Carlo Volpicella - Alcolore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le tue poesie
Le poesie di CARLO VOLPICELLA
APPARIZIONI 1198

Blindate
apparizioni
nell'abbazia
chiusa al pubblico
di eventi
sovrannaturali,
ostilità
clericali
nella rete
e nella sabbia
del golfo
domenicale,
fisso il chiodo
sulla parete
alla mia sinistra
e con rammarico
appendo
la maschera somala,
saluto
il mio amico Aldo
e mi allontano
dai rischi
del vedo
e non vedo

Carlo Volpicella
8-2-2001 ore 20,01

____________________________________________________________________________________________
APPRODO 1229

L'Approdo
non critico e non osservo
sugli schermi astrali
di un veggente
seduto sul dolmen,
l'oro e la metorite
sciolti in stretti fili
da legare ai polsi
e da regalare al vento,
un bacio tra fossili
e pietre umide
in un muto pensiero.

Carlo Volpicella
3-3-2001 ore11,22

____________________________________________________________________________________________
AQUILONI & ZAPPING

Giocavamo da bambini
sulla collina sopra al mare
e spesso gli aquiloni
si rincorrevano come rondini,

giocavamo da bambini
nel cortile senza eco
di mia nonna
taciturna e sorridente,

giocavamo da bambini
a rincorrerci con l'acqua,

quell'11 settembre
eravamo tutti lì
nel silenzio crudo e amaro
a guardare quegli aerei
esplodere nei nostri televisori.

Lo zapping
illuse noi bambini
che si trattava
soltanto di puro cinema!

Tante anime
alcune torri
e una grande voglia

di tornare sulla collina
sopra al mare
a guardare gli aquiloni
rincorrersi come rondini.

di Carlo Volpicella 

____________________________________________________________________________________________

"BURQUA"

burqa
dai denti di squalo
senza occhi
e senza colore,

burqa
nei sospiri
e nelle strade
di pietre e muffe.

burqa
rifiutato dal sole
nonostante il freddo,

burqa
come pesce
pesante
e blu

burqa
come porta
mai aperta
e chiusa,

burqa
scuro
burqa
appeso
burqa
buttato in fondo
al pozzo senza fondo!

di: Carlo Volpicella 

____________________________________________________________________________________________
ARGILLA e FANGO

Scalinata
in pietra
franata
sotto un cumulo
di argilla
e fango,
l'evento
mi impedisce
di raggiungere
il salone
dove riposavano
il conte
e la sua donna,
il mondo
dell'arco lungo
mi sfiorava
i polsi
come erba
nel vento
di novembre,
l'anfiteatro
si circonda
di figure
e figuranti
e le finestre
si chiudono
alla luce.

di: Carlo Volpicella  8-2-2001

____________________________________________________________________________________________
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu