'io?
e questo è il tormento nei miei sonni,
prego sempre Dio di alleviare i miei sogni.

Ho Dio ti prego, gli dico in sogno,
io l'amo tanto è lei la mia vita,
del suo amore ho tanto bisogno,
senza di lei per me è finita.

Piccolo fiore sei tu il sole,
ti amo tanto, se pur sei piccola
e non capirai queste parole,
ricordati di me se sola sarai la notte.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
RICORDANZE

Laggiù, a piè di monte, una casetta
umida e triste guarda verso il mare,
forse dopo tanti anni ancora aspetta
rivedere un giorno questi occhi.

Quanti segreti chiusi nel suo grembo
lei ascoltava ma non parlava,
i sogni fanciulli, le pene d’ogni tempo
in ogni luogo trasportava il vento.

E tu, compagna madre silenziosa
arsa di sete come la mia vita
al tronco davi vita e pura prosa,
oh casetta mia a piè di monte.

Il tempo matura quella ferita,
ma ci prescrive ancora lontananza
che tanto, tanto aggrava l’anima mia
perché non conosci la prole mia.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
VITA ONORATA

Scurdato di l’amici, e li parenti
passu li jorna fra sti quattru mura
mi dettitu trent`anni mala genti
dopu un processu fattu cu primura

nun sugnu innocenti no, ma fu p`unuri
chi ammazzuvi a ddu disgrazziatu
di la figghia me, cugghiu lu sciuri
e un tortu comu chistu va pagatu

ora mi trovu cu tanti deliquenti
dintra regina celi `ncarciaratu
li custodi romani brava genti
mi trattunu comu uomo onoratu.

Li famigliari mei si scurdaru
nuddu mi scrivi, visita, ho chiama
nuddu ricorda Vitu lu scarparu
uomo onestu ma prontu di lama.

Megghiu la galerra, la cunnanna
e no aviri `ncasa un sdisonuri
l`omu cu pantaloni, ca cumanna
cu`cuteddi e lupara sarva l`onuri

un sugnu dilinquenti, ma onoratu
e pi l`onuri io dugnu lu cori
statti attentu tu, disgrazziatu
cu sparra a mia, e prossimu ca mori

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
UN’ORA DI PACE

Scende la sera e a casa mia
e le donne unite preparano il pane
i piccoli aspettano in armonia
vicino loro di guardia il mio cane

gli uomini attorno ad un fiasco di vino
della giornata fanno la conta
arriva la nonna, accende il camino
e tutti ascoltano ciò che racconta.

Dice a tutti di un tempo lontano
quando per luce, un solo lumino
la pasta allora si faceva a mano
e a piedi nudi, il miglior vino.

Poi racconta di sei sorelle
“le piccole donne" storia vera,
la nonna è brava nelle storielle
con lei l’inverno è primavera.

Lei mi ricorda la Migliarino (1)
donna di classe molto educata,
leggo le sue storie ogni mattino
su Uscio a Uscio dov’è pubblicata.

L’ultima storia, del Padre Renato
mi porta indietro di molti anni
grazie, Maria Grazia mi hai donato
un’ora di gioia fra i miei malanni.

(1) Migliarino
nick della Signora Maria Grazia Fallai

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
VICINO IL CAMINETTO

Quando vicino sarai al caminetto,
se sei sola e ti manca il calore
prendi le lettere dentro il cassetto
fogli di carta scritti con il cuore.

Quando vicino sarai al caminetto,
senza colui che t’ha sempre amato
passati la mano sopra il petto
chiudi gli occhi, e torna nel passato.

Rivedere potrai il verde prato
ove tu correvi sempre in allegria
e coglievi il fiore tanto amato,
c’era il treno che passava in galleria.

Ricorderai d’un tempo lontano
di San Ambrogio il mercatino,
se il Babbo Natale facevi a mano,
per premio ti davano un cestino.

Ricorda i giorni lieti del passato,
ricordi cari, riscaldano il cuore
ricordati il paese tanto amato
la fiera, la galleria, il primo amore.

Quando vicino sei al caminetto
e nella quiete pensi al passato
ricorda cosa dice un vecchio detto,
il primo amore mai s’è scordato.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
RICORDO

Il triste ricordo d’un amor perduto
solo armai mi resta di una donna
vaga nel buio il mio cuor sperduto
ma non cerca più quella che inganna.

Ingannar nessuno può più il mio cuore
perché una donna ormai me l’ha distrutto,
io sono solo con tanto dolore,
lei si è presa il mio cuore e la mia anima.

Tutto di me se ne andò con lei,
quella donna che mai scorderò,
tutto di me, si portò perché,
è lei l’unica donna che amerò.

Amero solo lei, senza di lei
la mia vita non conta più lo so,
la mia gioia presto è finita
come è finita la mia gioventù.

Giovane, non fu mai il mio cuore
passando la vita con tanto dolore
e avendo solo un gran desio
di riveder la donna del bramar mio.

Passano i giorni, passano gli anni
ed io non scordo mai il tuo viso,
aspetto ansioso che ritorni
per illuminami con il suo sorriso.

Sorriso che sulla bocca mia
s’è spento quando ancor ero bambino
che poi vinto dalla gelosia,
odiavo chi era sulla mia scia.

Cammino silenzioso, in quella via
la stessa dove un dì eravamo in tanti,
dove dopo il toccar dell’Ave Maria
non guardavamo più chi era avanti.

Davanti a me, ragazzi scatenati
sempre in cerca d’avventura,
come quel giorno che ci siamo incantati
immobili siamo rimasti sopra un’altura.

Dall’altura si vede il Paese,
lì la vidi e me ne innamorai,
fu come un lampo, e non sentii
che un amico mi disse " Piangerai."

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NON SEI SANTA

Una donna è santa quanto è pura,
ma tu, perché hai paura di me?
Tu sei una donna che incanta,
si, sei una vipera non, una santa.

Non sei santa perché hai ingannato
l’uomo che per tanti anni
ti ha amata e mai ti ha tradita,
tu, sole del mio cuore la preferita.

Il tuo cuore in cerca di festa,
ed io che per te persi la testa
non la persi per la tua bravura,
ma ti credevo una donna pura.

Dicevi che solo me tu amavi
e non credevo che m'ingannavi,
vipera, che tanti uomini ai lasciato,
Dio perdoni te e i tuoi peccati.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PREGHIERA DI UN ORFANELLO

Fu una triste sera come questa
che tu eri con me su quel divano
ricordo era una grande festa
e dopo un pò partisti lontano.

Lontano sei partita mamma mia
e solo al mondo mi hai lasciato
ricordo ancora l’Ave Maria
e il Padre Nostro che mi hai insegnato

Mamma, grido nel buio ma non senti,
al mio richiamo nessuno risponde,
nessuno come fossi solo,
eppure intorno a me c’è tanta gente

che mi vede piangere e mi consola
c’è chi mi bacia, chi dice una parola
ma io prego, la mia preghiera vola
dicendo,"Di Mamma, c’è n’è una sola".

Oh Dio, vedo ancor quel viso bianco
che lei illuminava con un sorriso
ma anche quel sorriso era stanco,
penso Tu l’abbia portata in Paradiso.

In paradiso, è volata la mia mamma
ed ogni sera io guardo sul nel cielo
cercando fra le stelle la mia fiamma
ma, non lo trovo mai e resto sconsolato.

Non ho nessuno che a sera mi accarezza
e cerco nel buio la mia mammina,
intorno a me non trovo che tristezza
e mi domando,"Dov’è Quella Divina ?"

Oh Dio, qui nessuno mi vuol bene
e Ti prego, prego la Madonna,
voglio chi mi staccò dalle sue vene,
la voglio solo per me.

Senza di lei un gran vuoto c’è in me,
prego Dio e i Santi perché mi aiutino
a superare questo profondo lutto
che mi trascina nella voglia di morire.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PIANO VIENE LA NOTTE

La chiesa madre suona la campana
vanno a riposarsi, il gallo e la gallina
il fresco sa un pò di tramontana
il pescatore parte per la marina

si accendono le luci nelle fattorie
ogni uno torna a casa da chi ama
fra poco deserte saranno le vie.
La mamma richiama i suoi figli.

La cena è pronta in ogni casolare,
il padre per oggi ha finito il lavoro,
i figli cominciano ad apparecchiare,
in cucina tutti cantano in coro.

Il nonno seduto ricorda il passato
per lui non c’è nessun futuro
sta in un angolo, vecchio e malato,
aspetta che si chiuda il suo muro,

mentre un pò lontano nasce una vita
e una mamma fa progetti per il futuro,
al fronte il soldato sembra un eremita
pronto a morire per i suoi paesani.

Non importa se è inverno ho primavera,
la vita è sempre dura e piena di lotte,
sperando sempre in una dolce sera,
mentre piano piano, viene la notte.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
FERMATI

Fermati un pò, perché vai di fretta,
fermati e goditi la natura,
non dare retta a chi ti mette fretta,
tutti vogliono correre in pianura.

Guarda le margherite, le viole
a primavera tutto il prato è in fiore,
le rose sono sbocciate, e per chi vuole
fanno da messaggere per l’amore.

fermati a salutare quel bambino,
aiuta il vecchietto ad attraversare,
adora la frescura del mattino
e la sera il mormorio del mare.

Non correre, vivi la tua vita
come una cosa cara e preziosa,
ricorda che anche una ferita
in fondo poi, non è tanto amara.

Aspetta, dove vai, mica hai capito,
la vita si vive una volta sola,
in ventiquattrore il giorno è finito
e si muore senza una parola.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CUORE D’EMIGRATO

Lasciatemi cantare brava gente,
stasera questo cuore d’emigrante
canta per voi, canta solamente
per chi è lontano e ama l’Italia.

Sotto un cielo terso e stellato
canta per voi, un vecchio emigrato,
canta motivi del nostro paese,
volare, mamma, luna caprese.

Canta sotto le stelle il menestrello,
sempre solo nel suo girotondo
regala un motivo, uno stornello
ad ogni italiano emigrato nel mondo.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
AD UNA REGINA

Finì l’estate, finì l’amore
e l’autunno che le foglie culla,
portò un triste suono nel suo cuore,
con il ricordo della sua fanciulla.

Dolce fanciulla dal nome d’uno fiore
un fiore dal cuore giallo, Margherita,
agosto la portò via con tanto dolore,
perché con lei rapì pure la sua vita.

La sua vita si è portata via
quel mese tanto bello,
e quella donna della gelosia,
la portò con se, nel suo castello.

Un castello? Lei una regina?
gli si spezza il cuore, solo a pensare,
ma come dire a quella divina
che l’ama tanto e non la sa scordare.

Scordar non potrà mai il suo viso,
quegli occhi belli e le mani da fata,
sulle labbra sempre un sorriso,
per dar gioia e allegria è nata.

E’ nata per dare vita ai sogni
di tanti uomini, belli e brutti,
ricchi cavalieri e poveri zampognari,
che ogni dì portano i loro frutti.

Frutti son questi per la tua bellezza
per la sua pelle delicata e ambrata,
ma nel suo cuore c’è tristezza
perché non ride più? forse ha paura?

Paura che il suo cuore s’innamori
di un contadino oppur di un trovatello,
paura che al sorgere dell’aurora
il suo cuore batta quando arriva quello ?

Quello si, l'ama, ma di nascosto,
perché sa già che non può esser sua,
ed ogni sera tornando a casa,
versa lacrime sull’immagine sua.

Sua è l’immagine che porta con sé,
lei è la donna che non scorderà più
lei che la sua vita portò con sé,
lei, che si è presa la sua gioventù.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________


SOLITUDINE

Chi ascolta a mezzanotte
il canto del mare,
il mormorio dei venti,
il miagolar dei gatti,
chi ascolta ?
Noi,
io e la mia ombra.
Noi,
che nella notte cerchiamo
un viso caro.
Noi,
che al mare raccontiamo
le nostre pene
ed hai venti affidiamo
messaggi d’amore.
Noi
io e quel gatto nero
che copre i miei passi.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________


NOTTE D’AMORE

Giorno diciotto, mese d’agosto
nella conchiglia vicino al mare
seduto al tavolo, solito posto
un uomo solo, sta a guardare.

Le coppie strette, stanno a ballare
alcuni ascoltano, giù, sulla rena
il complesso suona, non mi lasciare
al chiaro di luna, la sera è serena.

Luna argentata, su un cielo stellato
la notte è romantica, alla marina
la testa appoggiata sull’innamorato
riposa felice, chi non è più bambina.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL MIO ANGELO

Coperti, son d’argento i suoi capelli
color rosato nel viso ha la pelle
d’azzurro brillanno i suoi occhi belli
unica al mondo, lei non ha gemelle.

Si alza la mattina e prepara il pane
poi fa il bucato con acqua e sapone
va a passeggiare con il cane
mentre lento cuoce il minestrone.

Ritorna, fa il caffè, e colazione
il sole piano si affaccia dal monte,
porta camicia, calze e pantalone
e mi sveglia, con un bacio in fronte.

Oggi e domenica non si va a scuola
passiamo la giornata alla marina
di donne come lei ce n’è una sola,
io l’amo tanto, è la mia mammina.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
U PASSAREDDU
( alla signora Silvana Caruso )

Mi porta lu buongiornu ogni matina
stu passareddu chi mi voli bene
veni cu l’alba, dopu l’acquazzina
pi sentiri la me vuci, li me peni.

Aspetta un pocu, allestu di stirari
poi vegnu dducu fora a parrari
ti cuntu come mi passà la siritina,
tutta la nuttata, e puru stamatina.

Già tuttu sa di mia, li me duluri
li ghianti, lu soffriri, li peni,
tu, tuttu sa, di sti quattru mura
cu trasi e nesci, cu mi voli beni.

Si comu lu silenziu, ca mi senti
e mai arrispunni, amicu cunfidenti.
sai, chiddu ca mi passa,pi la menti
e un lu raccunni mai, a l’autra genti.

Ma, picchi veni cà, ogni matina ?
Cu ti manna a farmi cunpagnia ?
Picchi attraversi, tutta la marina.
pi sentiri sempri la stissa litania.?

Beddu passareddu, sciacquateddu
chi Diu, quarda sempri lu to vulari
e ti sarva un posto, ni lu casteddu
dunni anchi la morti, si pò amari.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CANTA SCIATUZZU
( alla signora Pina Vilardi )

Mi chiama stamatina `na signura
mi rissi, "Chiama a cu` tu vo beni
pari ca idda ghiangi tutti l'ura
picchi` nto cori teni tanti peni."

Passa li notti, li stiddi cuntannu
li jorna passa idda, a un manciari,
mischina, cussi pigghi un malannu
picchi un l'ama chiù, cu l'avi a amari.

Passaridduzzu, tu ci si cunfidenti
potacci `na `mbasciata a du sciuri
dicci,ca di lu ventu la vuci senti
e di lu mari senti lu rumuri.

Tu, canta stidduzza, canta chi lu cori
cu lu to`cantu asciuca lu me ghiantu
e` si po`ni lu cantu n`amuri mori
e na morti filici, senza scantu.

Canta `na storia appassionata,
la storia d`un amuri senzafini
chidda di na carusa `nammurata
chi pi un vasu, un taliava cunfini.

Canta sciatuzzu me, canta la vita
canta fra celu e mari, canta l'amuri
canta chi la to`vita si cuncrita
quannu ni lu cantu c`è caluri.

Poi, quannu voli Diu, quannu e l'ura
senza aspittari, senza fari piani
arriva, mutu, mutu, cu si cura
d'un passareddu, e ti vasa li manu.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
AMICU DI L’AMICI

Ivu a Las Vegas di na pizzeria,
patruni è un cristianu di partinicu
truvannumi cu unu di pantelleria
a chistu lu presentu comu amicu

ci rissi Emiliu chistu e Sarvaturi
cerca travaghiu, viri si po `mpustari
dici chi ti travaghia a tutti l`uri
sapi fari pizzi, e puru cuscinari.

La paga va curdati, un ti scantari
daci na cosa accussi pi pizzuliari
basta ca l`affittu po` pagari
tantu sulu du misi, iddu avi a stari,

e n`amicu di l`amici e pi ora
li cosi su cavuri a lu nostru paisi
e meghiu si pi un pocu resta fora
fa stu favuri a Masi l`arcamisi,

ma chi discursi fa,ancora parri
Turi va mettiti cammisa e falari
dormi da `ncapu, e po aiu du carri (1)
`nda pizzeria c’è sempre soccu fari

tu va tranquillu ca e in manu boni
nuddu lu nosci, e po firriari
tu salutami a me cumpari toni
e dicci quannu voli po affacciari.

1) macchine

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
LI ME VIRD’ANNI

Virdi nun sunnu no, li me vird`anni
picchi lu cori stancu s’è riduttu
nun sugnu nicu, mancu sugnu ranni
tegnu di ottu lustri lu dibuttu.

Partivu pi sta terra nicareddu
lassavu li me amici, me Madruzza
lassavu la me tana pi un casteddu
purtannu `nta lu pettu `na Santuzza,

e veru, ora su` riccu `Miricanu
ma comu un cani sulu nta sta terra
e si portu `mpettu na stanca manu
sentu l`arma e lu cori fari guerra.

Camminu spersu `nta tanti biddizzi
palazzi alluminati, strati granni
cercu, ma dunni sunnu di carizzi
chi me madri mi dava ancora `npanni.

Ho madri, `ncori ti tegnu, bedda matri
viri ? Un ti lassu mai p`un minutu
ma prima ca da stu corpu vennu latri
portalu `nta ddu Paisi ca e partutu,

Portami `nta dda terra miraculusa
scavusu e nuru, pocu m`inporta
idda c’è na madri dulurusa
cu li frazza aperti `nta la porta.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CARO VECCHIO MIO

Cammina nel giardino a passi stanchi
con lui le adorate nipotine
la pipa in bocca, i capelli bianchi
io guardo loro da dietro le vetrine

Cammina e racconta il suo passato
di quando ragazzino al suo paese
viveva assieme al nonno malato
con poche lire per fare le spese

e bimbe ascoltano incantate
le storie del nonno, sono vere
Storie vissute, non inventate
frutto di settanta primavere.

Ah! se potessi ritornar bambino
e rivivere con te le tue avventure
essere con te ogni mattino
e trasformar le storie in pitture

Se potessi io il tempo fermare
lo fermerei qui, questo momento
tu e le bimbe, d’inverno a passeggiare
e io da lontano spiare il movimento.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
STORIA D’EMIGRANTE

Per chi mi legge scrivo una poesia
piena di ricordi e di tristezze
questa è la storia della vita mia
fatta di dolori e di amarezze.

Tutto incominciò appena nato
figlio d’un povero contadino
dentro un pagliaio, sotto il Bonifato
venni alla luce, in un gelido mattino.

Nemmeno undicenne emigrai,
ero felice che toccavo il cielo
con me nella valigia mi partai
una foto, la bibbia e il vangelo.

Così passano i mesi, e gli anni
metto da parte un pò, per il futuro,
la sera dopo cena lavo i panni
guardando la foto appesa al muro.

Partire, far successo e tornare
è il conto che si fa ogni emigrante,
si fa il conto, ma senza pensare
agli ostacoli che troverà ogn'istante.

Sessanta, son gli anni gia passati
e ancora non mantengo il giuramento,
le promesse fatte, mai pagati,
mi manca una lira, per il pagamento.

Chi sa se in futuro, rivedrò il paese
il monte, la casetta, la marina,
avrò da parte i soldi per le spese,
oppure mi mancherà, una monetina ?

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
FRA POCO

La luna se ne andrà
dietro i monti
il sole sorgerà
sotto le stelle
e il gallo ci darà
il suo buon giorno,

Fra poco
al suon della campana
la Chiesa Madre
al mondo porterà
la triste nuova di te
ho Padre mio
che andato sei.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
VOGLIO TORNARE A CASA

Uno, due, tre,
lenti passano gli anni
e a me sembrano decenni
che non rivedo te
Italia amata.

Mi ha scritto Margherita
l’altro ieri
dicendo.
"Vito, fra poco è Natale
e ancora non ritorni
in mezzo a noi ?"

Uno, due, tre,
il conto non ritorna all’emigrante
che parte a far fortuna
e per tornar presto,

Uno, due. tre,
lenti scorrono gli anni
passa un altro inverno,
arriva la primavera,
voglio tornare a casa,
ma non posso.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PASQUA

Vannu li picciriddi casa casa
circannu cioccolatti e atri cosi
Lu nannu si li strinci e si li vasa
mentri pi li foto sunnu `nposi

La nanna regala a tutti vestiti
giornu di Pasqua è, e c'è allegria
a tutti li niputi manna inviti
pi la caccia a l`ova `nta fattoria

Dopu tutti ni la tavula assitati
fatta la cruci e ditti li prighieri
la nonna va passanu la nsalata
mentri lu nonnu inchi li biccheri

Di lu furnu nescinu l`agneddu
cuntornu di patati e virdura
lu sciavuru chi fa` e tantu beddu
chi si fa mangiari cu primura

Pi fighi e niputi ci sunnu regali
oggi e Pasqua e savi a cilibrari
amamuci tutti,scurdannu lu mali
cu canti a lu Signuri nti l`artari

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
EROE IN AGONIA

Il labbro è secco, vuota è la mente
il cuore palpita, va sui duecento
intorno a me, c’è tanta gente
mentre disteso, sto sul cemento

Grido parole che nessuno sente
tutti che parlano e nessuno ascolta
tutto corre velocemente
che rumore, la testa è tutta sconvolta

Nessuno voleva che io mi iscrivessi
ma per la patria era il mio cuore
e a tutti quanti sempre dicevo
per una donna, si nasce e si muore

Per mia mamma venni al mondo
e m’insegnò le buone maniere
per la mia patria giravo il mondo
con la divisa da bersagliere

Poi mi mandarono a fare la guerra
in terre lontano e a me sconosciute,
mangiando all’aperto e dormendo per terra
i fucili sempre pronti, dentro le tute.

Mi faccio il conto, già sono tre anni
che non vedo il paese e la mamma
da un mese porto gli stessi panni
mi lava la pioggia, mi asciuga fa fiamma

Adesso un colpo, mi ha preso in pieno
mi sono rimasti solo un paio di ore
vi prego, il mio corpo mettete su un treno
e portatemi in patria, vicino ai mie a riposare.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PI L’ONORATU

Amici e paisani tutti attenti,
stasira si riunisci l`Onorata
ci sta cunsighiu tutta la nuttata
di genti c`avi onuri e sintimenti

Viremu si accussi si po finiri
di stu tignusu sempri attintari
sparra li fimmini comu si un viri
chi li so jorna ora po cuntari.

Pi iddu nudda fimmina e onesta
su tutti cosi di strata e cannavazzu
e ura ca ci conzanu la testa
cu `na cravatta fatta di lazzu.

cussi s`avverti tutta la cuntrata
l`omu li fimmini un`avvi a tuccari
la donna madri sempri e rispettata
cu sbagghia paga,e si po curcari

di: Vito Bologna

PER CHI DEVE ONORE
( dal siciliano: Pi l’onoratu )

Amici e paesani tutti attenti,
stasera si riunisce l'Onorata,
si farà Consiglio tutta la nottata
tra gente con onore e sentimenti.

Vedremo se così si può far smettere
questo tipo che sta sempre a sparlare
di tutte le donne, come se non potesse vedere
che i suoi giorni ormai son contati.
Per lui nessuna donna è onesta
sono tutte così di strada, mal andate,
è ora che ci concino la testa
con una cravatta fatta a cappio.

Così si espresse tutta la contrada,
l'uomo, le donne non le deve toccare,
le madri vanno sempre rispettate,
chi sbaglia paga e si mette a riposare.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________

RIFLESSIONE D’AUTUNNO

Se guardi il sole giocare con la luna
e ascolti il vento che sussurra amore
se smetti d’inseguire la fortuna
e ti fai cullare dall’onda del mare
forse tu capirai, bambina bruna,
che il vero amore rima con dolore.

Se tu, all’orizzonte vedi un bagliore
che si fa guardare, e non ti abbaglia
e se poi nel deserto, nasce un fiore
vicino ad una casa fatto di creta e paglia
prendi quel fiore, stringilo al cuore
è segno di un vero amore, e non sbaglia.

Fermati alla marina, odora il mare
l’aria soave porta la tramontana
chiudi gli occhi, lasciati trasportare
e sogna il tuo l’amore alla fontana,
mentre il lenzuolo è da lavare
dopo una notte d’amore.

Se tu arrivi con me ai settant’anni
e fai la conta della vita passata
ti accorgerai che tutti i malanni
non fanno la vita più ingrata.
Guarda i figli, guarda i nipotini
e sii orgogliosa, di tutto ciò che hai.

Ama la vita, come l’ho amata io
ama le cose semplici, la natura,
non essere egoista con il prossimo,
la frutta si mangia quando è matura,
prega solo e sempre il tuo Dio,
che pace e salute sempre ti durino.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NON SEI SOLA
( ad una cara amica )

Se hai desiderio di gridare
Se vuoi fare uscire la rabbia dal tuo corpo
Se hai bisogno di parlare con qualcuno
Se vuoi sfogarti e alleggerire un pò la mente

Dalle mie parti c’è un orecchio che sa ascoltare
Dalle mie parti c’è una spalla che
può sopportare il peso di un cuore che soffre
Dalle mie parti c’è un telefono amico
Se hai bisogno, ricordati di me,
Perché non sei sola.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
L’EMIGRATO

Le stelle si vedono nel cielo
al tramontare del sole,
ogni paese ha il suo vagabondo
e chi legge la mano cercando fortuna.

Se giri solo nel mondo fra le piazze
e osservi da angoli un po’ riparati
vedi le belle e giovani ragazze
che cercano l’amante fra la gente.

Ogni paese del modo è uguale
con usi e costumi dello Stato
e dove vai, trovi il Pasquale,
colui che dall’Italia è emigrato.

Uomo romantico, cantante e ballerino,
che ama in un modo appassionato
e canta anche con il cuore
i motivi dell’eterno innamorato.

Piccolo ho grande che sia, in ogni Paese
trovi la pizza e la pasta italiana,
la mozzarella preparata alla caprese
e gli spaghetti alla amatriciana.

Se nel mondo fai il giro tondo
trovi sempre un amico vicino a te
un pirata, un vate, un vagabondo
cerca chi canta, e troverai me.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
POVERO SIGNORE

Tu che mi critichi, ti senti intelligente
è facile giudicarmi dal mio passato,
se sono nato povero e senza niente
la colpa non fu mia ma del fato.

Giudicami per quello che faccio e sono,
di ciò che senza aiuto ho conquistato
metti sulla bilancia, il male e bene
e dove sono arrivato con tante pene.

Tu, chi sei, che di me ridi ?
Perché hai sette lire e una casa
tu che sei nato in altri lidi
ti senti meglio di me, con una casa ?

Come mi fai pietà, caro signore,
sei tanto ricco si, ma non hai nessuno,
solo per i soldi, hai amici e amore,
ma solo rimani con il tuo rancore.

Sei orgoglioso ti tanta ricchezza
a tutti mostri gioielli e valori
mostri i tuoi diplomi con fierezza,
cercando di comprarti i favori.

Io povero ignorante analfabeta
non vado in giro con una Ferrari,
sempre a piedi vado per la mia meta,
e al lavoro rispetto gli orari.

Giudicami adesso dove sono arrivato,
pesa il mio onore e pure la mia famiglia,
e vedi che un povero emigrato
è più ricco di te e di chi ti somiglia.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL FAMOSO ITALIAN-CHAT

Son famosi gli stornelli romani
son famose le coste di Nizza
e nel mondo tutti gli Italiani
son famosi per pasta e pizza

Son famosi per fare i mercanti
mafiosi, dottori e artisti-poeti
poi di sera son tutti cantanti
le nazioni di ospitarli son lieti .

Il toscano parla di motore
e a tutti chiama terrone
il Siciliano facendo l’amore
sa di essere lui il padrone

Il romano ti canta stornelli
accompagnato dalla chitarra,
i fiorentini dentro i castelli
benedicono la loro terra

Il calabrese essendo cortese
parla sempre di pasta e fagioli
un dolore di pancia si prese
mescolandoli con dei cannoli

Il partenopeo si sente tenore
facendo il bravo scugnizzo
nei vicoli canta con il cuore
ad Amalfi va mangia il rizzo

In Sardegna sulla Smeralda
vanno i ricchi di tutto il mondo
e la sera la bella Mafalda
li intrattienei con fare giocondo

Nell’Italian-chat è costume
di offendere mamme e sorelle
dell`Italia è il vero marciume
un cortile di donne mammelle

E la vergogna degli Italiani
dove ognuno si sente signore
litighiamo peggio dei cani
dimenticandoci perfino l’onore.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PICCOLO FIORE

Allo sbocciar dei mandorli, un mattino
tu l’accogliesti piena di speranza
una piccola rosa, un pensierino
che di gioia riempiva la tua stanza.

Colui che la mandò ieri è partito
all’altro mondo sai, se ne andato
e tu piccolo fiore sei appassito
come quella rosa che lui, t’ha donato.

No, non soffrir cosi piccolo fiore
non chiudere al dolore la tua vita
le rose rosse parlano d’amore
come la vita che ieri è partita.

Colui che te la mandò t’amava tanto
ma l’altra amava lui, ancor più forte
ed in amor vince una soltanto
e tu nulla puoi se la rivale è la morte.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PORTAMI UN FIORE

Quando io morirò
ti prego Mamma
un fiore verde
posa sul mio cuore.

Quando io morirò
donami un fiore,
un ramoscello d’ulivo
e una colomba,
nel ricordare
la mia verde estate,
posali sul mio corpo
senza vita.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
AD UN GIOVANE VEDOVO
Il dì che s’è fermato
il cuor tuo innamorato
in ciel a ritrovato
più di quanto a lasciato.

A MIO FIGLIO
Tu piangi figlio mio
piangi per quella fiamma,
ma sappi che nel mondo
si piange sol per mamma.

AMANTI
Mi lasciasti di gelo
il dì che tu partisti
aspettalo nel cielo
il cuor che tu feristi.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
TI AUGURO

Lu jornu ca tu nascisti ci fu festa
a lu Franklyn spidali di Baltimore
quannu ti viti iu di la finestra
savuti di gioia fascia stu core.

La madri Miricana di natura
lu patri Napulitanu,emigratu
tettiru a lu munnu, na rosa pura
chi cu la vasa si nenti furtunatu,

li primi anni foru Biniritti
di lu Signuri, e di tutti li Santi
ma guannu lu to vita, tri anni vitti
sula era idda menzu a tanti,

la madri e lu patri si sparteru
si misiru di menzu l`avvocati,
ed`iu mi dumannu unni eru
ddi jorna di gioia e di vasati.

"I LOVE YOU", fighia bedda sapurita
ti auguru nti sta vita, tuttu e assai.
Ti auguru tantu suli ni la vita
chi sia sempri splentita,ma sai

mi auguro chi chiovi a timpurali
sulu accussi poi apprizzari
quantu e bedda u suli naturali,
è poi fighia mia, un ti scurdari,

Tanta felicità di cori ti auguru
di teniri la sciaccula addamuta
e nu ti scurdari, chi t`addisiu puru
dulura e penu, chi duranu un`annata

cussi capisci, fighia me biddazza
chi la granni gioia `nta la vita
e sulu aviri d`un vecchiu n`na brazzata,
picchi ti fa sanari ogni ferita.

Sangu di lu me sangu, iu lu senti
chi venu l`ura di lu me funerali
ma prima ca veni ddu mumentu
duna a stu vecchiu un vasu naturali.

"Papà ti vogghiu diri sulu du paroli,
li jorna passati cu tia, un scordu mai,
e ti prumettu ca, finennu li scoli,
sta fighia chi lassasti, a latu avrai,

Ti vogghiu bene, ma sugnu picciridda
e lu guvernu mi voli cu me madri,
ma s`in celu la sira, tu, viri na stidda
e una chi soffri,`ncerca di so patri,

Un perdiri spiranza,patri miu,
ti vogghiu beni, e ti auguru assai
e prigannu tutti dui, chi si voli Diu,
e comu un ci fussimu lassati mai..."

Chista è na storia cumu tanti
Chi sulu cu avi cori po capiri
è la storia d'un poviru emigranti
chi pi la fighia è prontu a muriri.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
Dedicato a EVA BOLOGNA

Sveglia gente ascoltate le campane
le rondini del cielo e le colombe
dalla Korea, notizie nostrane
vengono fresche a suon di trombe.

Ci portano notizia di un militare
che la patria mandò tanto lontano,
dopo tre anni si volle sposare
con SO HEE del paese Koreano.

Dopo quattro anni, di lontananza,
riunì parenti, amici e conoscenti,
dopo averli messi in una stanza
fa un discorso, il bravo sergente.

Amici e parenti qui siete invitati
ad alzare il calice della vita
brindiamo per i bimbi appena nati
che con gioia curano ogni ferita.

Brindiamo alla vita, all'amore,
a chi la libertà sempre si sogna,
brindiamo perché oggi è nato un fiore,
è venuta alla luce, la mia EVA BOLOGNA.

di: Vito Bologna


Dedicated to Eva Bologna

Wake up people and listen to the bells
the swallows in the sky, the doves
from Korea news from home
came fresh with a sound of horns.

They brought us news of a serviceman
the mother country had sent a long way
after three years he wished to get married
con SO HEE of the country of Korea

After four years he was stationed there
he reunited family, friends and aquintances
and after they were all in a room
he did a speech, the good sergeant

Friends and relatives yiu were invited
to lift the chalice of life
let's drink to the newborn children
who with their joy they cure all wounds

Let's drink to life, to love
to those who always dream of freedom
let's drink bacause today a flower was born
today came into the world Eva Bologna.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
EVA LA PICCIRIDDA

Amici e parenti tutti un v`affruntati
viriti quantu è bedda sta picciridda
quannu parra tutti attintati
razza di li Bologna e puru idda

Eranu li novi e menza di matina
lu paisi si stava arruspigghiannu
d’un trattu na vuci fina fina
etta un criru, è trasi `nta lu munnu

Dissi a tutti, parrannu chianu
Genti iu vegnu di lungu camminu
me nonnu Vitu eni Italianu
e d`emigranti fu lu so distinu

Me patri micheli e Amiricanu
me nanna margherita di polonia
me matri è di stu paisi corianu
semu come la turri di babbilonia

Nasceru a Orlando li me du cuscini
me ziu Robertu nasciu a brocculinu
la zia traci nasciu cu lu cuscinu
`nta Penzilvenia dunni fannu vinu.

Vi immaginati pi Pasqua e natali
quannu semu tutti a passiari
fascemu ririri a tutti li murtali
basta chi ne sentunu parrari

Me nonno Vitu disci bona sira
rispunni me Nanna e fa tebranu
me ziu Robertu pighiannu la mira
fa bona notti e si metti a lu pianu

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
OMBRE SULLA SABBIA
( notte appassionata )

L’arcobaleno brillava di mattina
le nuvole erano tutte colorate
il pescatore cantava alla marina
le rondine volavano a tornate.

Due innamorati distesi sulla rena
su una coperta tutta profumata
vedono tramontar la luna piena
dopo una notte tanto appassionata.

Su un albero il gufo sta a guardare
mentre il vento sussurra, amore amore
un gabbiano si posa sul mare
mentre la bimba regala il suo fiore.

Nella notte una bimba divenne donna
sotto un cielo blu-prussia e stellato,
fresca e bella come la madonna
dette il suo frutto, all’innamorato.

Un fiore e la primavera sotto il monte
in una notte che non si scorda mai,
si bagna con acqua fresca della fonte
la bimba divenne donna e io la sposai.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
CHI SA

Chi sa, quanti come me questa sera
si sentono soli e pieni di dolore,
eppure un detto dice la primavera
viene per riscaldare ogni cuore.

Chi sa quanti sono coloro che
in questo istante, in versi scrivono
le pene provocate dall’amante,
che fa soffrire chi vuol bene.

Chi sa, s’era sincera, chi lo sa
quando mi diceva, amo solo te
chi sa, se pure al suo amante da
notti d’amore come dava a me.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL PASSATO RITORNA

La sedia a dondolo, un bicchiere di vino
per terra il corriere, gli occhiali vicino
son già le sei, come passa il giorno
coltivando l’orto e il pane nel forno,

Mi siedo, una goccia, la mente è lontana
con gli occhi socchiusi, rivedo il passato
la campagna e il cane, le galline, la tana
la vecchia casetta e il nonno malato.

Lenta la legna brucia nel caminetto,
la nonna che culla il suo angioletto,
la Mamma ricama vicino la fiamma
e dalla radio si sente, LA MAMMA.

Bei cari ricordi di una gioventù
dei tempi lontani, un tempo che fù
viene l’autunno, l’estate è finita.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NOTTE ROMANTICA

Buon gionu Donna Vita si pirmittiti
iu mi presentu,sugnu masciddaru
purtavu un cadduzzu e si viriti
vannu d'accordu cu lu baccalaru.

oggi si festeggia la pascquetta
e nui cu lu capitali chi nitruvamu
accatamu lu casciu e la pancetta
emu `ncampagna e focu addumamu.

quannu scinni la sira, cu lu stiddi
`nterra di na cuperta ni straiamu
cantannu cu lu sunu di li griddi
come du ziti la notti passamu

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IL CAMMINO

Guarda su nel cielo l’arcobaleno
che fa da cornice a un grigio cielo
Guarda il ruscello com`e` pieno
e le farfalle che gli fanno da velo

Volano le rondine e le colombe
sorvolano paese e contrade
svegliano con il suono delle trombe
grandi e bambini ancora addormentate

legato, alle ali portano un messaggio
scritto da un vecchio, cuore emigrato
che anni fa iniziò un lungo viaggio
e alla partenza ancor non è tornato

Lasciò la mamma e amici al paese
con lui in tasca solo, ventitre lire
andò dove l’idioma è inglese
e la gente non lo capiva

facendo il minatore, il falegname
lavando piatti di notte nella cantina
con venti soldi si toglieva la fame
il resto lo mandava alla mammina.

Mori solo e triste l’emigrante,
ma non prima di scrivere una nota
che mise sulle ali di una colomba,
solo due righe, e pagina vuota.

"Lasciò la Mamma e l’Italia sua,
cercando la fortuna un pò lontano,
senza mai capire che per la via
perdeva la sua vita piano, piano".

Alla fine del suo lungo cammino
seduto per terra come un vagabondo
ripassò la sua storia e il destino,
scrivendo le memorie del suo mondo.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
TU COME ALLORA

Tracce di sabbia coprono il corpo tuo
di quando distesa stavi sulla rena
il tuo cuore cantava insieme al suo
mentre all’amore ti davi serena,

dalla tua pelle, volò una farfalla
e si andò a posare nel giardino
dal mare una sirena venne a galla
poi di bacio il sole del mattino

timida, avevi vergogna di guardare
e con le mani nascondevi il viso
lavandoti con acqua di mare,
lui tentò un timido sorriso,

Stringendoti al cuore ti giurava
amore eterno per tutta la vita,
amore chi ti ama, mai si scordava
la notte che sfogliavi una margherita

Trent’anni son passati e come vedi
ti amo ancora come il primo giorno,
in regalo mi donasti degli eredi
sei il mio mondo e tutto ciò attorno.

Guarda in cielo, la luna è piena,
tu come allora sei la mia bambina,
stanotte dormiamo sulla rena,
abbracciati aspettiamo la mattina.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PREGO LA NATURA

Luna
che dal ciel tu vedi tutto, ti prego,
quando la vedrai non dirle nulla,
ma dimmi il suo cammino.
Monti
che coprite da valle a valle vi prego,
fate che non s’affatichi alle salite.
Stelle
che illuminate il firmamento vi prego,
fate che non sia mai buia la sua strada.
Acqua
che vai sin oltre mare, ti prego,
se la vedrai nel deserto, dissetala,
bagna la sua fronte, ma non intimorirla
con le tempeste.
Vento
che la voce porti altrove ti prego,
portale la mia, dille che l’amo.
Voi
che un dì eravate,
voi che siete ovunque e che sapete
cos'è la soffrenza,
parlatele di me ogni momento,
ditele che l’amo in ogni istante,
che la mia vita è vuota senza lei,
ditele di ritornare perché soffro tanto.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
FATIMI CUNTENTU

Sentimi frati me, tu chi ritorni
a ddu paisi chi picciotti lassamu
va ni la chiazza e li so dintorni
e cunta a tutti chi vita passamu

Dicci chi la vita di emigratu
nne` tutta oru,comu luci
dicci chi lu me cori unne` ingratu
e notti e ghjornu iu sentu ddi vuci

La voci di lu zu masi, lu vinnituri
mentri abbania calia e simenza
la vuci di zappula lu gran tinuri
mentri chi a la radiu canta "SENZA"

dicci chi sulu a sentiri parrari,
lu Sicilianu, m`arrizza la peddi
dicci chi lu cori mai po scurdari
la bedda Sicilia cu li so casteddi

E siddu`nta sta terra iu moru
`nta lu nutaru fici tistamentu
purtati st`ossa ni la conca d`oru
e l`ultimu disiu, fatimi cuntentu.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PREGHIERA D’EMIGRANTE

le campane suonano L’Ave Maria,
la contadina torna dalla fontana,
c’è chi prega e cena in compagnia,
solo e chi la patria a lontana.

Sul balcone di un condominio
guarda all’orizzonte l’emigrato,
chiudendo gli occhi, rifà il cammino
dal giorno che il paese ha lasciato.

La nave era pronta per salpare
i gabbiani volavano vicino,
trenta persone lì a salutare,
chi solo va per il suo cammino.

Quindici giorni di alto mare,
giorno e notte a fare dei piani,
fare un pò di soldi e poi tornare
nella terra amata dai paesani.

Di giorni ne passarono e pure anni
son più di cinquanta primavere
trascorsi in tre stati americani
fra tante lagrime e tante preghiere.

Ora ha i capelli bianchi l’emigrato,
e sogna ad occhi aperti di tornare,
ma anche questo sogno è sfumato
e non gli resta solo che pregare.

Prega che almeno dopo morto,
le sue ceneri siano portate
dentro un baule, in quel porto
che diete vita al povero emigrante.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
NATURA MORTA

All’ombra dei cipressi l’altro giorno
guardavo verso valle, la pianura
un pecoraio che suonava il corno
e un pittore che pittava la natura.

Un farfalla pian piano si posava
sulla solitaria, gialla margherita
in cielo una colomba che volava
guardava fuori la grotta l’eremita.

Una pecorella, alla fonte si disseta
un pò distante la protegge un cane
scrive le sue rime il vecchio poeta
mentre la chiesa suona le campane.

Chi sa s’è realtà, ho natura morta
se sto sognando questo paradiso
chi sa se il nuovo giorno porta
pace e serenità con un sorriso.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
VITO & MARGHERITA

Andiamo. andiamo sul quel sentier fiorito
io prendo moglie e tu prendi marito
vieni con me dammi la tua mano
chiudi gli occhi ti porterò lontano
ti porterò in chiesa e mentre preghiamo
davanti a Dio e il mondo, io griderò "TI AMO"
apri bene le orecchie non senti il campanile
come suona armonioso, soave e gentile.

Due colombe bianche si mettono a volare
e portano la nuova a quelli d’oltre il mare,
in viaggio di nozze di vorrei portare
in giro per il mondo e sai cosa fare ?
Aver tanti bambini beh, diciamo sei
li metteremo in fila e faremo dei cortei
dai vieni andiamo sul sentier fiorito
eterno amore ti promette Vito
tu solo dimmi che sei la mia vita,
marito e moglie, Vito & Margherita

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
COLOMBE & FARFALLE
(a Luisa )

Volate nel cielo farfalle e colombe
sorvolate Città, Paesi e Continenti,
i morti posateli sulle tombe
ai vivi fate loro i complimenti,

sono versi scritti da uno emigrato,
uno dei tanti, poeta-scrittore,
sono poemi bagnati dal pianto
semplici e puri, scritti con il cuore.

Se ci sono sbagli da aggiustare
lascio il lavoro ai professori,
io scrivo poemi, solo da mandare
agli ignoranti lavoratori,

a chi come me non ha avuto scuola
chi per bisogno costretto ad emigrare
con una valigia e la bibbia sola
cosi di notte poter pregare.

volate nel cielo farfalle a colombe
con voi portate un ramo d’ulivo,
annunziate con fanfare e trombe,
torna l’emigrante, ma non è più vivo.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________


CERCANDO L’AMORE

Aveva gli occhi azzurri come il mare
e i capelli biondi come il sole
il labbro fatto apposta per baciare
in un volto che non ci sono parole

un giorno era stanca d’aspettare
colui che gli promise tanto amore
con la valigia si mise a viaggiare
in cerca di chi riscalda il suo cuore

In Europa, in Svizzera e Corsica
passa per Londra e pure la Spagna
non sentendo quella voce amica
s’imbarca per gli Usa da Bologna.

Scende a New York con la neve
girando il Bronx, Queens e Corona
a Brooklyn fa una visita breve
poi con il treno va sino a Daytona,

da li un parente l’accompagna
nei ristoranti che sono ad Orlando
chiede in tutti i posti senza vergogna
se qualcuno a visto il suo Armando.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
UN POSTO AL SOLE

La luna brilla in cielo, canta il coyote
nell’Arizona fresca e la pianura
sotto le stelle prende le sue note
il vate che immortala la natura,

a destra un canguro è tutto solo,
nemmeno l’ombra gli fa compagnia
mentre un rapace prende il volo
il serpente va per la sua via.

Il poeta non trova parole
per descrivere tutta la bellezza
ha trovato il "suo posto al sole"
cantando in "totale ebbrezza"

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
DUE RIGHE PER MAMMA

Bianchi come la neve i suoi capelli
nel viso i segni delle sofferenze,
gli occhi profondi sembravo gioielli,
illumina tutti con la tua presenza.

Basta vederla e si accende la fiamma
il suo sguardo allieva ogni dolore
amo mia mamma, come tutte le mamme
perché ogni mamma sa cos’è l’amore

Anche lontana, Mamma è sempre vicina
pronta a dare amore e conforto
con lei porta il sole ogni mattina
ed io la porto sempre nel cuore.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
IMMAGINE NOTTURNA

Nel cielo vola un gabbiano amico
vicino a una colomba bianconera,
insieme vanno nel mio borgo antico
mentre piano, piano scende la sera.

Con mano stanca e un volto da cera
una vecchietta accende una candela
poi in ginocchio dice la preghiera
vicino alla cena di verdura e mela.

Il marito fuma e passeggia fuori
mentre ricorda la sua gioventù
nel giardino sotto quattro fiori
fogli ingialliti di un tempo che fu.

Prende pennelli e colori Migliarino
stasera farà un quadro "il tramonto"
immortala pure il solitario pino
e il pastorello mentre fa il conto.

La musa sta scrivendo una poesia
con dedica a un cuore emigrato
in Chiesa il coro canto Ave Maria
il Nonno culla il bimbo addormentato.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
GENERAZIONI IN UN FLASH

Guarda quel trio che scende dalla via
sembra l’estratto d’una fotografia
un padre con il padre e vicino un figlio
bombetta in testa e all’occhiello un giglio

il padre al centro sembra un attore
suo padre a destra un vecchio dottore
il figlio a sinistra, uno studente
che quando parla si ferma la gente.

Fanno sognare donne e ragazzine
il trio con bombetta e mocassini
nel sangue hanno musica e poesia
sempre circondati dall’allegria,

oggi tutti e tre saranno in pista
circondati da scrittori e artisti
verranno immortalati nella storia
con Giotto, Dalì e Dante per compagnia.

Mentre Alcamese ne scriverà i valori
saranno immortalati da Sartori
e alla fine come per i geni,
al museo avranno la loro stanza.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
TEMPO D'ATTESA

Dietro la finestra
una candela illumina
i miei fogli ingialliti;
prose, poesie e degli appunti,
racconti scritti nella gioventù.
Oggi vecchio e solo li ripasso
mentre scribacchiando cose nuove
ritorna in mente un tempo che fu.
Rivedo la musa Anna Marinelli
mentre scrive il poema Nevicando
alla radio ascolto la voce di Caruso
e i suoi vecchi stornelli
rivedo Sartori con i suoi pennelli.
Bei ricordi di quando ragazzino
a piedi scalzi me ne andavo al torrente
oppure d’inverno e di buon mattino
s’andava al forno a prendere il pane.
Ricordi sono i miei di gioventù
mentre scribacchiando e sognando
aspetto il sonno che non mi sveglia più.

di:Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PRONTO SOCCORSO

Mai crederò che tutto sia finito
e il letto che scaldavi è abbandonato
chi mai dirà al mio cuor ferito
che chi amava da trent`anni l'ha lasciato.

Stasera se nel ciel brilla la luna
e le stelle gli fanno compagnia
gli chiederò se una donna bruna
fra le nuvole hanno visto per la via.

Il dottore mi disse "stia tranquillo
fra tre giorni a casa la riporta
ma l`indomani io sentii uno squillo
ed un vociare dietro la sua porta.

Esce l`infermiera e dice " e finita,
con un sorriso sul labbro se n'è andata"
e adesso chi curerà la mia ferita?
Entro e ti vedo,sembri addormentata.

di : Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
SOGNANDO FRA LE STELLE
"un sogno a puntate "

Sognavo che scribacchiavo
e scrivevo un sonetto
nel sogno lo chiamavo
Erunamo il maledetto

sentii il bisogno
di andare in rete
su Scribacchiando sogni
dove scrive molta gente

ho letto con calore
come mia prima meta
" oggi ti regalo amore "
scritta da Max il poeta,

dopo andando giù
leggevo senza fretta
chi divina fu
" DOLCE SIRENETTA "

poi ho visto una foto
" Sera sul gran canale"
la Jalesh ha messo in moto
la sua vena carnale

nelle sue fotografie
immortala il momento
mentre nelle poesie
sfoga il talent0

nel suo "RICORDO " prosa
da donna torna bimba
nella foto è in posa
ricorda la cara Simba.

Di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
I DUE EMIGRANTI

Cade la neve sul mio borgo antico
la neve è bianca, come i miei capelli
nelle vie deserte cerco un amico
che come me, costruiva castelli.

Castelli immaginari e principesse
spade di ferro fatte di cartone,
ci siamo lasciati con delle promesse,
che saremmo tornati nel nostro rione.

Lui andò in Svezia a lavorare
io in America dovetti emigrare
e tutti e due giurammo di tornare
prima che morte ci venga a trovare

Cade la neve, e mi trovo solo
nelle vie deserte che non riconosco
d’un tratto un passero si alza in volo
sembra mi dica,"vieni nel bosco".

A passi lenti lo seguo a stento
mentre il vento mi porta una voce
"vai a sinistra, pero stai attento”
faccio due passi e trovo una croce.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
ODISSEA DI UN EMIGRANTE

Per te stanotte dolce musa
volerà un canto d’emigrante
sin d`ora umilmente chiede scusa
se la sua voce non è tanta brillante

Per te che sei nell’Italia mia
si alzerà un canto disperato
un canto che parla di nostalgia
di chi per mala sorte è emigrato

Al mare affida tutto il dolore
al vento le parole amare
alla luna dona il cuore
alle stelle sussurra il suo rancore

Gli sussurra di una vita
che ogni notte sogna di tornare
sperando di sanare la ferita
d’una sirena che piange sul mare

Stasera mentre in cielo brilla la luna
al mondo canta un cuore emigrato
canterà a tutti la sfortuna
di un uomo triste solo e malato

Canta l’Italia amata che l’ha tradito
non vedi che sono solo e disperato
ti chiedo aiuto e non muovi un dito
Italia, Italia solo te ho amato.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
PER UN MONDO MIGLIORE

Se per un mese avessi il talento
da solo me ne andrei per il mondo
al vento affiderei ciò che sento
e da emigrante farei un girotondo.

Dalla Sicilia al nero continente
Tunisia, Marocco, e ogni paese
America, Russia e Sol Levante,
lasciando a tutti pedali di rose.

Visiterei tutti gli ospedali,
gente sola e bimbi abbandonati
senza guardare i loro natali
andrei pure al fronte con i soldati,

a tutti porterei un messaggio
di tranquillità e di bontà,
a tutti direi al mio passaggio
"PER LA PACE CI VUOLE VOLONTA`"

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
REGINA DELLA NOTTE

Se di notte senti dei canti
e il cielo è tutto stellato
canta anche tu per gli amanti
che vedi distesi sopra il prato.

La luna che dal cielo fa da mamma
al giovane pivello innamorato
facendo l’occhiolino alla sua fiamma
sa che si è trovato un alleato.

Se in amore tu non hai fortuna
e ti senti solo, triste e disperato,
aspetta quando in cielo c’è la luna
lei può cambiare il tuo fato.

La luna che della notte è regina
ha un regno pieno di stelle
a volte la vedi anche la mattina
quando racconta al sole tante storielle.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________
 TI DONO IL MIO AMORE

Dimmi che m’ami, che mi vuoi bene
dimmi che sono io il tuo solo amore,
dicono che nel mare le sirene
parlano hai marinai col cuore

Tu stai seduta li, su quello scoglio
hai un cuore di pietra e il volto triste
ti ho visto, m’innamorai, ora ti voglio
sei la più bella tra quelle viste.

Tu sei la mia musa, l’ispirazione
sei il sole, il mare, il mio universo,
a te dedicherò le mie canzoni
con il tuo nome incluso in ogni verso.

Guarda le stelle e poi guarda la luna
a notte è fatta per fare l’amore
 Ti dono il mio amore

Dimmi che m’ami, che mi vuoi bene
dimmi che sono io il tuo solo amore,
dicono che nel mare le sirene
parlano hai marinai col cuore

Tu stai seduta li, su quello scoglio
hai un cuore di pietra e il volto triste
ti ho visto, m’innamorai, ora ti voglio
sei la più bella tra quelle viste.

Tu sei la mia musa, l’ispirazione
sei il sole, il mare, il mio universo,
a te dedicherò le mie canzoni
con il tuo nome incluso in ogni verso.

Guarda le stelle e poi guarda la luna
la notte è fatta per fare l’amore
e se cade una stella porterà fortuna
ti dono il mio amore, dammi il tuo dolore.

di: Vito Bologna

____________________________________________________________________________________________

 
Torna ai contenuti | Torna al menu