Remo Lana - Alcolore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le tue poesie
Le poesie di REMO LANA
 
Nella parrocchia di S.Maria Assunta di Bione
Cinquantesimo di matrimonio
di Remo Lana e Vincenza Martinelli
(10 settembre 2016)
 
In questo giorno speciale
riaffiorano i ricordi,
di 50 albe senza fine,
e così ogni notte
come la luna
esploro il cielo,
e vedo emergere
la tua figura
la tua storia
il tuo paese.
Cara Vincenza
il cinquantesimo è arrivato,
sei entrata nella mia vita
sei entrata nel mio profondo,
per me esisti solo tu
in questo mondo.
Oggi la mia poesia più bella
non la leggerà nessuno,
sarà scritta di silenzio
e nell'infinito
che si perde nel cielo.
Oggi la mia poesia più bella
la scriverò per te
senza parole
ma con grande amore.
Festeggiamo oggi
questo nostro cinquantesimo
di matrimonio,
con figli,parenti e amici
qui al Passatempo
ristorante pizzeria,
mentre i ricordi
restano sopiti,
tra i ricordi belli,
tra i ricordi felici.
GRAZIE VINCENZA

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________

Vivo, Canto, Prego

Vivo, canto, prego
cerco di capire
come va il mondo:
la violenza
la povertà
la corruzione
la disumana sofferenza
le guerre.
Vivo, canto, prego
in un cielo aperto
inerme a seguire
la trama
della disoccupazione:
di un paese
di una regione
di una nazione
di un popolo.
Vivo, canto, prego
per tutta l'umanità
per te usignolo
per la tua libertà.

di: Remo Lana
(da: XLI Edizione Poesia Pace 2013)

____________________________________________________________________________________________
Il mio giorno

Quando arriverà
il mio giorno
finirò di leggere
il Vangelo secondo Marco,
sarà un giorno di festa
donerò il mio corpo
alla terra
liberando la mia anima
piena di ricordi.
Diventerò un angelo leggero
camminerò a fianco
di S. Marco
indossando gli abiti
del vento,
per fuggire da questa terra
verso l'universo.
Del mio corpo
solo polvere resterà
e non avrò più paura.
Eccomi
ho mio Signore,
Remo Lana
è pronto
qui sul Monte Prealba
di Bione.

di: Remo Lana
(Poesia premiata con una menzione d'Onore a Torino)

____________________________________________________________________________________________
L' EMIGRANTE

Si sveglia di sobbalzo
su quel treno che parte.
E' un uomo che vuol vivere
è un uomo che piange.
Come un vaso ripieno
è fermo
ma parte.
Nel cielo
una luce splende
illumina la terra
semina la pace
riempie gli animi
ma non il cuore dell' emigrante.
Non gli è concesso
di ritornare.
Al suo grande paese
può soltanto pensare.
E' un treno che parte
che porta la merce
che porta l' emigrante.
Costretto dalla fame
ad andare
in quella terra straniera
in quel lontano paese
entrare in quell' abisso profondo
nel saluto del giorno
nel buio della sera.
Nessuno gli tende la mano
nessuno ha mai voluto capire
il suo colore
la sua bandiera.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
E' MERAVIGLIOSA LA VITA

E' meravigliosa la vita
nelle delizie dell' uomo
dei giorni passati
quando attorno tutto tace.

E' meravigliosa la vita
nel quieto riposo della sera
ascoltando la voce del cuore
recitando la preghiera.

E' meravigliosa la vita
perché ogni storia
ha la propria pena
ed è sempre
il mito del giorno che ritorna.

E' meravigliosa la vita
nella fredda stagione
come nella calda estate
in una impronta
di soavità e di pace.

E' meravigliosa la vita
in ogni lampo di intelletto
per quello che ci dà
per tutto quello che ci circonda
per tutto lo stupore e prodigio
nelle sue analisi
rapide e precise.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
DOVE ANDREMO A FINIRE

Nostro padre celeste
ci manda la pioggia
e la tempesta,
il governo Berlusconi
ci prende quello che ci resta,
noi in mezzo a questi
SIGNORISSIMI
restiamo sempre più poverissimi.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
ACQUA CHIARA E FRESCA

Anche tu
acqua chiara e fresca
sei come gli antichi
passi e canti tutti i riti.
In vasca,in mare
in piscina nei fiumi
ovunque tu sia
sei un miracolo di cortesia.
Ti lasci accarezzare
ti lasci coccolare
ti lasci raffreddare
in quel magico segreto
in quel magico sogno
in quella piacevole abitudine
che si ripete all' infinito.
Acqua chiara e fresca
ma tu
non riposi mai.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
TU SEI

Tu sei
una donna
una mamma
la regina della terra.
Tu sei
il sorgere delle stelle
nell' eco dei millenni,
nelle spire dei tempi.
Tu sei
un miraggio arabesco
con sorrisi e carezze,
impasti l' uomo
con magiche mani
d' aureola d' oro.
Tu sei
l' amante, la sposa
sei come un canto d' allodola
nell' azzurro cielo
di primavera.
Tu sei donna
tu sei vita
tu sei paziente,
di tutto ciò
che l' uomo cerca,
ed oltre
vi è la gioia infinita.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
I TUOI OCCHI

I tuoi occhi
brillano nel grande oceano,
su valli deserte
su giardini fioriti
in questo mio paese.
I tuoi occhi
sfidano il tempo
e le tempeste della vita.
I tuoi occhi
raccontano fiabe incantate
donando al cielo turchino
il profumo olezzo
degli sbocciati fiori.
Nei tuoi occhi
cerco il piacere
che scuote il mio corpo,
e fa gioire
questa mia breve vita.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
UNA GIORNATA DIVERSA

E' stato un bellissimo viaggio,
la montagna, la neve
avevano la nostra voce,
in un linguaggio fresco di parole.
Il vento che ci baciava
sulla fronte
era nei nostri cuori
che ci tumultuava.
Un lungo e caldo
raggio di sole
illuminava i nostri volti.
Benedetto
era tutto il silenzio
che ci parlava
di migliaia di cose.
Era una giornata diversa
che ti condensa così bene
il cuore,
cantando al creato
pace e amore.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
GOCCE D' ACQUA

Gocce d' acqua
che scendono
lungo verdi colline.
Gocce bagnate
di remoti dolori
di guerre
di dolore e disperazione
tra i popoli e le Nazioni.
Si svegliano i fiori
e la vita
al tocco dell' incauta
goccia di rugiada.
Cammino di corsa
per raggiungere
la mia casa,
una goccia di pioggia
cadendo,
mi ricorda
che oggi il cielo
si è aperto
e a tutti vuole parlare.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
L' ANIMA

L' anima
un soffio d' amore
generata con madre natura.
Vive
il valore di un' emozione
in un giorno di primavera
quando la vita dei fiori
cominciano a sbocciare.
Vive
il valore della preghiera
in un giorno di festa
al suono delle campane,
accorgendoti di camminare
mano nella mano
accanto alla tua anima.
L' anima
tutti gli esseri umani
la cercano e la rincorrono
per riscoprirla ogni giorno,
nei nostri travagli e sospiri.
Attorno all' anima,
solo il fruscio
dei folti petali dei fiori,
che giunti al termine
del viaggio
si posano vicini.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
E SALIMMO SULLA COLLINA
CON I FANTI DI BIONE

E salimmo sulla collina
con i Fatti e Fantezze di Bione,
ci venne incontro
il suono
della cascata di Bione,
con il suo canto
tra le onde verdi
e la Conca d'oro.
Si udiva in qua e in la
il fresco mormorio
di caldi pensieri,
nel tenero respiro
dei fiori e dei fanti.
Il vento tra le rocce
della collina,
componeva una preghiera
piena di speranze.
Nel rifugio
dei Fanti di Bione,
l' impronta sull' umida terra,
profumava
di gioia e di amore.
Le case, le cascinette
il Santuario della Madonna
del Salto,
nel fremito
di una festa senza tempo.
E salimmo sulla collina
nel giorno della sua festa
con i Fanti di Bione,
dove oggi è già ieri
ed un attimo è eterno.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
GIOVANNI PAOLO II, IL SANTO PONTEFICE

E venne da lontano
il Santo Pontefice
che è stato prescelto
dal Consiglio Superiore.
Arrivato a Roma,Città Vaticana,
pregava al gran Dio e la folla ascoltava.
Dalla finestra disse:
"se sbaglio voi mi correggerete".
La gente applaudiva a questi saggi ideali,
ogni persona commossa
risvegliò i natali.
Giovanni Paolo II
cominciò a girare per il mondo
gettando ponti tra la Chiesa e l' umanità,
tra Dio e l' uomo, tra bibbia e scienza,
tra teologia e cultura,tra fede e arte,
tra la Croce di Cristo
e la sofferenza di ogni uomo.
Gridò ai governi dai grandi poteri
che facevano le guerre per essere fieri.
E gridando a Dio di questi malfatti
egli a continuato a pregare
per sconfiggere quegli atti.
A confortato i poveri, i carcerati,
a accarezzato i bambini
pregando con loro,
tutti ha abbracciato nel nome del Signore,
sempre pronto a combattere
per conservare le anime
nell' ordine dell' amore.
E' venuto da lontano Giovanni Paolo II,
attraverso encicliche e interventi vari
a proposto continuamente
mete significative da raggiungere.
Con sagge preghiere
a ricordato a tutti
che Dio è sempre nei nostri cuori.
Il Santo Pontefice Giovanni Paolo II
pieno di fede salda come roccia
alla devozione a Maria,
ha vissuto la sofferenza
senza nasconderla,
all' attenzione verso le persone
con tutti i problemi
di dolore e speranza.
Sabato 2 aprile 2005 alle ere 21.37
dopo 27 anni di Pontificato,
povero arrivò dalla Polonia,
povero a lasciato il Vaticano,
andando nella pace eterna
accanto al Signore.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
LA TRECA (il mio cortile)

In via pietro da Cernusco,1
sono nato e cresciuto,
la "treca" era il mio cortile,
sono nato in tempo di guerra
era il 1940,
perciò era giocondo ascoltare
il suono della sirena
della filanda accanto.
Deserto d' ignoranza
era a mè intorno
nel mio terrestre soggiorno,neppure mi era concesso
di conoscere me stesso.
Piansi a cinque anni
quando
mio padre tornò dalla guerra.
Era una corte piena di scale e ringhiere,
in cortile con "segiun" e " ass"
le donne lavavano i panni
con acqua pompata a mano,
poi gocciolanti su fili
con salde mollette
tra una ringhiera e l' altra
asciutti li trovavi.
Era strano quel mondo
solo ora lo so
ma per me era l' unico
e non potevo fare confronti.
Il pane bianco, un cappotto,
un paio di scarpe,un vestito,
era solo un sogno.
Sempre uno squillar di campane
a Cernusco sul Naviglio,
e in chiese vicine e lontane
la gente si riuniva a pregare.

di: Remo Lana  

____________________________________________________________________________________________
CERNUSCO SUL NAVIGLIO
"mia adorata città"

Dopo
mezzo secolo di vita
in questa stupenda
Cernusco sul Naviglio
mia adorata città
trovo
che è bello vivere
trovo
la volontà d' amore
trovo
ragioni e motivazioni
per un vivere
quiete e solidale.
Oh.. Cernusco mia cara
qui sono nato
qui sono cresciuto
qui vivo
un compito di responsabilità,
tu sei
la mia adorata città.
Sei piena di verde
di ville e cascine artistiche
di angoli rari e di chiese
e scorci caratteristici
tramandati dai nostri Avi,
in mille infiniti
sguardi d' intesa
per assaporarne
le tue bellezze
nell' indistruttibile pace
che qui sempre regna.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
RICORDI

Ricordo la cartella di legno,
troppo grande, troppo vuota, rigida
e rumorosa: due quaderni ed
un sillabario, un astuccio di legno
con matita, pennino e portapennino
ed un piumino fatto di stracci
per pulire il pennino,
un foglio di carta assorbente.
Nell' aula l' ingresso della maestra,
noi in piedi in silenzio e poi
"Buon giorno signora Maestra".

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
IL TUO RITORNO GESU'

Vorrei sapere quando avverrà
il tuo ritorno o Gesù,
per umiliare il potente
e innalzare il povero.
Perché
non ti fai più vedere
e continui a non venire?
Perché nel mondo
tutte queste guerre
tutti questi morti innocenti?
O Gesù
conservami nell'eterna tenerezza
del tuo Sacratissimo Cuore.
Perché con la tua morte
si sparge ancora sulla terra
il sangue innocente di Abele?
Perché nell'uomo
la realtà del male
domina dappertutto
e la vita è come l'acqua
che scorre e se ne va.
Perché il tuo amore
è infinitamente povero
di tutto ciò che passa.
Da duemila anni
aspettiamo il tuo ritorno
o Gesù,
cosa aspetti a venire.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
FIOCCHI DI NEVE

Lenti e leggeri
cadono dal cielo
i fiocchi di neve.
Sono briciole
d'ali di colombi,
pulviscoli di un volo,
sospiri
di pensieri d'amore,
frammenti di carezze
sull'indifferenza del mondo,
sulle ingiustizie,
sui teneri presagi.
Così nevica poesia
nei fiocchi di neve.

di: Rema Lana

____________________________________________________________________________________________
LA GUERRA

La guerra
assidua con furia perversa
è terrore in tutto il mondo
con forte minaccia.
Una realtà
in cui gli uomini vivono
con profonda psicologia
e pungente amarezza.
Per noi lontani
ci sentiamo sempre protetti
guardando la televisione.
Troppe guerre oggi nel mondo
dove assidue si sferrano
tra il bene ed il male
con l'odio funesto che prevale.
La guerra
e la morte camminano assieme,
io vivo intanto
immerso nel mistero.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
FILASTROCCA

Quando ai fame
cerchi il pane,
ma prima del pane
ci sta il fornaio,
il fornaio ha la farina
la farina la fa il mugnaio
il mugnaio lavora il grano
il grano è del mietitore
ma l' hanno prodotto
il seminatore.

Quando hai fame
cerchi il formaggio,
ma prima del formaggio
c' è la casera
nella casera c' è tanto latte
il latte l' hanno portato
il pastore
e l' allevatore.

Qui finisce la filastrocca
ma altri lavori
potrei ricordare.
Dico a te
caro fanciullo,
impara col cuore
a saperli amare.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
1940 - LA MIA GIOVENTU'

Guardo ogni giorno
la moderna gioventù
dai soldi facili
con idee colme di contesto,
spesso senza guida e patria
nell' oscuro avvenire,
e ripenso
forse per invidia,
a quello che fu la mia gioventù.
Molti sogni spesi nel nulla
solo dovere e amore,
ma chiarezza nel domani.
Oggi ringrazio il Signore
per tutto quello
che forse non ebbi
ma che oggi ho.
Ed è una vita tranquilla
e felice
che mi ripaga
della mia gioventù passata.
E nell' alone dell' irrazionale
io vivo e attendo il desiato istante
che Dio mi accolga tra le sue grandi ali.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
CHI E' POETA

Poeta è chi estende a tutti
la sua parte della totalità,
poeta è chi sente
chi ama
chi dà,
la sua sete
d'infinito all'umanità.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA POESIA

La poesia è una musica,
un suono
un accordo
dolce e suadente,
polemico e violento,
è una luce
che spunta tra il grigiore
del proprio pensare
e i lampi del sentimento.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA TENEREZZA

La tenerezza
è il fiore di un sorriso,
è l'amore sentito
nella mano che stringo,
nel fratello che abbraccio,
nel prossimo da me servito,
nella gioia del donare.
La tenerezza
è nell'uomo
con le sue risorse infinite.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LE ORTOLANE

Le ortolane del mio paese
arrivavano da varie città
e paesi,
tra sogni ed affanni
nella tenebre del mistero,
lavoravano e cantavano
sempre in coro
sui terreni appena arati.
Allineate sulle "prose" seminate,
con il proprio zappino
tra le mani,
toglievano le erbacce
infestanti sui terreni
" èl mundà la verdura".
Di giorno seguite
dai padroni ortolani,
di sera
seguite dai galli del paese
con la moda di quel tempo
e con frasi da intuire.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA PACE NEL MONDO

Pochi uomini al mondo
sanno,
che la pace porterà:
desiderio di soffrire
fame d' amore
sete di fede e di gloria,
forse è per questo
che tra i popoli
c' è sempre la guerra.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LE MIE RADICI

Nella mia Cernusco S/n
assorto con le mie radici
guardo il futuro,
dallo specchio d' acqua
di un naviglio
e parco incantato.
La vita non da tregua
non si rassegna mai,
scava nell' anima e nel cuore,
morde senza gridare
anche quando ti ritorna
la memoria
di un antico borgo
che non colse
il frenetico andare della vita.
Così
so che non inutile
è stato il mio passato,
non importa
se lieto oppure triste,
è in questo mio paese
dove sono nato e cresciuto
che ho posto le mie radici.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
TUTTO NASCE E MUORE

Sui monti
l'alba s'affaccia improvvisa
e veste le cime
di luce bianca gioiosa.
Rocce assonnate
sospirano adagiate
su millenari pensieri pacati
nel lucido biancore.
Sospesa e remota si leva
l'aria umida del mattino
che intreccia lo sguardo del sole,
rastrellando tutto il sottobosco
dal tormento mai cessato
dentro il corpo inanimato.
Solo
posto a disturbare
quella visione,
in piedi tra due rocce
ad osservare che nel mondo:
tutto nasce e muore.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
DICEMBRE 2008 CHE
NATALE QUEST'ANN0

Dicembre 2008
che Natale quest’anno
disoccupazione che aumenta
fabbriche che chiudono
surriscaldamento della terra
buco nello strato di ozono
perdita di identità
e di valori umani,
la famiglie non riescono
ad arrivare a fine mese,
siamo ritornati agli anni
del dopoguerra,
con la fame e la miseria.
Quante volte
nei miei sogni notturni
e nelle mie diurne visioni,
a te ritorno, o notte di Natale.
Le campane su microsolco
spandono suoni di festa:
sulle case di cemento
sui viali coperti di carta colorata
sui cuori di pietra.
Con questa festa ritorno ragazzo
ricordo la guerra e la fame.
Sugli altari coperti di fiori
nasce il Signore,
forse non credi
ma almeno in questa notte d’amore,
puoi venire anche tu ad adorare il Bambino.
E’ mezzanotte, nasce il Redentore
Buon Natale, Buon Natale
Buon Natale a te e a tutti i popoli
di questa nostra terra

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA PAURA DI VIVERE

Guarda la natura
e accetta l'arcano mistero
dei suoi incantesimi,
confessa
la paura di vivere
nello specchio della tua anima,
non ti trascurare mai
vivi la tua vita
sempre con verità.
E quando il vento
scuote con rabbia
le più alte cime delle querce,
confessa
la paura di vivere,
guarda in alto
cercando Dio.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
UN FIORE

Quando vedo sul prato
con lostelo spezzato
un fiore
riverso nel fango,
vedo
la furia delle malattie
del genere umano.
Nel buio
una luce
un'ombra
una croce.
Amandoti ho pianto.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
IL PRIMO DELL'ANNO 2009

Dal chiasso e allegria
del fine d'anno
mi basta il rapido ricordo.
Tu sei
il primo giorno dell'anno
sei arrivato
con voce, vita e gioia
nel breve arco
di una luminosa aurora.
Tu sei il primo:
dei 365 tuoi fratelli,
delle tue 12 sorelle
e dei tuoi 52 cognati.
Tutti questi tuoi parenti
lottano per vivere
lottano per vivere
lottano per un ideale
lottano
per avere un pò di fede
e d'amore.
L'infinito
silenzio della mattina
dopo una nevicata
fredda e insistente
a messo tutti a tacere,
pare che tutti dormano,
si
dormono sconsolati,
perché in questo mondo
anche se questo
è il primo dell'anno
non riescono mai
ad abbracciare la PACE.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
CIAO, COME STAI AMICO

Sei venuto dal mare
con le barche senza vele
con te
condivido il pane e il lavoro
e il mio canto libero
fra statuine di pastori
montagne di cartapesta
e pecore più o meno smarrite
dove Maria con Giuseppe
sono vicini a Gesù appena nato.
Ciao, come stai amico.
Accanto a noi
c'è bisogno d'amore,
il Natale quindi
ci unisce per stare insieme
e condividere
una comune giornata di festa,
ho gridato il tuo nome
sulle bianche montagne
e fiorite vallate
cercando d'inventare
l'estasi dell'anima in preghiera.
Te lo devo dire
nell'attesa
del primo grande evento,
tu chiamalo emozione,
la società cambia
come le tradizioni,
anche le più antiche
faticano
a mantenersi vive.
Ciao, come stai amico.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
VIVERE DI LIBERTA'

Il cielo e la terra si uniscono
nella loro multiforme
e Divina creazione.
L'uomo non sa
vivere di libertà,
viola ogni giorno
con la sua mente
e la sua mano
questo incanto
di vivere uniti nella Pace
e liberi.
Pace e guerra
guerra e pace
straziati gli uomini
sono,
dalle lotte fratricide
nel mondo.
Vivere di libertà
oggi
che è tutto ed è nulla,
è come corrodere
le nostre radici.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
Nonno

Tu che nel mio cuore
parli l'arcana parola
che purifica e consola,
fai parlare i tuoi anni
di vecchio saggio,
i tuoi molti anni
pieni di conferme.
I tuoi pensieri
suggeriranno le risposte
per
vivere di libertà.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
IL SOLE

Il sole
con il suo calore invincibile
riempie il cuore di ogni umano,
poiché la purezza
comporta in se stessa
l'amore di tutte le cose.
ogni alba
è rinascita della vita,
è motivo di ammirazione
e di preghiera
per portare in tutto il mondo
la benedizione del Signore.
Ti ho pregato tanto
caro sole senza tempo,
ho goduto del tuo calore
dentro un prato fiorito,
per leggere
attraverso ogni cosa
il segno dell'eterno amore.
Poi ho pianto
ricordando
gli avvenimenti terribili
delle guerre
su questa terra,
case, paesi, città.
Questa mattina
ho avuto profezie
per i dialoghi scadenti
famigliari,
come se tu sole
sull'azzurro mare
non avresti nulla da dirci.
Caro sole
come la luna e le stelle
e tutti i pianeti
hai la vita eterna,
e vivere con tè vicino e il Signore
la vita sarà sempre bella.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
L'INCANTO

L'incanto
lo cerca il mondo
e lo rincorre,
l'umano
gene e lotta
per riscoprirlo
nei luoghi più belli.
Ricordare
il nostro vissuto
accanto ad uno scoglio
nel desiderio
di intimo e pace,
nel silenzio,
mi ascolto.
L'incanto
dona le più belle sensazioni
aspettando
che torni il sole,
quando nella mente
svanisce il lungo sogno
spezzandosi
in frammenti di ricordi.
L'incanto
di avere tutto e niente,
dove il tuo io si risveglia
alla vita,
fissi gli occhi
su una lettera vuota
e pensi.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
CI SIAMO INCONTRATI

Ci siamo incontrati
e nulla di te,
da quel primo giorno
mi ha sorpreso,
poiché sei stata
il preludio
della vita che attendevo,
portando da tempo
una parte della tua immagine
chiusa in me.
Ci siamo incontrati
in un luogo sano e giovanile,
vorrei che non finisse mai
questo contatto che ci fonde.
Tanti pensieri s'agitano confusamente,
poi si placano
e l'esserci incontrati
è la più dolce sorpresa
che fa tremare e cantare
i nostri cuori.
La speranza m'accompagna
nell'amore,
del suo incedere
nel mare del peccato.
Cercami adesso
anche se da poco ci siamo incontrati,
cerca l'opera che più ti piace
l'ho dipinta solo per te,
prendimi ora
perché questo incanto
ci appartiene.

di: Remo Lana 

____________________________________________________________________________________________
VOGLIA DI PACE

Voglia di pace
come le stesse cose
che vorrei dipingere,
non ha misura
la mia voglia di Pace.
Mi perdo, tremando,
negli occhi dell' universo
in cerca di pace.
Con il pensiero che rinasce,
come una rugiada di pianto,
si ricompone il fiore
sulla radice dell' infinito.
Voglia di pace
tra gli uomini
e nelle famiglie,
in ogni Nazione nel mondo.
Sono fragile
come le stesse cose
che vorrei dipingere
in un mondo nuovo
pieno d' amore e di pace.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA VITA E' IN SALITA

Oggi l'umano
vive
una vita in salita,
pensa di essersi
consolidato
in abitudini e pensieri,
che già
la vita che vive
e agisce
è cambiata.
La vita è in salita
e cambia
in continuazione,
facciamo in modo
che le nostre giornate
siano piene d'amore,
e non il nostro amore
pieno di giornate.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA SAPIENZA

La sapienza
è furbizia
mestiere
stratagemma,
è l'uomo
che conosce il mondo
come visione della vita.
La sapienza
e il nostro comune vivere
anche a parole,
nel ridere e piangere
con coerenza.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
I VERDI

I verdi
parlano di ambiente
e natura,
senza capire
che su questa terra
c'è solo d'avere paura.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
TRISTEZZA

Sorrido
per nascondere
la tristezza,
e mi allontano
da essa
senza una parola.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
L' ARTE

L'arte
dentro il mio cuore
mi dona luce
gioia e malinconia.
Essa è la voce
della mia anima,
è il silenzio delle cose
è l'immagine
del tempo che passa,
è l'affannoso respiro
che va e viene
senza riposo.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LA PACE

La pace è come
una grande nave
che appare e scompare
nel mare,
come fosse
in procinto
per affondare.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
RICORDA

Ogni mattino
ricorda,
che hai un giorno
in meno
da vivere.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
L' IMMAGINE

I miei nipotini
hanno in mano
un mio quaderno,
su una pagina bianca
l'ultima,
scrivono i segni
delle prime emozioni.
L'immagine
si spezza
a guardare l'acqua
del giorno annuvolato
che scivola via.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
INVERNO

In inverno
nell'ora pomeridiana
il sole si allontana
dietro la montagna,
portando ombra
sull'umida terra
della mia casa
di campagna.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LE FOGLIE

Con la caduta
delle foglie
sulle strade nere,
il tronco spoglio
saluta l'inverno
che gelido arriva.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
E’ NOTTE

E' notte
attorno tutto tace,
nel silenzio
quanta pace.
Fuori
lentamente
la neve scende
e piano, piano,
m'addormento.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
NOI

Oggi si grida sempre
noi,noi,
per non pagare
di persona.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
L' ARTE

In ogni tempo
in ogni luogo
l'Arte
non conosce tramonto.
Essa è la creatività,
acqua che disseta
e purifica
tra il bene
e il male.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
VOCE

L' umano
ha sempre avvertito
l' esigenza di scrivere,
per essere testimone
del suo vissuto.
Lasciando su pagine
e pagine
la più autentica
voce
della sua eternità.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
LONTANO NEL TEMPO

Se un giorno t'incontrerò
un vestito di rose ti regalerò
per coprire il deserto
che mi è rimasto attorno.
C'è un posto molto bello nel mondo,
una valle piena di erba verde,
alberi e un ruscello
dove l' acqua scorre
spumeggiando tra le sponde.
E’ li che ti ho incontrata
è li che ti ho amata.
E' la valle dove vivono le fate.
Le fate sono felici nella loro valle
a volte irrequiete, per questo,
sono tornato a rivedere questa terra
dove il mio cuore ti cerca
lontano nel tempo nell' impeto e nel tormento
per rinascere e guarire
da questa febbre che mi brucia.
E così, ogni notte come la luna
esploro il cielo e vedo emergere la tua figura
la tua storia, il tuo paese.
Provo tanta amarezza, solo il vento
rumoreggia in mia risposta.
Non voglio altro che esporre in tua assenza
il mio vuoto, il mio desiderio senza risposta.
Se un giorno t' incontrerò, ti porterò su di un risciò
e per tè galopperò su ogni strada del mondo.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
VECCHI RICORDI

Ricordo la cartella,
troppo grande,
troppo vuota,
rigida e rumorosa:
due quaderni ed un sillabario,
un astuccio di legno con matita,
un pennino e cannuccia,
uno straccetto per pulirlo,
un foglio di carta assorbente.
In aula, all'ingresso della maestra,
noi in piedi in silenzio e poi
" Buon giorno signora Maestra ".
Ricordo le corse con un bastone
ed il cerchio di una vecchia bicicletta,
a piedi nudi nel primo sole di primavera.
Ricordo lo schiamazzare
di noi “adulti in miniatura”
per il possesso di un pallone
fatto di stracci e preso a calci
fino a quando da qualche dito dei piedi
non si vedeva uscire il sangue.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
IL CRITICO D' ARTE

Il critico d'arte
più bravo oggi in Italia,
è quello che parla
e scrive che il pane è bianco
anche se sulla tela
ho dipinto un ombrello.
Quello che conta per lui
come per tutti gli altri
è la vita comoda.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
L' INCANTO

L' incanto
dona le più belle sensazioni
aspettando
che torni il sole
quando nella mente
svanisce il lungo sogno
spezzandosi
in frammenti di ricordi.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
UNA MAMMA PREGA

Una mamma prega
per portare pace
tra le mura domestiche
per vivere bene insieme.
Condividendo
pensieri, notizie e preghiere.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
ACQUA A MILANO

Ogni giorno il cielo
si fa sempre più chiaro,
senza motivo
le nubi si allontanano
come presagio di sventura,
manca l'acqua a Milano.
Con il fermo
il vuoto si è fatto padrone,
tra pianti e lamenti
i bambini correvano felici.
Acqua a Milano
non piove, non piove,
con la nebbia carica di polveri
e una camera di tortura.
Milano aspetta
placida matrona
il colpo di grazia finale
per domenica 13 febbraio
per cercare di respirare.
Acqua a Milano.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
AMICO

Oggi ho salutato
un uomo
mai visto prima,
parlando con lui
con un linguaggio
fresco di parole
e nulla sapere
è diventato
il mio migliore amico.
Egli mi raccontava
che tutto tornerà,
tornerà il lavoro sicuro
e le fabbriche
con il loro lavoro,
tornerà la pace,
torneranno i grilli
e i giovani
a far le serenate
alle ragazze
nei verdi prati.
Sorride
il mio cuore contento
per un amico trovato,
ora sento solo
il silenzio
e il suo cuore vicino
che mi parla e mi sorride
con il suo schietto sorriso.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
SENTO

Sento la vita che vola
sento il peso della vita
sento il mio cuore ansare.
Il tempo
affiora nei prati,
pieni di colori
come quelli
della mia tavolozza.
Sento la vita
scorrere lenta,
ma non è finita.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
IL MIO DESTINO

In un freddo pomeriggio
d'autunno
con la consapevolezza
di pensare al nostro vivere
di vita famigliare,
non ti ho vista più.
Ho pensato …
ma poi mi è rimasto
tutto dentro,
abbiamo parlato
sempre poco
e poco di niente.
Con la pretesa
di migliorare il mondo
sei fuggita lontana da me,
con veleni
e pallottole di piombo
condizionando
il mio destino
scritto da te.

di: Remo Lana

____________________________________________________________________________________________
 
Torna ai contenuti | Torna al menu