Alcamese - Alcolore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le tue poesie
Poesie di A L C A M E S E
PIANTO NOTTURNO

Cammino sulla sabbia,( sono solo )
è mezzanotte, e non c’è nessuno
con la musica del mare mi consolo
mentre cerco le forme di qualcuno.

Ieri, mentre sola prendeva il sole
su una coperta era lì sdraiata,
guardandola scrivevo le parole
che si dicono alla persona amata.

Tante rime scritte con il cuore
dedicate a colei che tanto amo,
lei che non sente mai il mio dolore
non risponde mai al mio richiamo.

Adesso sono qui sulla spiaggia
odoro nei granelli il suo profumo
col vento il mio canto viaggia
lasciandola in cielo,segnali di fumo

D’un tratto il suon della sirena
mi sveglia, e vedo che ho sognato
nel labbro ho ancor il sapor di rena
tocco il cuscino, è tutto bagnato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LE MIE COMPAGNE

Vicino a me, ho sempre due signore
son Vita & Morte a farmi compagnia
dovunque io vada sento l’odore
mi son vicine in tutta la mia via.

Una, non la vedo mai, sta nascosta
sta sempre all’erta come una vipera
aspetta che il mio cuore faccia una sosta
e se lo porta con se, ( almeno spera ).

Ecco perché prego sempre la Vita,
di stare con me, e non mi lasciare
far si che, non sia mai grande la ferita,
finché le nipotine vedrò sposare.

di: Alcamese


LI ME CUMPAGNI

Tegnu vicinu sempri du cumpagni
Vita e morti, mi fannu compagnia
si vaiu pi chiamura, o pi muntagni
sti dui signuri sunnu appresu a mia

Una, un si fa vidiri sta a lu scuru,
sempri in aquantu e,` comu sirpenti
un la viu mai, ma la sentu, pi sicuru
aspetta, ch`iu dugnu du lamenti

Pi chissu dicu a tia vita mia
un mi lassari ch`aiu cosi di fari
prima chi finisciu iu sta via
sti niputeddi sannu a maritari

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
COSA INUTILE

Ce sta pisuna, fimmina di strata
chi sta affaciata sempri a la finestra
e canusciuta `nta tutta la cuntrata
picchi a tutti li `nfami fa di maestra

si la viriti e mali arridusciuta
un sapi chiu` dunni savi a vutari
di sbirri a latri idda e canusciuta
comu na cosa tinta di ittari

vinni l`anima so pi cincu liri
sta `nfama curtighiari, senza onuri
avi settant`anni e un voli capiri
chi la vuci passa puru a lu tinuri

idda che maestra sapi tuttu a casu
vita e morti di tutto lu quarteri
puru `nta fogna, ci metti lu nasu
fimmina miserabili e sparreri

Si criri di tutti quantu taliata
comu si fussi la meghiu pirsuna
ma, puru di la famighia è schifiata
fimmina `ngrasciata, lorda e zuzzuna.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
RITORNU DI L’EMIGRANTI

Anchi luntanu un cori Sicilianu
un si scorda mai, lu sò Paisi
e dopo tanti anni ché luntanu
ricorda li cosi unni sunnu misi

La chiesa Madri nta chiazza ranni
lu campu sportivu sutta u vanidduni
sutta la putia di mastru Giuvanni
dunni vinni fruta,calia, e carduni

Nta via Roma e la pasticceria
chi fannu cannoli e cassateddi
pi li festi da c'è lu via via
ogniunu voli cavuri li vasteddi

Dui strati sutta c'è la pescheria
lu pisci e sempri friscu e abunnanti
e da chi travagghiannu na me zia
li marinara canusci a tutti quanti

Scinennu sutta a li quattru canti
a destra lu caffé bar del viale
dda dintra s'incontranu l'amanti
a lu scuru sunnu tutti uquali

a sinistre c'è, il bar cinquecento
frequentato di studenti e professore
vicino di li, dei frati ce il convento
con il via vai di manachelle, e suore.

Li meghiu ricordi sunnu di la chiazza
dunni di jovanu tutti a passiari
la notti si pigghiava palla e mazza
e cu li fimmineddi ivamu a juocari

Adesso sunnu tutti emancipati
un parranu chiu mancu lu dialettu
mariti e moghi vannu serarati
si virinu sulu di notti `nta le lettu

Un c'è chiu d'amuri famigliari
la famighia unita, li divirtimenti
si torna unu stancu di emigrari
di lu so Paisi un sapi chiu nenti.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CIRCONDATE DI FARFALLE

Nel ciel farfalle volano lontano
fanno da messaggere al mio cuore
una a Margherita bacia la mano
la grande dei Bologna il colore

La seconda posa da Pierina
colei che ascolta le mie pene
per dirle "Mia cara sorellina
grazie di tutto,ti voglio tanto bene

la terza va verso Broccolino
dove c`e` Anna, una mia cognata
gli chiede scusa se sto biricchino
non ti telefona, ma non sei scordata

La quarta vola dolce come il miele
si ferma in Terre haute in Indiana
dice a Susan Madre di Daniele
ti penso sempre.anche se sei lontana

Seduta con Francesco, Anna Maria
vede una farfalla che gli gira attorno
non sa che quella è messaggera mia
e veglia su di lei fino che torno

Al primo piano seduta sul balcone
si riposa un poco Giuseppina
una farfalla in fronte gli da un bacione
ricordando di Michele, e la monetina

Maria Cristina molto delicata
si sveglia sempre contenta la mattina
odora aria fresca e profumata
leggendo dello zio una quartina

Brilla la luna in cielo è quasi sera
splende Loredana nella bellezza
il suo sorriso porta primavera
mentre una farfalla l’accarezza,

Traci mia nuora abita vicino
mi ha regalato due nipotine
fanno più facile il cammino
alle farfalle che fanno da postine

Una farfalla va dove tramonta il sole
in un paese a me tanto sconosciuto
So Hee l’accoglie e dice che mi vuole
un bene immenso con il segnale muto

Fuori casa mia c’è sempre festa
le farfalle volano a dozzina
a lei s’inchina il re della foresta
omaggi a Margherita, la reggina

Farfalle variopinte che volate
portate allegria dove bisogna
una rosa e un bacio. per me date
a queste donne di nome Bologna.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA FIDUCIA

Zu Masi ce so figghiu `nta la casa ?
No turi e fora d`un quartu d`ura
ma si un sbagghiu dissi ca rincasa
prima ca di stu quartu passa l`ura.

Zu Masi e certu ca un voli `mrughiari
picchi a so figghiu fora un lu vitti
e si permetti vurrissi guardari
cussi l`occhi e lu cori sunna scritti

Comu tu un mi criri Sarvaturi
Un`uomo `nti sta casa mai la dittu
tutti lu sannu, sugnu uomo d`onuri
e la me parola vali chiu` du scrittu

Chistu e mancanza di rispettu,
unn`aviri fiduscia unn`e` bonu
speccia si e` `nta lu me cuspettu
ma tu si picciuteddu e ti pirdunu

Zu Masi, cu sti tempi accussi duri
me patri mi dissi, fiducia unn`aviri
Vossia ca mi l`avi mi fa un favuri
mi po pristari centu mila liri ?

di: Alcamese
____________________________________________________________________________________________

LA MORTI 'NVACANZA

Caru Pinuzzu siddu mi permetti
voghiu participari a stu concorsu
picchi fu fattu pi picciotti schetti
e no` pi cu c`iammodda lu discursu,

iu di sta morti a lemmi di vacanza
chianti un sentu a lummira di crozza
a don Pippinu ci grattau la panza,
quannu a mastru Dia, tuccau la bozza,

A vui caru amatu diretturi
c`a` crazzi stu consorsu vosi fari
si vinciu mi fascissi un favuri
di lu tabbutu a Broccolu mannari

Si mori prima, ancora ci prumettu
chi Pinu lu fara` poi `mbarsamari
e supra scrittu ci fara` stu dettu
pi lu munnu interu ricordari.

"Sta cascia chi di l`ossa fu privata
pi menzu di un ritardu di Terneddu
resta pirenni p`essiri ammirata
comu l`ultimu chianti dun`asceddu.

Nota:
Pinuzzu, mio fratello Pino,
mastru Dia, poeta Alcamese
don Pippinu, Giuseppe Denaro
“poeta dialettale e direttore del giornale
PO TU CUNTU, di Palermo”.
Turneddu, Pseudomino del poeta Denaro

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
DESIDERIO

Sdraiata sulla sabbia, il mio amore
prende la tintarella vicino al mare,
vorrei tanto essere un pittore
e il momento saper immortalare.

Per un’ora vorrei essere Giotto
e tutti i colori sapere mescolare,
poi di Raffaello mettermi il giubbotto
cosi d’aver mano ferma senza tremare.

Divina è il mio amore sulla rena
chi passa si ferma ad ammirare,
vicino al mare sembra una sirena,
tutti senza fiato fa imbalsamare.

Ho se avessi io, la vena di Dante
e la mano magica del Paganini,
scriverei tanti canti all’amante,
accompagnato da mille violini.

Presto noto che vuote ho le mani
e degli artisti non ho tanto bisogno
spunta con l’alba un altro domani,
mi sveglio con il sorriso di un sogno.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
AMORE

Son poche le persone
che soffrono nella vita,
e la metà di queste
sanno amare,
ancor di meno
soffrono come soffro,
molto pochi, son quelli
che amano come amo.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL NONNO E LA NONNA

Conservata in soffitta una foto ingiallita
porta la mente negli anni quaranta
si vedono i bimbi e nonna Margherita
attorno al fuoco, e il nonno che canta.

Figlia unica, di gente benestante
la nonna regalava a tutti biscotti
con un sorriso sempre costante
racconta le favole ai suoi bambolotti

Il nonno seduto non molto distante
fuma la pipa e beve del buon vino.
Guardo la foto, e dal nulla all’istante
mi ritrovo al paese ancora bambino.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
 ... E TI VIDI

...E ti vidi in ginocchio pregare
dentro la grande casa del Signore
vicino a te, a Lui volli confidare
tutte le pene che soffre il mio cuore,

poi, ti guardai, nel finir la preghiera
alzai gli occhi pieni di pianto,
e non capivi che vicino c’era
chi col suo pianto soffre tanto.

..E ti vidi, con lui passeggiare
sulla sabbia baciata dal sole,
non udivi che sussurravo al mare
le più belle e dolci parole.

Poi ti rividi, felice già mamma
col tuo frutto sul mare giocare
e fu allora che si spense la fiamma
di un uomo che muore per amore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CHINCI LU CORI

Chianci lu celu, picchi soffro iu
sta storia chi finiu, fa assai mali
pi chissu prego a li Santi e a Diu
chi un succedi mai, a li murtali

Tutt`era prontu, la lista d`immitati
la Chiesa e lu fotografu, pagati
li musicanti, dopo tanti pruvati
li chiu` megghiu faru prinutati.

Ma quannu fu l`ura di la fornitura
cu mia c`era me mamma e me nonna
a so madri aspittamu chiù di un`ura
unn`era, un lu sapia mancu la Maronna.

Cu fu` chi scrissi fine a sta st`amuri
foru dui manu a mia, sconosciuti
pari chi puru li grilli `ntisitu duluri
e l`Angili `Ncelu eranu tristi e muti.

Vinni la sira, tramuntava lu soli
la luna a mal`apppena s`affaciava
na palumma ,e na farfalla erano suli
puru lu saggiu guffu unn`affaciava

Dintra `na stanza a lu primu pianu
chianci l`agrimi amari na picciotta
la Madri ci l`asciuca pianu pianu
soffrennu cu la figghia, pi sta botta.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LE ALI DEI RICORDI

Vola Colomba mia,vai lontano
porta alla mia Patria il tormento
non correre ti prego vai piano
altre parole, le ho affidati al vento

Una farfalla e con te nel cammino
anche un grillo ti fa compagnia
gli Angeli suonano il violino
cosi non sei sola per la via

Ti prego di fermarti ogni borgata
racconta a tutti il pianto il dolore
di questa stanca vita emigrata
che con l’inverno piano. piano muore

Il mare cullerà il mio pianto
il vento mormorerà le mie parole
sotto la luna si sentirà il canto
di me che non vedrò mai più il sole

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
FRA SOGNO E REALTA’
(A Luisa la ITALIANBAMBOLA)

Guarda la luna in ciel, comè burlona
gioca a nascondino con la natura,
il vento suona fischiettando piano,
il mare manda un poco di frescura.

Guarda all’orizzonte, l’migrante
canta con il cuore e tanto sentimento,
canta un motivo per l’amante,
l’affida al mare e al vento.

Canta," Italia mia non ti so scordare,
spero di ritornare ogni momento
e poter attraversare questo mare
per tener fede al mio giuramento.

Italia mia da te voglio tornare
e visitare Alcamo marina per
poi imbarcarmi per Castellamare
e attraversare lo stretto di Messina.

Andare a Roma e prendere il treno
a salire per, Genova, Milano, Torino,
e dopo che il baule c’è l'ho pieno,
di ogni borgata preso un pezzettino.

Inginocchiato bacio il terreno
dove son nati Santi e Poeti
dove, riposano in pace nel suo seno
Dante, San Pietro e altri Profeti.

Guarda la luna in ciel com’è birbante
sembra far l’occhiolino all’emigrante
mentre fa strada, la stella più brillante
una colomba va, nel vecchio continente

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ALLA FINESTRA

Spenta è la luce nella tua finestra
mentre appoggiata stai alle tendine
scruti con gli occhi la via maestra
e con le orecchie ascolti le vicine.

Cara bambina tu, dolce farfalla
a braccia aperte, aspetti l’amore
versando lacrime su quella spalla
di Mamma che divide il tuo dolore.

Come te, anche lei prega che torni
l’ape a portare miele al giardino
prega inginocchiata che ritorni
come ritorna il sole del mattino.

Guarda! l’arcobaleno è nel cielo,
senti anche tu una musica strana,
una colomba porta un bianco velo
mentre in chiesa suona la campana.

Vedi all’orizzonte quella carovana
è fatta di farfalle, grilli e colombe,
sono diretti a casa di Silvana,
un giovane li guida a suon di trombe.

Portano un messaggio a Carolina,
accendi la luce, le finestre, il cuore,
non piangere mai più dolce bambina
l’ape è tornata, dal suo vero amore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
BIMBA MIA

Tu eri a piedi nudi sulla spiaggia
giocavi con le onde sotto la luna,
poco ti curavi della pioggia,
felice come te era nessuna.

All'orizzonte vedevi il tuo domani,
sognando come sposo uno straniero, sulla sabbia scrivevi con le mani,
come se il tuo amore fosse vero.

Sognare costa poco e lo sai bene,
ma a quindici anni che altro sai fare,
la vita è tutta gioia senza pene,
è l'età migliore per sognare.

Cresci senza fretta bimba mia,
allunga il tuo sogno finché puoi,
con gli anni verrà pure la gelosia
che cancellerà tutti i sogni tuoi.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
DOLCE ATTESA

Sento il piccolo cuore tuo palpitare
mentre come un frutto si matura,
dolce per noi tutti è l’aspettare,
il più bel dono di Madre Natura

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________


L’ATTESA

Aveva gli occhi azzurri come il cielo
quella bambina che cercava amore
coperta era sola di un bianco velo
era triste e gli piangeva il cuore

sembrava una sirena li distesa
cullandosi con l’onda del mare
fu li che anni fa, a lei fu presa
tutta la voglia di volere amare

lui era un marinaio e prometteva
che al ritorno non partiva più
e dopo ogni volta gli diceva
"Al mondo per me ci sei solo tu

Ti prego di aspettare bimba mia
per te farò un castello io lassù"

Una notte lui era in compagnia
sul mare vide scendere Gesù.

E aspetta sulla riva la bambina
un marinaio che non torna più
piangendo si dispera piccolina
e aspetta chi più non tornare.

Aveva gli occhi azzurri verso il cielo
il giorno che la trovarono sul mare
il cuore non batteva, era di gelo
sul labbro un sorriso, da baciare.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
NATALE D’EMIGRANTE

Vetrine illuminate, variopinte
le strade sono piene d’allegria
fra loro, triste e solo è l’emigrante,
che silenzioso va per la sua via.

Stasera mentre tutti fanno festa
lui farà anche il doppio lavoro,
domani con la paga che gli resta
si vuol comprare una catena d’oro.

Cammina per la strada tutto fiero,
a mamma ha spedito il suo denaro,
nessuno lo saluta, è forestiero,
per lui il Natale è un pò amaro.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA TISTARDA

Lu suli, spunta prestu di matina
li stiddi tardanu, la sira a spuntari
tuttu lu santu giurnu a la vitrina
a sta finmina ci piaci taliari

Di soccu si discuti voli raggiuni
comu si fussi un saccu di scienza
quannu `nta via si trova cu pirsuni
idda di tuttu eni a cunuscenza

Ti parra` di pulitica,storia amuri
e di l`universu comu fussi nenti
ogniuni l`attenta e quarda cu tirruri
sta fimmina persi tutti li sintimenti

Chista pi mia e comu na pazza
percio ti dicu arre cara Pinuzza
"Di sali metticcinni na visazza
conzala comu vo` sempri e cucuzza

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LAGRIMI DI GIOIA

Ottobri vintitri a menziornu
sonanu li campani a Brucculinu
lu pranzu e prontu ni lu furnu
Silvana s`assetta, a lu tavulinu

D`un trattu senti un picculu rumuri
e a lu telefonu si metti a chiamari
ci dici a Benitu e lu dutturi
"Viniti,Marcu si misi a caminari,"

Cu Carolina vannu a lu spidali,
taliannu l`ura e quasi l`una,
e li dulura un sunnu tantu mali.

L`una e diciottu di prima pirsuna
Marcu si presenta di Silvana.
Chiangi benitu pi tanta furtuna

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
L’ADDIO

Vorrei dirti addio e salutarti,
non posso, ho un nodo alla gola
vorrei abbracciarti e poi lasciarti
ma non posso perché non sei sola.

Dopo vent’anni di intenso amore
vieni a dirmi che tu, ami un’altro
che donna sei ? Ma tu hai un cuore ?
Mi metti da parte come un vecchio quadro.

Ma non fa nulla, vai e sii felice
non sarò certo io a fermarti
segui il tuo cuore e vedi cosa dice
e sappi che non ritorni, se ora parti,

la scelta è tua, e se scegli l’avventura
dimenticati di me e dei nostri figli,
ci rivedrai solo in sepoltura,
sotto la terra dove crescono i gigli.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
DISCURSI FAMIGLIARI

Aiu vintinovi anni, e sugnu schettu
pi travaghiu sugnu, bonu `mpustatu
na cusuzza di parti sempri mettu
pi na casuzza li sordi aiu sarvatu

Me soru Pina chi e na rumpipalli
sempri mi fa,"picchi un ti mariti
nescu lu sabatu,va ni sti balli
trovi na piciotta, e vi fasciti ziti"

Ci rispunnivi,"Pieri, lu vo capiri
nti sti tempi cu mi lu fa fari
li donni muderni si vonnu divirtiri
e nuddu penza chiu a lu maritari

Me soru Maria ch`e` la ranni
mi dissi,"Frati me senti a mia
e ura chi ti mariti, a trent`anni
fatti na famighia e vivi in armunia

Viri a to` frati Cicc chi e `mpustatu
chiu nicu ti tia,e gia e sistimatu
si un ti piaci nuddu `nta stu statu
viremu in`Italia cu, un sa maritatu."

Me cugnata Nunzia chi attintava
dici,"La canusciu iu na picciotta
anzi lu sa, assira ti nominava
mi rissi, ma Vitu ancora fa ricotta ?

E na fimmina brava sempri ti penza
pi essiri sincera, a mia mi piaci
vuatri la canusciti, chidda,Renza
da picciotta Siciliana di Capaci."

Si susi me niputi Carolina
"Ma Lassatilu `npaci a lu zu Vitu
sempri li stessi cosi ogni simana
lu sapi iddu si savi a fari zitu."

So soru Caterina chi attintava
dumanna u so zia di la piciutedda
"Ma sta Renza, e chidda chi abitava
vicinu la caserma, a la vanedda ?

"Nunzia rispunni,"Si e propriu idda
avi vintinovi anni,unne maritata
viriti comu e bedda sciaquatedda
a mia un mi di spiacissi pi cugnata,

"Ma tu si pazza,fa MariaCristina
Renza e canusciuta `nta lu quarteri
chidda ni cancia uno ogni matina
e la sira dormi cu li carrabineri."

"Tu zittuti chi ni capisci di sti cosi
idda `ncaserma fa la cucinera
siddo acchirunu poi ci duna rosi
e picchi ida e brava e sincera."

Ma un ci rumpiti tutti li cabbasisi
scatta me cugnata l`americana
fascitivi sulu li vostri bisinisi
sta litania la sentu ogni simana.

Si Vitu a stari scettu ci sta bonu
finitila cu sti riscursi di curtighiu
iddu lu sapi,quannu e l`ura comu
veniri di vuatri pi cunsighiu.

Me frati Francu chi unna parratu
si susi, e fa un discursu inteligenti
discennu a tutti chi unne sbagliatu
munciri latti,e un pagari nenti.

si li fimmini fannu. tocca tocca
e senza pagari ci dunanu lu latti
picchi fari spisi pi na vacca
si iddu un paga un sordu pi li fatti.

Ora che schettu si po divirtiri
senza pinzeri di fighi e pannizzi
si si marita dopu chiu un viri
mutanni arracamati fatti a pizzi

lu discursu si chiui pi mangiari
mentri ogniunu a tavula s`assetta
si susi me Nonnu e voli parrari
riri me Nanna fascenu quasetta

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
I RAPACI DELLA PINALIA

Dall’alto di un saguaro è di vedetta
il capo dei rapaci nel deserto
scruta l’orizzonte e aspetta
che l’azzurro cielo, è tutto scoperto

poi a raduno chiama la sua mandria
formando una V, nel cielo vanno via
una sessantina, buona compagnia
sono i rapaci della Pinalia

in caccia di serpenti e roditori
setacciano l’Arizona palmo a palmo
dove i serpenti e i grandi traditori
fanno la tana nel deserto calmo.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ANNIVERSARIO

Mano nella mano camminiamo,
sulla sabbia baciata dal mare
ogni passa dico che ti amo
mentre le stelle stanno a guardare.

Cinquanta primavere fra un mese
celebreremo un altro anniversario
Donna gentile semplice e cortese
di gioia ai riempito il nostro diario.

Mi hai dato forza e fatto coraggio
anche nel tempo pieno di salite
sempre vicino a me nel mio viaggio
al mondo regalasti altre due vite.

Dolce la sera è fresca e serena
mi ricorda tanto la prima volta
viene straiati con me sulla rena
e in silenzio, il mio cuore ascolta.

Le stelle il cielo e la luna piena
fanno da contorno al nostro amore
sul mare suona l’arpa una sirena
mentre il tuo corpo mi riscalda il cuore.

Buon anniversario dolce amor mio
il nostro amore è grande quanto il mare,
un amore benedetto da Dio,
nessuno al mondo lo potrà spezzare.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________

FRA CIELO E MARE
(vent’anni )

Il cielo è grigio, fresca è la sera,
passa una colomba e va lontano,
canta il grillo allegro, è primavera
stringo nella mano, un tulipano.

La luna splende sopra la marina
distesa sulla sabbia la mia amata
dorme soave come una bambina
una farfalla in fronte la baciata.

Una sirena si sente cantare,
la sua voce la trasporta il vento
stasera con la musica del mare,
in rime immortalo il momento.

Maggio ventitre duemila e sette
sono le diciotto e tutto va bene
stasera se il tempo lo permette
all’amor mio andrò nelle vene.

Poi di due vite ne faremo una
e insieme affronteremo il domani
dopo avendo un poco di fortuna
avremmo dei bambini belli e sani.

Ho Dio com’è lontano il dire e fare,
bello se fosse lei, e non la sua foto,
distesa qui con me vicino al mare
vent’anni, sono triste e con cuore vuoto.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Povero Emigrante

Se io fossi un figlio di Socrate
con un pò di greco nel mio cuore
scriverei tutto ciò che cercate
e farei il filosofo/cantautore

Per tutti troverei la verità
pregi e difetti, come la virtù
nessuno crescerebbe nullità
se si incomincia dalla gioventù

imparare cos’era assanagora
del filosofo greco la dottrina
insieme studiando ogni ora
la storia greca, e pure la "Divina"

Se ero figlio io di un benestante
studiar potevo il passato
ora non sarei lo zimbello della gente
che si burla di un povero emigrato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SORRISO D’EMIGRANTE

Con sete d’amore e fame di passione
viene la primavera e canta il cuore
mentre vola nel cielo un aquilone
una farfalla accarezza un fiore.

Grigio è il cielo, azzurro è il mare
sbocciano il tulipano e le margherite
il pastorello porta a pascolare
la mandria nei campi gia fioriti.

Viene la primavera riscaldando i cuori
del grillo e la farfalla sul verde prato
nascono come fiori nuovi amori
sorride guardando le foto, l’emigrato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
FEDELE AMICA

Labbro di rosa, profumo di fiori
occhi allegri, un dolce sorriso
ispiri artisti, poeti e pittori
tu la regina del Paradiso

guardo la foto e mai mi stanco
di ammirare le tue bellezze
se nella vita io fossi del tuo rango
ti coprirei di rose e carezze

ma mi consolo che mi sei amica,
dolce fedele compagna cara
fra tutte spicchi, tu sei unica
una bellezza davvero rara.

di: Alcamese
27 MARZO

Gridando dalla finestra, la cena è pronta
venite che si raffredda il mangiare
sono già le sette e passerà la ronda
col coprifuoco non si può giocare.

Chiamava a raccolta noi bambini
che allegri giocavamo nel cortile
la nonna, aveva undici nipotini
un’altro in arrivo per il tre d’aprile.

Quella sera, il ventisette marzo
del millenovecentoquarantatre
per cena c’era pasta e polpette
(cena che a quei tempi era da re )

da fuori venne un rumore strano
e la nonna andò a controllare
un uomo col fucile in mano,
appena la vide si mise a sparare,

vide noi bambini e scappò via
lasciando la nonna morta sulla strada
quel vile che non era in compagnia
mai tornò nella mia contrada

ventisette marzo duemilaotto,
fuori piove e c’è temporale,
guardo una foto in un quadro rotto
rivedo una scena che non si può scordare.

di: Alcamese
SPOSAMI

Stasera il sentiero è illuminato
luna e stelle ho per compagnia
ti porto il mio cuore innamorato
e un canto che si trascina per la via

Canto per te dolce fanciulla bruna,
canti e stornelli tutti fatti a rima
bella che come te non c`e` nessuna
fra le bellezze tu, sei sempre in cima

Canto al mio amore pure un stornello
che ho scritto ieri sera vicino al mare
l’ho scritto sotto la luna e il venticello
si è messo con le onde ad accompagnare

Vedi tesoro mio questo mio canto
è stato scritto da me e la natura
la musica è del vento che ogni tanto
fischiava con tante sfumature

il mare trasportava la mia voce
e la musa le parole mi dettava
a riva una sirena che cantava
a una farfalla che muta ascoltava

Stasera sotto le stelle amore mio
lo stesso canto io regalo a te
e se mi giuri amore davanti a Dio
di due cuori ne faremmo tre

Sposami amor mio, t’amo tanto
per testimoni ho tutto il quartiere,
rispondi si, amore al mio canto
che i figli con te, io voglio avere.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
RICORDANDO CON TENEREZZA

Io papà mamma, fratelli e sorelle
eravamo fuori a guardare le stelle
d’un tratto si sente la sirena suonare
e dalla montagna un mitra sparare
fu quella sera del quarantatre,
il venti di agosto io persi te.

Guardai il tuo viso, gli occhi profondi
la pallida pelle, i capelli biondi,
grido il tuo nome, e non mi rispondi
ho perso la guida dei miei due mondi,
del mondo reale e la fantasia,
eri la meglio della compagnia.

Io mia moglie e i quattro figli
siamo in giardino accarezzando i fiori
in un angolo nascosto vedo due gigli
vicino ad una lapide, incisi due cuori,
oggi agosto del duemilasette
e l’anniversario della mia Charlotte.

Dalla finestra sento il piano suonare
la mia nipotina i è messa a cantare,
canta per mia sorella l‘Ave Maria
che sempre mi fa compagnia
io dico a tutti che nel quarantatre
volasti in Cielo ma, sei qui con me.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Penna d'Autore

E’ come una spada, sempre affilata
e la punta fine, pronta a colpire
la pagina accanto, bianca immacolata,
scrive in un modo che si può capire,
la prendo fra le mani e la ispeziono
la guardo e la rigiro fra le dita.
Oggi scriverò a tutti chi sono io,
e tutto ciò che ho fatto nella vita,
Racconterò gli amori, i dolori,
le delusioni, le gioie e le pene.
la mia vita fra fornelli e motori.
In un volume scritto senza freni,
accanto metterò i miei allori
con dedica ," A CHI MI VUOLE BENE".
A colei che mi prese il cuore,
lascio la mia penna d’autore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Coro Angelico

Aveva gli occhi azzurri come il cielo
e i capelli biondi come il sole
coperta era lei, di un nero velo
il volto triste come quando duole,

In ginocchio pregava, al cimitero
per una bimba che mai tornerà
da sola recita il Rosario intero
ed ogni stanza una pausa fa

scende una lacrima, e dal cielo
l’arcobaleno, sorge e se ne va
unisce le mani e sente un gelo
attraversarle il corpo e va di là.

Mamma, triste e sola stai piangendo
il primo frutto della tua gioventù
anche il cielo è triste, sta piovendo
cara ti prego, non lasciarmi anche tu,

con gli angeli del cielo questa sera
canterà la nostra bimba di lassù
e mentre noi diciamo la preghiera
si sentirà un coro di voci blu.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CARNEVALE

Il racconto è un pò vero
da bambino era povero
un talento da pittore
ma poeta per amore

fu costretto ad emigrare
venti giorni d’alto mare
lo portarono in America
dove imparò la metrica

imparò a fare il cuoco
in cucina era un gioco
con le pizze speciali
fu famoso nei giornali

oggi sulla cinquantina
fa il nonno ogni mattina
ma il cuore un pò gelato
pensa sempre dov’è nato

al paese sotto il monte
alla casa dopo il ponte
dove spera di tornare
e la mamma ritrovare

ma purtroppo l’emigrato
ora è vecchio e malato
e non può tornar bambino
perché lungo è il cammino

dopo una vita a lavorare
e ogni lira conservare
lui si chiede a che vale
se la vita è carnevale.

di: Alcamo

____________________________________________________________________________________________
Dolce Musa

ogni sera scende in piazza
fra poeti di buona razza
dice non tutte le poesie
sono frutto di fantasie

il poema nevicando
lei l’ha scritto al tramonto
per un amico che cantando
se n’è andò all’altro mondo

poetessa, e brava pittrice
fa le recite da attrice
specialmente se alla gente
recita,"cuore d’emigrante"

era pieno il comunale
per la festa di Natale
lei presentò il gioiello
" ninna nanna al bambinello "

scrive e pitta senza scusa
Marinelli dolce musa
e la sera mentre sola
nella bibbia si consola.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
A CHI ?

A chi regalare una penna d’autore ?
usualmente si cerca in famiglia
alle persone che ti stanno a cuore
la Mamma, la Moglie, oppure la Figlia.

Si è mai pensato ad un’ammiratrice ?
Colei che in silenzio segue i tuoi passi
che ti spinge come una locomotiva
e ti è vicino nei tuoi alti e bassi.

Oppure a quella signora lontana
che come te vuol fare poesia
ti da una mano nell’italiano
con fare modesto e tanta cortesia?

L’ammiratore che ti dice "bravo
hai scritto davvero un capolavoro"
ti chiama sempre attraverso il cavo
e dice,"mi leggi un altro tuo tesoro?"

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL MOTTO DELLA CARITA'

Oggi fa carità la dolce musa
aiuta i bisognosi della casa
e fa di tutto che nessuno abusa (1)
con le porzione della basa (2)

il pesce è fresco e pure la verdura
sulla tavola c'è del caldo pane
chi ha bisogno per la sua sventura
qui dentro trova anime cristiane

la porta è pure aperta all’emigrante
e alla gente che famiglia non ha,
non guardare il colore della gente
è il solo motto alla carità.

(1) abusi, libertà poetica di Alcamese.
(2) un tipo di pesce

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
PASSA LA VITA

Non ti curar di me, ma guarda e passa
lasciami solo nella malinconia
sono straniero, uno della massa
cerco lavoro qui nella tua via

sono un contadino, un manovale
faccio il lavapiatti, e pure il cameriere
il pagliaccio, sono a carnevale
un gran buffone, ha volte cavaliere,

se mi pagano, in tutto sono bravo
cerco di guadagnare qualche cosa,
coltivare in giardino me la cavo
dalle mie mani esce la miglior rosa,

di sera in piazza sono il menestrello
che canta per fanciulle e innamorati
per ogni cuore scrivo uno stornello
e ninne nanne a bimbi addormentati

come ogni storia vecchia d’emigrato
""che parte a far fortuna e ritorna
al povero paese che ha lasciato ""
anch’io attraversai tutto il mare

Senza nessuno per Natale
e solo passerò il capodanno,
il cuore stanco mi fa tanto male
scrivendo il diario con affanno

Sento nell’aria un coro cantare
"Torna al tuo paesello emigrato
torna da chi ti sa d’avvero amare
e mai ti ha dimenticato "

fare il muratore, il falegname
il facchino, e pure il medicante
ogni lavoro per placar la fame
la vita di un povero emigrante.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA TERZA STELLA

Virgilio la battezzò col nome Arime
e cosi la chiamò anche Capella
le sirene che scrivevano rime
dicevano che è lei, la terza stella

vicino al mare dentro Monte Vico
esiste ancora uno stemma reale
lo lasciò lì il Tedesco Enrico
quando per lui venne carnevale

salendo dal castello Aragonese
si può vedere Assunta e Immacolata
mentre la gente che vive nel paese
stornella alla luna innamorata

Un vecchietto suona il mandolino
per spettatrice ha solo un alpaca
all’alba con il sole del mattino
scribacchia, la musa Anna Lamonaca

è un panorama tutto ischitano
con il mare azzurro e il verde prato
a sera anche da molto lontano
si sente il canto dell’innamorato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
A CHI LA COLPA ?

Sono un sognatore, un poeta squattrinato
sono un ribelle, musicista male andato
sono un Italiano, in America arrivato
per tetto ho le stelle, per letto un bel prato
da New York a San Francisco, tutto ho girato
a tutti canto il canto di un cuore emigrato.

Canto, "O sole mio, Emigrante e volare
alla gente in Florida canto in riva al mare
giù a Las Vegas per chi va a giocare
mentre in Arizona a chi piace sognare
scrivo stornelli e prose per chi vuole amare
in cambio chiedo solo da mangiare.

Pubblico su scribacchiando, racconti e poesie
Lamonaca e Marinelli, sono ammiratrice mie
Maximo il Poeta, racconta tutte le nostalgie
in cielo, chi Vive con le stelle, illumina le vie
la Terribile stella non cerca compagnie
come la Giulia vive di fantasie.

Anche se non ho scuola e sono analfabeta
scrivo sempre a rima, come un gran poeta
Il Maestro Sartori facendo l’altra metà
M’illustra i lavori, come un gran profeta.
Ringrazio tutti quanti e a tutti chiedo scusa
ma la colpa non è mia, è tutta della Musa.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SPERAVO E SPERO

la sera al chiaro di luna
sulla scogliera,
si sente una sirena recitare,
prose e poesie
con il tema "SPERA",
scritte dal cuore emigrato
che vuole tornare.

Spera l’emigrante di tornare
nell’isola che splende sul mare
in quella casa che gli vide i natali,
da chi gli diede vita e sà aspettare.

Con i capelli bianchi
e il volto teso
la mano stanca
e dita incallite
guarda un passaporto
già scaduto,
con fogli non scritti
ma tutti ingialliti

Sperava
di far fortuna e tornare
nella sua casetta, vicino al mare
sperava
e ancora spera
cuore emigrante
su quei fogli un timbro posare.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
UN BACIO PER VENDETTA

Se per un’ora avessi il tuo talento
me ne andrei in giro per il mondo
ai grandi direi ciò che sento
con i piccoli farei un girotondo

Scriverei uno stornello in dialetto
che tutti lo potrebbero capire
con il Santo Padre farei un duetto
accompagnati da chi ha da dire

Capi di governo e di stati
principi, regine, imperatori
contadini, medici, soldati
sindaci, consiglieri e senatori

Metterei tutti in un convento
insieme a monaci, preti e cardinali
per vedere se in quel contesto
si comportano meglio degli animali

Come un profeta farei un discorso
molto breve, che tutti possono capire
a chi ti fa del male non dagli un morso
ma un bacio per farlo soffrire.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CARA SORELLA

Mi hanno detto che la notte vai a spasso
e ti piace vagabondare con le stelle
mi hanno detto che appena fai un passo
intorno a te s’accendono fiammelle

a volte vai in giro un pò nascosta
e fai sognare giovani innamorati
cammini sempre e non fai una sosta
la notte serena illumini i prati

a te hanno dedicato poesie e prose
tu di chi ama, sei la fortuna
e se pur da me non accetti rose,
ti voglio un gran bene, sorella luna.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Ridi con me

Non piangere per me se vado via
è giunta la mia ora di partire
a te lascio racconti, prosa e poesia
perché soltanto tu sai capire.

A te lascio il cuore d’emigrante,
volume scritto con tanta tristezza
da un misero poeta ignorante
che rimava sempre con bellezza.

Ti lascio la mia penna d’autore
insieme al mio diario non finito
dove affidavo tutto il mio dolore
i sogni miei di diventare un mito.

In cambio ti chiedo un favore,
prendi il mio corpo e fallo cremare,
in una bottiglia mettilo con un fiore
e dolcemente affidali al mare,

dopo prendi ciò che ho lasciato,
uno dopo l’altro dacci fuoco
ridi con me, cuore d’emigrato
la cui vita fu tutta un bel gioco.

di: Alcamese
____________________________________________________________________________________________

CANTO D’EMIGRATO

(( hai trovato un posto al sole
e allora cosa vuoi più dalla Vita ))

Cerco di dire al mondo e a chi lo vuol capire,
solo e disperato, in terra sconosciuta
la vita d’emigrato è tutta un soffrire
pure la lingua madre è diventata muta.

In Patria non si torna se non fai fortuna
tutti rideranno del suo destino ingrato,
meglio dormire solo sotto la luna
solo, sul suo posto al sole è l’emigrato.

Nel deserto non si sente il suono di tromba,
si vedono i rapaci girare sempre accanto
non si vede una croce, neppure una tomba
disteso su quel manto è morto nel suo pianto.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
PERLA FIORENTINA

Bella, sei seduta in posa Cleopardesca
in bianco assai scollato, dimmi com’è nato
il cielo, guardi la luna con aria molto fresca,
chi sa, se nei tuoi sogni c’è l’emigrato,

scrivi i tuoi racconti con tanta maestria,
i tuoi quadri esposti in ogni galleria
poi se sei in vena scrivi una poesia,
e al mondo fai vedere la tua malinconia

Senti, facciamo un patto, Orofiorentino
tu mi mandi un libro, con i tuoi lavori
io scrivo un sonetto un pò birichino,

così a primavera felici son due cuori,
tu cara che ne dici, dai, di buon mattino
con libro, busta e penna, esci fuori

con le prose e le rime, un cuore hai stregato
ma facendo bene i conti, il tuo è più assetato

se ti chiamo oro, merito una sberla
perché tu mia cara, di Firenze sei la perla.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ILLUSIONE

Io ero il grillo e tu eri la rosa
dentro il giardino dell’amore
vedendomi ti mettevi in posa
pronta al mio bacio di furore

A volte eri timida e impallidivi,
ti chiudevi nei tuoi pedali
e delle tue bellezze privavi
i grilli innamorati ed i mortali.

Di notte ti trasformavi in sirena
e andavi a giocare con il mare
e se in cielo c’era la luna piena
venivi da me a farti amare

Abbracciati aspettavamo il mattino
circondati da colombe e gabbiani
"il sogno è bello, peccato
che il destino non tiene vicini
i nostri cuori "

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL RE DELL’ARIZONA

Non sono tanto dolce come poeta,
sono uno fra la massa di emigrati,
parte del piccolo gruppo analfabeta
vivendo nella miseria da che nacqui.

Andai lontano i cerca di fortuna,
per dare agli eredi un futuro,
dormivo nelle ville sotto la luna
e la natura mi dava da mangiare.

Zingaro, cantastorie, medicante,
è il titolo di chi non ha diploma
dopo ti dicono pure ignorante
perché non capisci e non parli l’idioma.

Zurigo, Parigi, Londra e Barcellona
le ho girate tutte dentro e fuori
non mai trovato una persona
che mi desse una mano ho mi aiutasse.

Adesso nel deserto dell’Arizona
sono padrone della prateria
scrivo beato perché non c’è persona
che mi offende e critica la mia poesia.

di: Alcamese 

____________________________________________________________________________________________
Da Napoli a Roma

Mi hanno detto che per scrivere una poesia
ci vuole poco talento e molta fantasia
io che alle scuola ci passavo davanti
diventai subito un poeta come tanti
pubblicavo quaderni, volumi e enciclopedie
alcune storie vere, ma il resto solo fantasie
un giorno alla radio in una mia intervista
mi chiesero com’era la vita di un artista fasullo
risposi, meravigliosa, lei non ci crede ?
un prete vicino a me, perde pure la fede
e ancor più strano, pure io non so come faccio,
se vedo un eschimese gli vendo pure il ghiaccio
la vera cosa strana m’è successa ieri
mi trovavo al bivio con due carabinieri
uno mi ferma e dice, lei che tutto sa
per giungere a Roma sa come si fa
io gli rispondo certo signor capitano,
lei con il suo collega datevi la mano
poi svoltate a destra e andate piano, piano
che tutte le strade portano al Santo Vaticano
poi se sentite un grido. "a figlio de na mignotta,"
vuol dire che siete a Roma e non ha Piedigrotta

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Piccola lucciola

Vieni dentro, fa freddo fuori, c'è la neve
su, prima che ti prendi un raffreddore
prendi un pò di pausa, anche breve,
ti farà bene un pò di calore.

In cambio non voglio nulla, non temere
il mio è un gesto umano senza favori
poi ti racconto, se lo vuoi sapere,
di una ragazza che vendeva amori.

Aveva più o meno, la tua stessa età,
figlia di un contadino calabrese
andò a Milano, credendo che la felicità
era ciò che prometteva il gigolò cortese.

Passarono tre mesi dalla sua partenza
e ancora scriveva un rigo a casa,
sui marciapiedi con le altre è finita
e sotto il ponte fece la sua base.

Fu a dicembre che si senti male
e svenne sui binari alla stazione
di corsa la portarono all’ospedale,
come un cane senza padrone.

Dicono che il freddo l’abbia uccisa
era giovane e bella, ventidue anni
lasciò la casa materna perché decisa
ad uscire dalla miseria e dai malanni.

Ritornò a casa in una bara sopra un treno
senza nessuno a fargli compagnia,
una croce le misero sul seno
e la sotterrarono là, in fondo al cimitero.

Vieni, entra dentro per favore
riscaldati con me, vicino al fuoco
e se il fuoco non ti dà calore
il cuor mio ti scalderà a poco a poco.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SE IO FOSSI, OPPURE SONO

Da buon Poeta io vorrei avere
la vena della musa Anna Marinelli
e prima d’iniziare per dovere
gli dedicherei due o tre stornelli

dopo con lo stile di Maximo il Poeta
scriverei una lode alla Mamma
sicuro che farei cosa lieta
perché la mamma è la vera fiamma.

Poi chiederei ad Orofiorentino
se con me scriverebbe un sonetto
dedicato a Gesù Bambino
da recitare quando si va a letto.

Chiederei senza riserva alcuna
a Pietro Atzeni d’aver il permesso
d’andare in Sardegna, dove sotto la luna
scriverei del mondo il progresso.

E se la mente mia diventa stanca
vado fino a Ischia a nuoto,
Anna Lamonaca sopra una panca
con tocco magico me la rimette in moto.

Da Ischia andrei a Roma, non lontano,
al poeta grisby6043 stringerei la mano
sperando che mi porti in Vaticano
a vedere il Papa in primo piano

Il tutto con l’aiuto di Sartori
illustrato con quadri d’autore
lui che da Maestro mischia i colori
che portano allegria in ogni cuore.

Al fine raccogliendo le mie note
le darei a Matrixwoman per l’antologia
mentre io in compagnia dei cojote
al mondo reciterei l’Ave Maria.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Serate Alcamesi

Sono le sette e tutto va bene
passa la ronda degli innamorati,
scorre sangue caldo nelle vene
dei giovanotti del rione Amati.

Ai loro posti con i violini,
a turno cantano sotto le stelle,
dietro le persiane un pò nascoste
ascoltano beate le donzelle.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Avete Vinto

Io mi fermo qui signora musa
non scriverò più rime ho poesie
se l’ho disturbata, chiedo scusa,
ho perso l’amore, voglia e fantasia.

Se vado in rete e pubblico una prosa
critiche e commenti sono a non finire,
sia di dolore gioia ho amore
la mia poesia non ha nulla da dire.

Adesso io mi chiedo, a che vale
scrivere poemi storie e novelle
se ogni uno che mi legge mi fa del male
con insulti e mai un complimento.

Io sono analfabeta e l’ammetto,
ma scrivo con amore e passione,
non sono un maestro del sonetto
ma nel fare rima ci metto passione.

A sette poeti, scrittori e criticoni
Dico, è vero, non ho finito la quinta,
ma non sono un robot fatto di bulloni,
anch’io ho un cuore, ve la do per vinta.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________

L’amore in un sogno

Prima che da noi passa la ronda
ti pregherei d`andare sul litorale
siediti dove il mare bacia la sponda
ed odora il sapor d’acqua e di sale

Li dove il mare la terra disseta
tu siediti soave dolce fanciulla
e se sulla fronte ti bacia il poeta
socchiudi gli occhi e i tuoi sogni culla.

Quando lui va in giro per il mondo
il cielo colorato che vermiglia
sognati del sole, il bel tramonto
socchiudi gli occhi, vedi la meraviglia.

Ascolta il canto del mare,
le sirene cantare alla luna
alla quale affidando tutte le tue pene,
socchiudi gli occhi è tutto naturale.

Nella notte chiara, in ciel le stelle vedi
chiudi nel tuo cuore tutta le bellezza
se è giunta l’ora e tu ancor non ci credi
socchiudi gli occhi e donati all’amore.

Dopo, con il poeta, aspetta il mattino.
andate sui campi a passeggiare,
fra zagare in fiore e profumo di gelsomino,
apri gli occhi, ma continua a sognare.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
BUON COMPLEANNO

Ai vent’anni mancano alcuni giorno
il compleanno non è tanto lontano
il silenzio che mi hai dato te lo ritorno
mentre ti sussurro le parole piano piano

Se al tramonto avevi dei desideri
e i tuoi sogni li mandavi all’orizzonte,
dimmi a chi affidavi i tuoi pensieri
che mai attraversarono il mio ponte ?

A me non giunse mai alcun messaggio
nel tuo silenzio gelavi le parole
forse perché ti mancava il coraggio
di dire ciò che sentivi alla luce del sole.

La sera con la luna e le stelle,
sirena, tu regina eri del mare
nel silenzio le parole erano quelle
che dolcemente volevi ascoltare

Frasi mai dette, ma sentite
che il silenzio al mondo trasportava
il cielo e le stelle cantavano unite,
una sirena su uno scoglio sognava.

di: Alcanese

____________________________________________________________________________________________
Donna Mistero

Donna misteriosa, amante mia
dietro un velo nascondi i desideri
sei un mistero come una poesia
nessuno sa scoprire i sensi veri

Mi dici “Amore ti amo” con il cuore
parole d’amore calde, senza gelo,
mentre racchiudi la tristezza
stretta nel cuore, dietro il velo

Ma se t’illudi che lui ti protegga
ripensaci ancora amore mio,
la legge non protegge mai l’amore,
chi ti può proteggere sono solo io.

Per te darei il cuore e la vita
e confiderei tutti i miei segreti,
con amore curerei ogni tua ferita
per renderti i giorni i lieti.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
RISVEGLIO

Sul ciel la luna fa capolino
le stelle stendono un manto
la mamma culla il bambino
il papà intona un bel canto

Dietro la finestra sta seduto
con il suo limoncello in mano
ascoltando tutti resta muto
il nonno, del tempo lontano

La nonna in cucina a preparare
sugo e pasta per l’indomani sera
mettendo il pane a lievitare
riunisce tutti e recita la Preghiera

S'alza il sole e tramonta la luna
E lui si alza sempre di buon'ora
si veste, scende giù alla laguna
e resta ad ammirar l’aurora

Con il suo canto tutti sveglia il gallo
nessun dorme alla fattoria
viene il pittore con il piedistallo
mentre il poeta scrive poesia

Eccovi gente il mio Paradiso
al mio paese è sempre primavera
passo il giorno con un gran sorriso
tranquillo aspetto che scenda la sera.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
TENERAMENTE

Non ho più la mia commentatrice
L’amica sorella, maestra insegnante
le mie sere, non saranno più felice
e più dura, sarà la vita d’emigrante.
Passavo le serate a recitare
ciò che scrivevo,in versi e poesia
lei, era sempre li ad ascoltare,
a dare vita alla mia fantasia.
Spesso mi correggeva gli errori
che io facevo, da povero analfabeta,
alla fine sotto, con diversi colori
scriveva,"TVB mio caro poeta " .
Guardo fuori, da dietro la finestra
il cielo è nuvoloso e sta piovendo
forse, ricordando la mia cara Maestra
con me il mondo intero sta piangendo.
A te che per me eri un tesoro,
che mi volevi bene con il cuore,
a te dedico il mio ricordo
e lo firmo con la penna d’autore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
AMARA RIFLESSIONE

La sera si riuniscono come incanto
sulla spiaggia aspettando l’aurora,
le stelle stendono un manto,
per zingari e medicanti è arrivata l'ora.

Qui nessuno vi leggerà la mano,
vi dirà il passato o futuro,
il domani è troppo lontano
le tenebre attorno alzano un muro,

La Mora all’angolo con il Mozzo
seduti guardano il chiaror lunare,
la Mora si avvicina al Mozzo
cerca un posto per poter amare.

Sono chiamati extra comunitari
non hanno un comune o nazione
il loro motto è "Tira a campare”
senza appello oppur sanzione.

Cerco di paragonare le nostre vite
alle loro, gente che gira il mondo
son sempre uniti, anche dopo lite
bevono e scherzano dopo un secondo.

Io avvocato conosciuto al foro
prigioniero sono fra quattro mura
debbo guardare aspetto e decoro..
Che strani scherzi gioca la natura.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Bimba, Sposa, Nonna

Ti vedo bambina giocare con le amiche
e alle bambole fargli da mamma
ti vedo con la vestina a righe
in chiesa accendere la fiamma
per le strade commini disinvolta
con passi sicuri e volto intelligente
passi e ogni passante si volta
sei il mormorio della gente
arriva l’ora che divieni sposa
e il tuo corpo inizia a dare vita
il viso si trasforma in una rosa
occhi brillanti come una margherita
Passi il tuo tempo fra tela e cottone
racconti il passato hai bambini
adesso da nonna hai più ragione
a passare il tempo nei giardini
La mattina spunta l’aurora
in paese il campanile suona
tutti brindano a te è la tua ora
da bimba a nonna, per te è sempre aprile.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Scribacchiando

Non per avere lodi o riconoscimenti
scrivo perché mi piace verseggiare
del giorno conservo tutti i momenti
a sera scelgo il meglio da depositare.
Un povero stende la mano al passante
una zingara legge la fortuna sulla mano
l’emigrante è pronto per imbarcarsi
scrive il poeta sotto il chiaror di luna.
Un gabbiamo gioca con un delfino
una sirena aspetta il marinaio
una mamma allatta il bambino
mentre una vecchia recita il Rosario.
Sono le nove e passa la ronda
intimando alle lucciole, "circolare"
viene la buon costume e l’asseconda,
il menestrello inizia a stornellare.
Si spengono le luci alla marina
è mezzanotte, la notte è serena
è piena di coppiette la banchina
io guardo il cielo, vedo la luna piena ...

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Giornata del Padre

Sera d’inverno fuori c’è la neve
(è un vecchietto con i capelli bianchi )
cerca di far discorsi, ma è breve
intorno a lui tutti sono stanchi

è chiamata casa della vecchiaia
lui la chiama l’ultima stazione
sul fuoco sempre calda la pentola
stessa minestra per cena e colazione.

Figlio, poi padre adesso nonno
abbandonato solo in un ospizio
è sempre sul letto anche senza sonno
mai una visita, nemmeno dal figlio.

Prende il telefono, una telefonata
risponde una voce:"lascia il messaggio"
"Auguri figlio è la tua giornata "
posa il telefono e mormora:"coraggio”

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Fammi un commento

Compagna di scuola, amica fedele
mi facevi il tema per un’aranciata
il primo bacio fu come il miele
dato da donna innamorata.

La notte scrivevo frasi d’amore
scrivevo in rima, a volte in sonetto
erano frasi dettate dal cuore
depositate nel mio cassetto.

All’indomani andando a scuola
ti aspettavo seduto sul prato
e non appena rimasti soli
le poesie declamavo, emozionato.

Dopo chiedevo," Fammi un commento "
ti è piaciuta la mia poesia ?
Tu restavi muta e dopo un momento
mi davi un bacio e fuggivi via,

Venne il giorno del diploma
ma tu non eri al mio fianco
un incidente ti portò in coma
come morta, col viso bianco.

Te lo portai all’ospedale
accompagnato da una poesia,
vederti cosi mi faceva male
eri la meglio della compagnia.

dopo tant’anni di continuo dormire
chiudesti gli occhi per l’ultima volta,
ti venni vicino per farmi capire
e sussurrai,"Amore ascolta'

Ti recitai "Amor perduto "
una lirica scritta in quel momento
appena finito, mi sono seduto
aspetto ancora il tuo commento.

di: Alcamese (25/marzo/2009 )

____________________________________________________________________________________________
L’alba di un nuovo giorno

Se tu l’amavi tanto e lui ti ha ferita
è perché non meritava il tuo amore
se adesso ti sembra dura la salita
lasciati guidare dal tuo cuore

lui è un passato che devi dimenticare
un viaggio solo andata senza ritorno
un uomo che non dovevi amare
esci fuori e guardati attorno.

Vedi il cielo com’è un pò turchino ?
guarda le colombe portano la pace
adesso sei sola tu col tuo bambino
fai vedere di cosa sei capace.

Apri le finestre e le persiane
il sole ti riscalda più di un forno
l’acqua è sempre fresca alle fontane
per te è:L‘ALBA DI UN NUOVO GIORNO"

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Acquarello paesano

Il cielo è grigio, fresca è la sera
passa una colomba e va lontano
canta il grillo allegro, è primavera
stringe un tulipano nella mano,

la luna splende sopra la marina,
distesa sulla sabbia la mia amata
dorme soave come una bambina,
una farfalla in fronte la baciata.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Commiato

E`autunno e cadono le foglie
il treno arriva all’ultima stazione,
gli ingialliti fogli lui raccoglie,
al testamento fa una correzione.

Era nulla e ritorna nessuno
è l’ora dell’addio per gli amici
si scusa se ha offeso qualcuno
chiede perdono ed essere felice,

la candela è all’ultima goccia
manca l’olio e non fa più fiamma
in fondo al viale pronta è la roccia
riposerà vicino a sua mamma.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
21 aprile 1974 - 21 aprile 2009
FELICE ANNIVERESARIO

L’ho scritta l’altro ieri, ti appartiene
l’inchiostro è tutto speciale
è sangue mio, uscito dalle vene
scritta con dito che non faceva male.

La storia di un amore senza fine
trentacinque anni e qualche giorno,
adornato di tante rose e spine
e tante vite che ci girano attorno,

due figli maschi e quattro nipotini,
sono gli eredi di un grande amore
un grande amore non vede confini,
non vede ostacoli e non sente dolore.

Felice anniversario mio gran tesoro,
oggi rinnovo il mio pegno d’amore
non ti regalo diamanti ne gioielli d’oro,
ma sangue fresco uscito dal mio cuore.

Ti amai, t’amo e sempre t’amerò,
vecchietta mia, compagna adorata,
sempre nel mio cuore ti porterò.
Figlia, sposa, mamma e nonna amata.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
RICORDO DEL NOSTRO INCONTRO

Capelli biondi com’è il sole d’estate
occhi color di cielo, azzurro chiaro
labbro di una fanciulla in verde estate
un stile assai perfetto e molto raro

t’incontrai nel pomeriggio per la via
con mamma e papà andavi a passeggio
la campana suonava l’Ave Maria
vedendoti ho creduto in un miraggio.

Complice mi fu la prima primavera
la villa adornata di fiori profumati
il complesso suonava quella sera
musica per due cuori innamorati

Ti dissi, "Signorina mi da l’onore
di avere il primo ballo della sera ?"
Guardasti mamma tua con timore
unendo le mani in segno di preghiera.

Lei, umilmente guarda tuo papà
per cercare in lui la risposta
a un suo gesto, ti sorride e fa
"Vai figliola, noi da qui ti teniamo posta"

Nel complesso mi sono tutti amici
a volte con loro vado a cantare
vedendoci ballare assai felici
da parte mia ti vogliono dedicare.

Occhi di cielo, capelli di sole
la primavera ci ha fatto incontrare
in musica ti scrivo le parole
cosi non li puoi mai dimenticare.

Dolce fanciulla a te regalo il cuore
sarai la regina del mio casolare
ti dono la mia vita è il mio amore
solo te al mondo voglio amare.

Passa la primavera, l’estate è finita
l’inverno ci trova con i capelli bianchi
negli anni mi hai curato ogni ferita
mi sei sempre vicino e non ti stanchi

T`ho scritto t’amo, perché ti voglio bene
mi hai rubato il cuore e ti chiamo amore
finché mi scorre sangue nelle vene
con te vicino non sento dolore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
TRAMONTA IL SOLE E SORGE LA LUNA

Tramonta il sole e sorge la luna
per l`emigrante arriva la sua ora
colui che un dì cercò fortuna
sul letto aspetta la Vecchia Signora.

Signora morte tu sia maledetta
non fai realizzare il mio sogno
la tua non è altro che vendetta
verso un malato con tanto bisogno.

Tramonta il sole è sorge la luna
non so se rivedrò io il domani
come emigrante non ebbi fortuna
tutto sfuggiva dalle mie mani.

Nel lavoro non potevo compatire
il lavoro dovevo selezionare
il cuore sempre aveva a che dire
era debole, stentava a camminare.

Tramonta il sole e sorge la luna
passo il tempo a scrivere poemi
sperando che un giorno, forse qualcuna
i miei soggetti prenderà per temi.

Scrivo poesia ma non sono poeta
tutti ridono della mia ortografia
ma scrivo per passare un`ora lieta
per vivere almeno in fantasia

tramonta il sole e sorge la luna
la mano trema e il mondo tace
per l`emigrante in cerca di fortuna
stasera arriverà, l’eterna pace.

Solo in una stanza d’ospedale
senza nessuno a farmi compagnia
stasera anche se il cuor fa male
al mondo scrivo l’ultima poesia.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CENTO ROSE PER UN SORRISO

Seduta sullo scoglio la sirena
come me guarda il tramonto
stasera in ciel la luna è piena
brilla una stella ogni secondo

Sono seduto qui a fare il conto
della vita vissuta inutilmente
per l’ultimo viaggio sono pronto
son nato nudo e non possiedo niente

lasciai il paese cercando fortuna
lontano in un nuovo continente
lasciai mamma, la mia bella bruna
per far la vita da misero pezzente

per l’emigrante la vita è assai dura
specie se non conosci l’idioma
se chiedi carne ti danno verdura
del caffè senti solo il suo aroma

Mi dice la sirena,"Sono triste assai
scrivimi una lirica un pò allegra "
Rispondo amica mia forse non sai
che oggi l’anima mia è tutta negra.

Mi diede la notizia lo stregone
che il tumore fa il suo cammino
dice che è arrivato al polmone
e al cuore malato è molto vicino

Ma sai cosa faccio questa sera
a te che mi sei amica tanto cara
scrivo un poema, "sere di primavera"
e te la mando con una nota rara.

A te che mi hai spirato poesie e prose
dedico il volume cuore d’emigrante
te lo invio insieme a cento rose,
tu mostrami il volto tuo illuminante.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
STASERA

Stasera guardo il cielo stellato
il mare è calmo e piange la sirena
nel ricordare il suo caro emigrato,
canta con l’arpa alla luna piena.

Come dea del vecchio passato
fedelissima al suo unico amore
umilmente aspetto l’innamorato
per ridare vita al suo cuore.

Sulla riva, da lei non lontana
composta come fosse a messa
sedurrà una graziosa rana
che un dì era principessa,

aspetta che appaia all’orizzonte
il cavalier cortese e galante
che gli darà un bacio sulla fronte
e per la vita sarà il suo amante.

Mi sposto più in la, dov’è il prato,
da fiore in fiore va l’ape operaia,
bacio tutti come innamorato
e bacio la morosa ogni mattina.

Stasera guardo il cielo tutto stellato
sono sulla terrazza di un grattacielo
chiudo gli occhi, ricordo il passato,
all’orizzonte si è steso un velo.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
UNA FIGLIA AL PADRE

Ricordo in periferia il carosello,
la giostra di cavalli il tiro a segno,
nella mia stanza avevi costruito un castello
che felice chiamavo il mio regno.

Con pioggia, neve e sole
mi accompagnavi a scuola ogni mattina.
Ricordo ancora le tue sagge parole
che mi dicevi quando ero bambina.

Avevi sempre argomenti da parlare
dandomi consigli a non finire,
con modi dolci, tu ci sapevi fare,
cercavi sempre di farti capire.

Il giorno che sono nata, mamma è partita
mi sei stato padre, mamma e confidente,
anche se grande ero la tua ferita
in silenzio soffrivi e non dicevi niente.

Un altro uomo entrò nella mia vita
e tu orgoglioso mi donasti in sposa
credendo che la nostra storia fosse finita
scrivesti un quasi addio, in colore rosa

Fra di noi mai ci sarà un addio
sei stato la mia luce, ora sei la fiamma
non sai il bene che ti voglio vecchio mio
adesso di più, perché sono anche mamma.

Auguri babbo, oggi è il tuo giorno,
fammi tornar bambina su quel prato
portami alla giostra, fai che io ritorni
a giocar con l’aquilone, con te al mio fianco.

Per il tuo compleanno, scrivo una poesia
come facevi tu il tempo passato,
te la dedico con tanta simpatia
per dirti grazie, di ciò che mi hai donato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
UNO DEI TANTI

Fermati! Aspetta!
Guarda com'è splendido il tramonto!
ispira poeti e pittori
e riunisce cuori innamorati.
Fermati! Aspetta!
contemplalo un attimo!
Non correre troppo!
Rimpiangerai le cose perdute.
Goditi il sorriso di un bambino
mentre si addormenta nella culla.
Fermati! Ammira!
La sera quando il sole bacia il mare
e una sirena si sente cantare.
Non essere egoista!
Lungo il cammino della tua vita
aiuta coloro che hanno bisogno.
Dai una mano ad attraversare la strada
a chi invecchiando ha perso la vista.
Fai la carità ai poveri.
Fermati! Ammira
le bellezze della vita
goditi la salute
e la vicinanza dei tuoi familiari.
Ma non dimenticare mai
che si può morire
anche per una piccola ferita.
Se incontri una persona
che ha una malattia incurabile
o un bimbo che soffre
per gravi problemi di salute
Ricordati!
che domani domattina
potresti svegliarti
e ritrovarti anche tu
angustiato da un dolore simile.
Potresti diventare anche tu
"UNO DEI TANTI" che soffrono.
Fermati! Adesso che puoi godere la vita!

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL MESE DELLE ROSE

Dopo aprile si sa viene maggio
il mese delle rose e di Maria
ogni poeta prende coraggio
e sul mese scrive una poesia

nell’osteria dentro il borgo vecchio
cinque vecchietti giocano a tre sette
uno fa segnali toccandosi l’orecchio
l’altro toglie gli occhiali e poi li rimette

la piazza grande è addobbata a festa
a spasso donzelle in cerca di marito
una di loro toccandosi la testa
si guarda in giro sperando in un invito

è mezzanotte e in piazza il menestrello
non avendo più spettatori
spegne la luce e toglie il cartello
anche le giostre spengono i motori

scende la luna, lento sale il sole
la sua ora.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CRUDELE DESTINO
 
Caro papà aspetta un altro minuto
perché vuoi andare se non hai finito
io ho ancora bisogno del tuo aiuto
non lasciarmi sola, tu sei il mio mito
 
Ieri in paese è giunto il carosello,
la giostra con i cavalli colorati
e hanno costruito un grande castello
pieno di principesse e soldati
 
Vieni Papà portiamoci tuo nipote
in questo mondo pieno di fantasia,
mettilo sopra il bue che tira le ruote
e sul trenino delle ferrovie
 
Aspetta ti prego, Mamma può aspettare
ancora, è presto e tu non devi partire
lei dal cielo ci sta ha guardare
vieni papà andiamoci a divertire
 
voglio essere bambina con il mio piccino
come tu eri con me, tanti anni fa
dai babbo, torna anche tu bambino
dammi la mano corri, vieni qua
 
Com’è crudele con me il destino,
quando sono nata io è morta mamma
adesso che è nato il mio bambino
ho perso un gran tesoro di papà.
 
di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL BAULE DEI RICORDI

Ricordando un amor perduto
ieri su in soffitta sono andato
aprii il baule, guardai e rimasi muto
"quanti ricordi del tempo passato"

Sopra di tutto c`era la tua foto
dentro la villa leggevi una poesia
seduta eri sopra la mia moto
i tuoi occhi brillavano d`allegria

Avvolte in un filo di cotone
C’erano più di trenta buste
raccoglievano tempi di passione
vecchi ricordi di passate angustie

in un cassetto, trovai una catena d’oro
ancora nel pacchetto di Natale
con destinatario "al mio tesoro"
che passerà le feste in ospedale
Trentun dicembre, quasi mezzanotte

lo ricordo come fosse ieri
eri distrutta, stanca di tante lotte
chiamasti il dottore e gli infermieri
per le vie un mare di gente
brinda al nuovo anno in allegria

tu sei sul letto lontana la tua mente
il cuore è nell’eterna prateria

non udisti nemmeno il lamento
di quella bimba a cui tu donasti vita
sul solaio mi fermai un momento
ti sentii vicino me, non eri mai partita.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
PERCHÉ SOLO PER NATALE ?

Fogli ingialliti pieni e senza voce
a chi vi legge, donate tanta pace
le vostre storie del tempo passato
passate da padre in figlio, a nipote

Storie d'amore, storie di dolore
scritte in bianco e nero con calore
scritte da un poeta/pittore/cantautore
un piccolo uomo con un grande cuore

una vita breve di piccole grandi cose
vissuta in una stanza d'ospedale
piena di petali di rose
finché non giunse il Natale

Era il millesettecentottantanove
il mese di dicembre con la neve
che il mondo dette l'ultima novella
parlava di tre Re Magi e una Stella

Natale, dicembre duemilanove
si va sulla luna, Marte, e quasi Giove
nessuno legge fiabe ai bambini
tutti di corsa come burattini

Ah! se ci fermassimo un momento
dare una mano a chi è in pianto
leggere un vecchio libro del settecento
e dopo insieme intonare un bel canto

Come sarebbe differente il mondo
se uniti si facesse un girotondo
credo non sarebbe male
essere buono anche dopo il Natale.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL GATTO E LA LUCCIOLA

Vado in giro nella notte
cerco un volto conosciuto
le osterie sono vuote
le insegne sono spente
ho bisogno di pò d'aiuto

Con un'altra l'ho tradita
in un momento di follia
ha cambiato la mia vita
e non trovo più la via
per tornare da lei

Vado in giro ed é notte
solo un cane per amico
sento il cuore che mi batte
sono solo dentro un vicolo
chi sa dove mi porta

Vedo un ponte, una stazione
tremo tutto, ho paura
forse ho perso la ragione,
vedo l'acqua chiara e pura
forse è l'ora che mi butto

C'è un gatto che mi segue
una lucciola mi chiama
guarda un pò e quasi grida
non buttare la tua vita
torna a casa da chi t'ama

alzo gli occhi, il cielo é grigio
l'acqua scorre sotto il ponte
io non trovo il coraggio
di tornare nella fonte
che mi dissetava un dì

Giunto alla stazione
guardo il treno, la ferrovia
poi sotto un lampione
vedo lei che mi guarda
Vieni a casa, andiamo via

Ero solo nella notte,
a due passi dalla morte
una lucciola e un gatto
cambiarono la mia sorte
mi salvarono la vita.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SAI CHE TI DICO ?

Fermarti, ascolta, senti, non andar via
la luna è piena e il cielo è stellato
la mia avventura è stata solo fantasia
e non amor di uomo innamorato.

Amore non vuol dire fare l’amore
oppure dare un bacio di sfuggita
amore vuol dite dare anima e cuore
e se bisogna dare pure la vita.

Fermati, senti, ascolta, non andar via
solo adesso capisco che ho sbagliato,
hai ragione con la tua gelosia,
non si tradisce un cuore innamorato.

Fermati, ascoltami un momento
ti prego amore non mi abbandonare
ti chiedo perdono sono veramente pento
per un’avventura non mi puoi lasciare.

La vendetta migliore è il perdono,
tu che hai un cuore e sai che ti amo
ti prego di questa vendetta fammi dono
e del mio cuore ascolta il richiamo.

Fermati, ascolta, senti, sai che ti dico!
mi son stancato pure di scribacchiare,
lascio la poesia, la musa e il caro amico,
perché non andiamo in vacanza a mare ?

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
INCONTRO NOTTURNO

Sono solo nella notte
non si vede una stella
c’è la luna che mi guarda
un cocchiere mi saluta
una lucciola mi parla
anche lei non ha nessuno

Siamo soli nella notte
due anime sconosciute
due cuori mai amati
due vite che sperdute
sono nell’immensità

Siamo soli in una stanza
si potrebbe far l’amore
ma restiamo a parlare
del passato del presente
le sorprese che il futuro
ogni giorno porterà

Arriva l’alba, sorge il sole
e ci trovano a parlare
però adesso batte il cuore
non si vuole separare
ha trovato il suo amore.

Mano nella mano per la via,
tanta gente sconosciuta
s’avvicina una colomba
e il battito d’ali di farfalla,
un vigile ci guarda,
sorride e ci saluta.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
 L`INVITO

Tramonta il sole e sorge la luna
scrive il vate, attorno tutto tace
il messaggero va sulla laguna
al mondo porta messaggi di pace

stasera i poeti scrivono col cuore
ogni pittore dipinge il suo tramonto
dall’arcobaleno prendono il colore
il Santo Padre benedice il mondo

Per la cara figlia di otto anni
e un mese le scrive un poema
un vecchio Alcamese che
da lontano per lei prega il buon Gesù
In un grande cerchio il mondo

si è unito per scrivere un libro di pace,
Alcamese manda un altro invito e chi
lo riceve legge, prega e tace.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CALA IL SIPARIO

Dal campanile suona una campana
dagli alberi le foglie cadono giù
la sera è fresca, un pò di tramontana
inginocchiato prego il buon Gesù.

Dentro la villa ho il cielo per coperta
per letto una panchina in disparte
la cucina infondo è sempre aperta
i miei amici sono le quaranta carte.

La villa è deserta, attorno tutto tace
nessuno vede il mio viso bagnato
non cerco nulla, voglio un pò di pace
per l’ultima scena, d’un cuore emigrato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ISPIRAZIONE NOTTURNA

La neve cade giù, è notte fonda
faccio due passi nella via deserta
nel mio cammino incontro la ronda,
e un vecchietto sotto una coperta,

Fiocca la neve, cade lentamente
nelle vie deserte stende un manto,
discende piano lungo il torrente,
il vecchietto triste intona un canto.

Sul campanile della Madre Chiesa
una colomba scruta l’orizzonte
è come una mamma in attesa
che ritorni il figlio emigrante.

Canta il vecchietto dalla stanca voce,
cade la neve e attorno regna la pace,
mi fermo facendomi il segno della croce,
vicino a me una donna ascolta e tace.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
MOMENTI POETICI

Il cielo bacia il mare
il mare l’infinito
l’arcobaleno a ponte
si perde all’orizzonte
è passato il temporale
è tempo di cantare
e mentre ascolto un grillo
passeggio lungo il viale.

In silenzio ascolto
il mormorio dei venti
il canto del grande mare
il suono dei gabbiani
Ascolto la Marinelli
la sirena di pietra "
le vigne recitare
il padre ricordare.

Guardo
una farfalla variopinta
che nella villa va
da fiore in fiore,
una coppia
baciarsi di sfuggita
da loro nascerà
il figlio dell’amore.

Su un tavolo di pietra
e quattro panche,
delle donne
giocano a canasta
mentre più giù
un vecchio professore
immortala il tramonto
e lo mette in mostra.

Una bimba mi ferma
"Senta per cortesia
mi può spiegare meglio
cos’è la poesia ?"
Rispondo "cara bimba
e tu lo chiedi a me ?
Guardati alla specchio
la poesia sei te "

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
AUTUNNO CAMPAGNOLO

Guardando il suo gregge pascolare
il pastore contento suona il fischietto,
il contadino finito di vendemmiare
aspetta “San Martino” per il detto,
in fondo breve è il cammino
la sorba si matura con tempo e paglia
per San Martino tutto il mosto è vino,
chi coltiva la terra, mai si sbaglia.
Sulla fornace pronto è il minestrone,
nel forno l’agnello con cipolle e patate
aspetta d’essere rigirato con il forchettone
sul tavolo vengono posti piatti e posate.
Sera d’autunno, aria cristallina,
in lontananza un suono di campane
nella culla una bambina
la nonna esce dal forno il pane.
Sera di novembre, pure il grillo tace
il pastore e il contadino fanno lega
chi vive in campagna è sempre in pace
e una mano d’aiuto mai la nega.
Semplice la rima di un umile poeta
mentre descrive un tramonto autunnale
in questo ambiente tutto si quieta,
siamo uomini con il cuor sentimentale.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
IL FIGLIO DELL’EROE

Suona la tromba e vedo sugli attenti
un ragazzino con il vestito blu,
suona il silenzio e muta è la gente
prega per chi muore in gioventù.

Sotto il tricolore a Nassiriya
in diciannove garantivano la pace
d’un tratto un uomo preso di follia
stroncò le loro vite di giovani audaci.

Il Cardinale dice la preghiera
e dopo benedice quelle anime sante
il Presidente piega una bandiera
e la offre al bimbo ancora sugli attenti!

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ALLE SOGLIE DEL BOSCO

L'albero è semi nudo e l'ultima foglia
dal ramoscello non si vuol staccare
nonostante la tempesta di pioggia e vento,
ammiro per ore ed ore ogni mattino
dalla finestra del secondo piano mia figlia
e penso, com'è strano come
una figlia possa cambiati il destino
oramai lei non ha più bisogno
del braccio di suo padre.
Come vorrei avere ancor per mano
quella “bambina” che mi è fuggita,
anche se il tempo è lontano
cambierei la mia vita con altra vita.
E' autunno e cadono le foglie
fra poco giungerà il mio inverno,
bambina mia ti aspetterò alle “soglie”
così saremo riuniti per l'eterno.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ERUZIONE NOTTURNA
 
si sveglia il vulcano silenzioso
la città dorme e la lava avanza
nel suo cammino va pericoloso
accorciando di metri la distanza

Il lupo che di pochi ha paura
subito sente odore di bruciato
corre e scappa con tanta premura
lascia il sua antro abbandonato

Il cervo corre giù verso la pianura
cercando di svegliare la foresta
anche se la notte è fitta e scura
l'orso si sveglia dalla sua siesta

Piange nella culla unbambino
il campanile emette suoni strani
mancano poche ore al mattino
in molti non vedranno il domani.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________

UNA VITA PER LA PACE

In un deserto
a lui sconosciuto
da buon soldato
difende la pace
dentro la sua tenda,
un albero d'abete
poco illuminato,
con foto l'ha adornato
il buon soldato,
papà, mamma, sposa
e una di suo figlio
appena nato
che lui ancora
non ha conosciuto

E' notte fonda
adesso si riposa
dopo 12 ore di vedetta

D'un tratto un tuono
disturba la pace
s'illumina il cielo

...........e tutto tace

---------------------
di: Alcamese
Dicembre 2009
Monroeville Pa
USA

____________________________________________________________________________________________
L'ORA DELL'AMORE

Le stelle nel cielo brillano
sorride una fetta di luna
la zingara legge l'ultima mano
d'un giovane in cerca di fortuna

le luci son spente nel bar del viale
è notte inoltrata, in giro poca gente
finite son le spese di Natale
chiude bottega l'ultimo mercante

Una stella brilla su quel tetto
i bambini sono addormentati
la mogliettina aggiustando il letto
mette una musica per gli innamorati

Apre la porta torna dal lavoro
il marito che non conosce ore
entra e vedendo il suo tesoro
capisce che è l'ora dell'amore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
PER TE POETA

Tu che della bell'Arte sei messaggero
e al mondo scrivi ciò che ti detta il cuore
al mio cospetto non esser forestiero
e della tua presenza donami l'onore

Fammi sentire il canto tuo beato
il suono armonioso del tuo mandolino
il tuo poema sul bimbo appena nato
e il canto scritto per Gesù Bambino

Con i tuoi versi in rete giri il mondo
postando in siti messaggi sinceri
ricevi commenti in meno di un secondo
di gente del mestiere, poeti veri

Anch'io ti leggo sempre, e non lo nego
ti leggo sempre con tanto rispetto
fra poco é Natale e ti prego
scrivi per la pace un saggio sonetto

Illumina il mondo messaggero
in prosa poesia e bel canto
siamo stanchi ti portare sempre nero
e su vite innocenti versare il pianto

Aiutami ti prego gran poeta
a divulgare un messaggio di pace
alla fine se arrivo alla mia meta
canterà il mondo mentre il mitra tace.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LETTERA DI NATALE
ad un vecchio emigrato

Una spalla per dare un conforto
la tua amicizia è senza frontiera
non guardi chi ha ragione o torto
in te si specchiò l'amicizia sincera

Tu che al mondo hai donato tanto
ed in cambio ricevuto solo dolore
ti supplico d'ascoltare il mio canto
canto d'amore che esce dal cuore

Cade la neve al nostro paesello
il campanile è coperto di bianco
un vecchietto si disseta al ruscello
capelli d'argento ed un viso stanco

Non ricorda più come si chiama
da dove è partito dove è la sua meta
sa solo che al mondo nessuno l'ama
e che nel passato era un buon poeta

In voi due vedo molte somiglianze
amate la pace, l'imbrunire e l'aurora
restare chiusi nelle vostre stanze
scrivere poemi e non guardare l'ora

Arriva dicembre e sei solo emigrante
in un paese a te sconosciuto
tu che hai dato amore a tanta gente
ti trovi solo con un amor perduto

Caro emigrante ascolta il mio stornello
non sei solo al mondo, c'è chi ti ama
vedi quel vecchio che vive al ruscello
ricorda il nome tuo e ti chiama

Torna al tuo vecchio paese emigrante
tu non sarai mai solo fra la gente
ricordati la cosa più importante
l'acqua migliore è nella tua sorgente

Non dimenticarlo amico paesano
nel fieno di casa si fa il vero sonno
torna e quel vecchietto prendi per la mano
è il padre di tuo padre, il tuo perduto nonno.

Di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SOTTO LE STELLE

Or che la luna in ciel fa la comparsa
e le vetrate sono tutte illuminate
sul belvedere scendono di corsa
le lucciole venditrice di amori a rate

Di notte regine di convegni e sale
di giorno devote mamme e anche spose
per loro la vita è sempre carnevale
gioie e dolori fra le spine e le rose

Da tutti desiderate dame di piacere
la meraviglia di chi compra l’amore
soli e triste vi scopre l`imbrunire
nessuno crede che avete un cuore

Mamme, figlie, spose e sorelle
non riposate mai nel vostro letto
vi auguro che stasera sotto le stelle
per voi sia un Natale Benedetto

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________

IL POETA PITTORE

Quattro pareti nude, una vecchia scrivania
una sedia a rotelle, una vecchia Olivetti
un registratore che suona a batteria
vicino un solo libro, con citazioni e detti

Dal secondo piano, guarda la via maestra
da lì immagina il mondo con la fantasia
un mondo che lui vede da dietro la finestra
e da li dà vita a prosa e poesia

Nato prematuro, inguaribile malato
non frequentò la scuola, poeta autodidatta
scrive dell'amore che non ha mai provato
impara ogni cosa con una voglia matta

Chiuso fra quattro mura, il poeta pittore
scrive le poesie con la penna del cuore
copre le sue tele con un solo colore
il colore di chi ama, il colore dell'amore

Nessuno lo conosce, mai visto fuori
poeta dell'amore, pittore audace
amante degli animali, coltiva fiori
dipinge i suoi poemi parlando di pace.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
POETA VAGABONDO

C'é chi aspetta e spera
per girare il mondo
io da domani sera
sarò un vagabondo

Con la mia amata
per monti e mare
con fare da pirata
incomincio a cantare

farò il mio cammino
fra paesi e borgate
che dolce destino
e serene giornate

Un cuor da poeta
con fare giocondo
vado senza una meta
in giro per il mondo

c'é chi aspetta e spera
la grande fortuna
io invece ogni sera
aspetto solo la luna.

di: Alcamese 

____________________________________________________________________________________________
UN BREVE SOGNO

Ad occhi nudi scruta l'orizzonte
con l'arpa suona note lievi
la sirena seduta sotto il ponte
cerca riparo dalla leggera neve

Il cielo é grigio non si vede il sole
mancano le stelle e pure la luna,
occhi di pianto, un cuore che duole
triste sirena dalla chioma bruna.

Giovane innamorata, é arrivata l'ora,
appena diciottenne l'amore chiama,
un altro bacio e poi uno ancora,
la notte viene presto per chi ama.

L'alba del nuovo giorno timida appare
il sole non si vede c'é la neve
si guarda in giro e poi, si butta in mare
per la sirena fu un sogno breve.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA BALLATA DI " NESSUNO "

Chi meglio di un poeta sa cos'è l'amore
chi meglio di un poeta può scrivere la vita
chi meglio di un poeta conosce il dolore
anche se analfabeta conta con le dita
solo un poeta che parla con il cuore
senza medicina cura ogni ferita.

Chi meglio di un poeta descrive la natura
il sorgere della luna, il tramontare del sole
lui osserva tutto senza tanta premura
presenta tutto con semplici parole
lui vede la luce anche nella notte scura
racconta di vite senza conoscerle.

In dodici anni di scuola diventi professore
impari un pò di tutto, storia e medicina
ma dimmi, se tua figlia soffre per amore
come consolare quella dolce bambina,
te la metti a fianco e le parli con il cuore
non la mandi in farmacia per un’aspirina.

Il mondo non è mondo senza un poeta
di giorno parla al sole di sera alle stelle
gira il menestrello nel mondo senza meta
porta due violini suonati da farfalle
ovunque porta pace e qualche ora lieta
e gran saggezza che tiene sulle spalle.

Non è un laureato, non fa il professore
è uno della massa, un giovanotto bruno
che parla sempre in rima e parla con il cuore
lo trovi fra la folla, nascosto in ognuno
e se gli chiedi il nome, per fargli onore
risponde lasciate, grazie, io son nessuno.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
INCERTEZZA

Cala il sipario
su l'ultima scena
con il canto del cigno
lenta arriva l'ora
in maschera entra
vestita da signora
è l’imbrunire ?
oppure l’aurora ?

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA SERA

Un giorno che speri
in un’ora migliore
facendo progetti
e tanti pensieri
d’un tratto su te
una nuvola nera
e tutto finisce
....arriva la sera.

di: Alcamese 

____________________________________________________________________________________________
"DOLCE AUTUNNO,
SPLENDIDA PRIMAVERA"

Un passero si disseta al ruscello
attorno a lui vola una farfalla
un grillo che vuol fare il menestrello
canta con un millepiedi sulla spalla

Cappello in testa e bastone in mano
fiore all’occhiello e fazzolettino,
in casa entra piano, piano
un ottantenne, a fianco un ragazzino,

seduta sulla panca scioglie la lana
una vecchietta per fare un scialle,
una ragazzina a lei poco lontana
guarda i fiori e ammira le farfalle.

Il ragazzino gli si avvicina e la saluta
lei si alza e gentilmente fa l’inchino
i due si avvicinano ad una fontanella
sotto un grande pino

sulla corteccia incidono due cuori
la scritta " ti amo " e una freccetta
il ragazzo raccoglie due fiori
e li dona a lei che timida aspetta.

Lui guarda i due vecchietti di sfuggita
il cuore di lei corre e batte a mille
sedendosi, incrociano le loro dita
la villa e tutta piena di scintille

Da lontano si vede l’imbrunire
dentro la villa piano scende la sera
un vecchio poeta guardandoli scrive
dolce autunno e splendida primavera.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA POESIA E IL POETA

Sono parole scritte con purezza
nella madre lingua messi in rima
in ogni battuta avere la certezza
che torna il conto senza fare lima

La vera poesia nasce naturale
è qualcosa che ci frulla in mente
non importa se in ufficio
o all’ospedale, soli o fra la gente

Si forma lentamente da una scintilla
qualcosa che vedi, pensi o ricordi
a volte basta il volo di una farfalla
che girando disegna segni balordi

Il poeta può essere pure analfabeta
semplice studente o un multi laureato
un vagabondo che gira senza meta
un contadino, un povero emigrato

Un menestrello con un tabellone
che in rima racconta tante storielle
interpretando decine di persone
ama la luna e parla con le stelle

Il poeta molte volte non è capito
molto spesso ha una vita dura
solo dopo morte diventa un mito
la gloria arriva dopo la sepoltura.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
DOPO CHIUDI GLI OCCHI

Lasciati trasportare
dal suono dei violini
balliamo a piedi nudi
come due bambini

mentre l'orchestra suona
il valzer delle candele
lasciati baciare il labbro
dolce come il miele

se mentre noi balliamo
vedi che piove fuori
stringerti forte a me
uniamo i nostri cuori

la pista é tutta nostra
il valzer è perfetto
il suon del clarino
m'ispira un sonetto

se i nostri ardenti baci
ci fanno riscaldare
non guardare l'orchestra
lasciali suonare

piano spegni la luce
ascolta il tuo cuore
dopo chiudi gli occhi
è l'ora dell'amore

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
FRAMMENTI NOTTURNI

Canta la luna in cielo bella e lucente
risponde la sirena di rimando
grilli e farfalle attorno la sorgente
allegramente fanno un girotondo

canta l’innamorato sotto le stelle
la sua ragazza ascolta dal balcone
il suo canto accende le fiammelle
lei scende e si baciano dietro il portone

il menestrello lascia la scalinata
scende la sera, è ora di andar via
torna a casa dalla sua donna amata
con una rosa e una nuova poesia.

Nel borgo, piano, piano scende la sera
la mamma chiama a raccolta i bambini
li metti a letto e dice una preghiera
per la notte accende due lumini.

Fuma la pipa il vecchio pensionato
legge il giornale e beve un limoncello
per lui un altro giorno è passato
giocando a carte con suo fratello

si spegne il neon del caffè Aurora
il paese dorme e tutto tace
la luna brilla in cielo e canta ancora
notte serena dopo un giorno di pace

di Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA MASCHERA

E' notte fonda e lenta s'avvicina
una maschera che copre una tuta
è molto strana, fa segni e cammina
come se nascondesse una sordomuta

E' la speranza oppure la tristezza
è vita, è morte o solo fantasia
che brutto senso porta l'incertezza
se incontri una maschera per la via.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
VAGABONDO SENZA META

Tramonta il sole e sorge la luna
lentamente appare l'imbrunire
stasera se ho un poco di fortuna
all'alba sarò pronto a partire

Attraverserò monti, mari e valle
in cerca di qualcosa di sconosciuto
andrò vicino al vulcano che bolle
per ricordare un amor perduto

A passi lenti senza fretta
cercherò di vedere l'orizzonte
senza fatica andrò sin sulla vetta
cosi lo vedrò, dalla cima del monte

Sarò un menestrello vagabondo
cantando "O sole mio," nel borgo antico
a piedi nudi girerò tutto il mondo
portandomi un gufo come amico

Sono nato menestrello, sognatore
cresciuto vagabondo senza meta
portando pace, insegnando l'amore
che dolce fine per un misero poeta

Tramonta il sole, ecco l'imbrunire
piange un gufo in terra straniera
una colomba é pronta per partire
per il menestrello serena è la sera.

di: Alcamese 

____________________________________________________________________________________________
TU CHE MI LEGGI

Guarda la luna in cielo, guarda le stelle
al tramontare del sole nel cielo imbrunito
guarda gli occhi tuoi sono fiammelle
guarda il gabbiano che vola nell’infinito

Guarda i grilli saltare sul verde prato
L’ape che vola da fiore in fiore
guarda un bambino che è appena nato
e dopo dimmi, "Sai cos’è l’amore ?

Guarda una mamma che allatta il figlio
tutti a guardarla e lei sorride fiera
una farfalla vola sopra un giglio
canta il pettirosso, questa è primavera

guarda quel bimbo che corre felice
incontro al babbo che torna dal lavoro
guarda il cielo, passa l’araba fenice
sui campi le contadine cantano in coro

milioni di bambini uniscono le mani
cantano allegri a fanno un girotondo
unisciti a me e prega, perché domani
la vera pace regni in tutto il modo.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
25 luglio

Guarda la luna e poi guarda il mare
guarda le stelle e dopo l’orizzonte
la sirena ancora sta ad aspettare
chi dallo stretto attraversò il ponte,

il tuo carisma giovane e cordiale
pronto ad aiutare amici e conoscenti
facevi il volontario in ospizi ed ospedali
esperto in malattie e medicamenti.

Alle sei di sera salpò l’Andrea Doria
tu eri a bordo per un lungo viaggio
cercavi un futuro, anche senza gloria
guardavi l’avvenire con coraggio.

Il venticinque del mese di luglio
anno millenovecentocinquantasei
leggevi il milanese Sant’Ambrogio
uomo di pura fede come tu lo sei.

L’orologio avanza lentamente
meno di un’ora manca alla mezzanotte
leggi e tanto assorta è la tua mente
da non sentire la fatica anche se notte.

Fitta è la nebbia nella serata scura
sul ponte sei solo, dorme la gente
d’un tratto un urto e tanta paura
e un corri, corri per i salvagente.

Nonostante le ferite non senti dolore
perché più forte del dolore è la paura
in mezzo a pianti e urla un fragore
la mente in bilico a tanta sciagura.

Hai tanto freddo e pure molta fame
non sai nemmeno tu dove sei
circondato solo da pezzi di legname
alzi gli occhi al cielo e preghi gli dei.

Il venticinque luglio del duemilanove
il mondo ricorda un grande naufragio
tu apri la camicia e mostri le prove
e piangendo mormori, "c’ero anch’io ".

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CUORE EMIGRATO

Il cielo grigio, la luna nascosta
una nuvola nera appare all’orizzonte
una colomba sul davanzale non si sposta
nell’aria un canto triste d’emigrante

un bimbo scalzo corre per le strade
piove da un’ora ma lui si diverte
corre e gira tutte le contrade
via su via ma sono tutte deserte

Un uomo seduto ad un tavolino
con una brioche, caffè e giornale
oggi si è svegliato di primo mattino
un paio d’ore prima del normale

Lo sguardo vuoto verso l’orizzonte
tanti ricordi tornano alla mente
piove e piange il vecchio emigrante
gli manca il suo paese, la sua gente

quel via vai di gente e auto per le vie
lui vecchio e stanco a ricordare il passato
adesso fa il nonno e scrive poesie,
è Alcamese con il cuore emigrato.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SOAVE FANCIULLA

Guarda il cielo stasera com’è stellato
è mezzanotte e sembrano le sei
riposa fra le braccia dell’innamorato
guarda la luna e ringrazia gli dei

per lei stasera fu la prima volta
sotto l’ombrellone vicino la marina
fra poco la sua vita avrà una svolta
si alza donna chi si distese bambina

Il canto dei pescatori da lontano
la musica del mare da vicino
un fazzoletto stretto nella mano
prega la Madonna e Gesù Bambino

Il dolore passava piano, piano
accarezzando il suo innamorato
cosi lei accolse il sole del mattino
dolce sorriso su un volto bagnato

Dolce sensazione dentro il cuore
fu senza gioia ma dentro sei contenta
abbraccia l’innamorato con amore
chiude gli occhi, felice s’addormenta.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
Alcamese
( un poeta per caso )

L’ape va da fiore in fiore
il grillo saltella sul verde prato
tela e pennelli ha pronti il pittore
oggi il suo tema è l’infinito.

E’ tempo per la rondine d’arrivare
sulle colline un bianco giglio è nato
un vecchio saggio arriva dal mare
a chiunque vede porge il suo saluto

Parla con voce stanca
di pace, prosperità e lunga vita
sulla sua spalla una colomba bianca
fedele compagna di parte della vita

E’ sera e le lucciole illuminano le aiuole
le farfalle riposano sul fiore di pesco
regna la pace al tramontar del sole
il pittore finisce l’opera al calar del fresco

l’acqua dai monti scorre nei ruscelli,
solca la pianura con meta il mare
scende la notte e s’addormentano gli uccelli
nel regno di chi per caso fa il poeta.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
DIO È OCCUPATO
( dagli un po’ d’aiuto )

Tu passi le giornate in tutta fretta
fra strade e grattacieli di cemento
fermati un minuto, oggi, dammi retta
scendi in piazza almeno un momento.

Fermati ad ammirare un pò la gente
all'angolo un bimbo stende la sua mano
passano in tanti tutti indifferenti
perché il bimbo non è un paesano.

Guarda, seduta sulla scalinata
vedi una mamma che allatta un figlio
è stata sedotta e poi abbandonata
nessun l'aiuta o le dà un consiglio.

Quel giovane laggiù cammina a stento
gli manca una gamba e putre dita
era un soldato che senza un lamento
per la nostra Patria dava la sua vita.

Vedi quel vecchio solo e malato
per la malasorte tutto ha perduto
in questi giorni Dio è occupato
perché non gli dai un po’ d’aiuto ?

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LE STELLE LA LUNA E LA BAMBINA

Guarda nel cielo le stelle lucenti
ad occhio nudo sembrano diamanti
li puoi vedere da ogni continente
la sera é sempre regno degli amanti

Guarda la luna nel ciel com'é felice
fa l'occhiolino a chi la sta a guardare
li guarda e sottovoce poi dice
"Le sere sono fatte per amare "

Una bambina curiosa chiede
"Quanto costa l'amore"
la luna dolcemente le risponde
"L'amore non si compra, è poesia”

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
AMAMI

Amami come non hai mai amato
come se domani io dovessi partire
amami come se io fossi un soldato
che in ogni momento può morire.

Amami ardentemente e con furore
come la prima volta sopra il prato
amami con passione anima e cuore
come un amor perduto e ritrovato

Amami come vuoi, amami ancora
e non stancarti mai di baciarmi
amami dall'imbrunire sino all'aurora
e sotto il sole continua ad amarmi.

Amami oggi domani e poi nel futuro
amami per sempre e dopo in eterno
amami con il tuo corpo caldo e puro
amami in paradiso e poi all'inferno.

di: Alcamo

____________________________________________________________________________________________
FATTI CORAGGIO

Vedo una luce, ma chiusa è la finestra,
è notte fonda e sono solo nella via
solo un gatto c'é nella via maestra
manca la luna in cielo, che malinconia.

Svegliati solo un poco donna amata
e fra le tendine ascolta il mio canto
hanno scritto per te una serenata,
un'anima ferita e un cuore in pianto.

Con te nel letto non ci sono io
ma colui che ha comprato il tuo amore
il tuo corpo è suo, ma il tuo cuore è mio
hai il suo nome e il mio piccolo fiore.

Stasera sul lungo mare mi guardavi
mentre baciavi lui e cercavi me
con i tuoi occhi tristi mi accarezzavi
io avevo tanta voglia di baciarti.

Tu mi ami ed io ancor di più, da morire
lui ha comprato te ma non il tuo cuore,
svegliati amore è ora di capire
non dà felicità chi compra l'amore.

Nel tuo grembo cresce il nostro frutto
ed è ora che chiudiamo la partita
vieni con me lascia perdere tutto
andiamo lontano a rifarci una vita.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
MERAVIGLIE POETICHE

E’ maggio, che meraviglia di colori
balconi e finestre tutte adornate
in ogni dove trovi migliaia di fiori
parchi, prati, ville e scalinate

la rosa rossa, regina di corte
ospita; l’astromerie e il Lilium
tutta gentile aperte tiene le porte
al fior d’arancio e l’anthurium.

La rosa gialla, gelosa per natura
si fa vedere poco sotto il sole
solo le gerbere, senza tanta paura
va con la margherita e il girasole.

La pianta di begonia dentro un vaso
fra le bellezze fa il suo cammino
e dopo l’imbrunire non è un caso
che incontra la bromelia e il ciclamino.

Immartala la valle in fiore il pittore
il poeta ne descrive la bellezza
una colomba in ciel disegna un cuore
una farfalla s’accosta e l’accarezza.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
UNA ROSA DI MAGGIO

La Chiesa Madre suona la campana
mi sveglio, solo tu non mi sei vicina
sono sette anni che mi sei lontana,
lo so che non sei più la mia “bambina”

Era il mese d’aprile quando una sera
mi promettesti amore e fedeltà per la vita
ma poi venne maggio con la primavera
e insieme a lui, per sempre sei partita

I primi tempi tante lettere d’amore
"Ti amo troppo non ti so scordare,
gonfio di lacrime piange il mio cuore,
fra le tue braccia voglio ritornare "

Il tempo passo in fretta anima mia
il corpo vuole pure la sua parte
a un tipo allegro e di buona compagnia
presto vi si aprono tutte le porte.

Non sei la stessa ed ora ti vergogni
in un minuto cambia tutta la tua vita
hai distrutto tutti i tuoi sogni
per una storia che è già finita.

Torna da me che pronto ho il perdono
non startene tutta sola a soffrire
non ho un nome, io sono nessuno
però ho un cuore che t’ama da morire.

Dalla Chiesa Madre suona la campana
un suono lento che a pregare invita
tu che eri sola e tanto lontana
per la vergogna ti sei tolta la vita

La gente prega per te, anima mia,
mi abbraccia e mi fa coraggio.
Per te ho scritto prosa e poesia
te le regalo, con una rosa di maggio.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
UNA GIORNATA CON IL NONNO

Ieri ho preso un fiasco di vino
delle sigarette e un tozzo di pane
Sono andato giù al cimitero
a visitare il Padre di mio padre

è sotto terra li giù nel sentiero
come un morto che non ha nessuno
eppure dalla seconda moglie
ha avuto quattro figli

Ricchi, istruiti e bene educati,
dalla prima ne ha solo tre
incluso mio padre
poveri ribelli e malandati

Sono stato li, tutta la giornata
per revisionare un poco la mia vita
seduto fra una roccia e una pietra
sembravo peggio di un vecchio eremita

Piano, piano scese la sera
e nel cielo la luna fece capolino
dopo aver fatto il segno della croce
baciai il nonno, ed ero per il mio cammino

"Fermati perché vai cosi di fretta ?
sei solo come me, non hai nessuno
la tua casa è vuota, nessuno t`aspetta
torna almeno qui parli con qualcuno"

ero a pochi passi dal cancello
quando udii una voce e mi girai
non vidi nessuno, tutto era tranquillo
alzai la voce, e salutai di nuovo il nonno

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
VITA PER VITA

Io mi sveglio e non vedo te
chiedo in giro il papà dov'è ?
" Papà è partito "
Tu lo sai ch’eri tutto per me
consigliere, fratello, papà
e un caro amico

Babbo,
non lasciarmi da solo
torna
qui non hai finito

Il cavallo tu dimmi dov'è
il castello lo cerco, non c'è
hai distrutto il mio sogno

sei in cielo ora senza di me
sei in pace e non soffri più
ora soffro io

Babbo, caro Papà mio
ti prego torna da me
e preghiamo Dio

Qui la mamma ha bisogno di te
dai, cambia la vita con me
Angelo mio

Mio buon Dio prego anche te
dimmi tu che differenza c'è
vita per vita.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
FRA LE BRACCIA DI DIO
(e nel mio cuore)

Un mese tre giorni e diciotto ore
è il tempo da che tu mi lasciasti
fu allora che mi si fermò il cuore
senza un avviso, in cielo volasti

Vorrei che con te avessi un cellulare
per poter sentire ancora la tua voce
pensare a te e non poterti parlare
mi sento come Cristo messo in croce

Sai, pensavo a te questa mattina
e a piedi sono andato al cimitero
con me avevo la tua cartolina
dove hai scritto l'ultimo pensiero

Vorrei che il cielo avesse un cellulare
per darti il mio buongiorno ogni mattina
e dopo per ore, continuare a parlare
come se ti sentissi vicina

Vorrei che il cielo avesse un cellulare
per darti la buona notte ogni sera
dopo, sotto voce, mettermi a cantare
la favorita tua, "Dolce chimera"

Fra le braccia di Dio sei come un fiore
ti accarezza e sempre ti consola
ricordati, ti porto nel mio cuore
digli che mi chiami se ti senti sola.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
ACQUARELLO D'ESTATE

Sopra un letto di fiori in fondo al mare
serenamente riposa la bella sirena
la luna da lassù la sta a guardare
regna la pace, che notte serena

Il pescatore spegne i suoi motori
all'orizzonte vola un gabbiano
un pittore sceglie fra i suoi colori
pipa in bocca e pennello in mano

In riva al mare aspetta l'aurora
mentre un poeta piano si avvicina
arriva l’alba, ecco é giunta l'ora
sorge il sole e illumina la marina

Saltella allegro su un verde prato
e dove passa accarezza i fiori
un grillo menestrello innamorato
canta la natura in tutti i suoi colori

Più giù una farfalla variopinta
con un pettirosso gioca alla fontana
dopo un pò gliela dà per vinta
gli da un bacio in fronte e s'allontana

Un grillo, una farfalla e un poeta
un gabbiano, la sirena il pescatore,
descritti da un vagabondo senza meta
immortalati da un giovane pittore.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
GRAZIE DI TUTTO

Aspetta l’alba, cosi arriva la sera
e un altro brutto giorno andrà via
il suo vicino ieri se n’è andato
senza dargli neanche un saluto
adesso lui si trova tutto solo
l’infermiera prima di andarsene
" Mi chiami se ha bisogno, buona notte "
la tv trasmette un film del passato
lui guarda fuori e pensa al suo futuro.

Futuro ?
a si, ecco il perché era emigrato
per avere un miglior domani,
invece,
guarda che giochi fa il suo destino.

In una soffitta presa in affitto
dopo un mese vomita e si sente male
di notte con l’ambulanza all’ospedale
" tumore maligno" sala d’operazione.

Due settimane di convalescenza
tempo di riflettere il da fare
adesso che non può più lavorare
all’emigrante che resta da fare ?

Ritornare come un cane bastonato
più povero di come era partito
cercare alloggio fuori alla stazione
oppure nel tunnel della metropolitana ?

L’ho visto dentro il parco l’altra sera
dormiva su una panca e tremava
gli dissi, "vieni a casa mia ti potrai pulire
mentre ti preparo da mangiare "

rispose grazie no, stasera ho da fare
gli comprai una pizza per cenare
e una coperta per meglio dormire,
al mio saluto, ci vediamo domani
rispose lentamente.
" Buona notte e grazie di tutto "

Tornai l’indomani, lui non c’era
mi trema il corpo,
che brutta sensazione
lo cerco nel parco, vado dappertutto,

vedo un foglio che porta il mio nome
a voce alta leggo cosa dice.
"Stia tranquillo adesso sono felice
mi stia bene e grazie di tutto "

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
CHIUDI LA STORIA

Tu aspetta dove tramonta il sole
laggiù dove il mare bacia il cielo
il vento ti porterà le mie parole
è una farfalla il tuo bianco velo

Aspetta, tu seduta su quel ponte
fatto con i colori dell’arcobaleno
un gabbiano verrà dall’orizzonte
e ti porterà un baule pieno, pieno

Dentro troverai degli ingialliti fogli
una penna, un quaderno, un diario
in fondo a tutto i miei miseri resti
giunti alla fine di un lungo calvario

Vicino, il libro "cuore d’emigrante "
scritto dal vecchio nonno Alcamese
pagine da leggere in un solo istante
semplici poesie senza tante pretese

Appena lette mettile dentro un vaso
e dopo butta tutto in fondo al mare
chiudi la storia del "Poeta per caso"
che nessuno seppe capire e amare.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
LA TAVERNA DI LUCIA

Ricordo la taverna di Lucia
aperta per ventiquattro ore
lei vendeva vino e allegria
vera maestra nel fare amore

Ricordo la soffitta di Lucia
dove imparai a fare l'amore
li scrissi la mia prima poesia
per una donna piena di dolore

Ricordo il corridoio di Lucia
e la stanza numero ventitre
ricordo con quanta fantasia
accoglieva tutti come dei re

Salve maestro si sente stanco ?
Aspetti gli preparo due bicchieri
dopo mi siederò al vostro fianco
e ascolterò tutti i vostri desideri "

Ricordo la taverna di Lucia
in via Porta Romana trentatre
ore d'amore gioia e fantasia
passate con la bella Cocodè

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
PER TE PICCOLO ANGELO

Avevo pronta una lunga veste di seta,
un castello sul monte e un principe azzurro,
per te bambina mia avevo già scritto,
un racconto, una novella e un romanzo,

Una raccolta di poesie
"" LA LUNGA ATTESA ""
un sonetto "" NASCERA` UNA VITA ""
una quartina "" LA MIA PRINCIPESSA"",

Avevo pronta una lunga lista
dove portarti cosa farti vedere
lungo il viale disegnai una pista
fontane e aiuole illuminate di sera

Adesso vesti in abito bianca
riposi dentro un cubo di cristallo
mentre io declamo con la voce stanca
"Suona la campana, ma, non canta il gallo "

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________

POETA E PITTORE

Padrone di penna, maestro di colori
per ogni soggetto scrivo una quartina
dipingo la natura, descrivo i dolori
dipingo in montagna, scrivo alla marina

Nei miei quadri metto la bellezza
che scopro ogni giorno nella vita
nei poemi scrivo la tristezza
è il dolore che porta ogni ferita,

Scrivo del sole se dipingo la luna
uso la realtà e un pò di fantasia,
dell’emigrante in cerca di fortuna
ho scritto tre volumi di poesia

Sono un poeta nato e un pittore,
un padre, fratello, nonno e pure zio
regalo a tutti il bene e tanto amore,
le pene di ogni uno me le prendo io

Della sirena sulla sponda seduta
scrivo il suo tormento e dolore
mentre della farfalla che s’è perduta
scrivo la fine di un piccolo fiore

Nel mio libro Cuore d’Emigrante
scrivo dell’emigrante gioie e dolori
sono poemi scritti semplicemente
nati nel giardino fra le spine e i fiori

Nell’ultimo quadro a olio su tela
tramonta il sole e sorge la luna
mentre sul mare galleggia una vela
scende la sera sulla mia laguna.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
RICORDI IN RIMA

Tramonta il sole, e mentre sale la luna,
muore un vecchio e nasce un bambino.
Un emigrante parte in cerca di fortuna,
un gabbiano inizia il suo cammino.

Le stelle si son date appuntamento,
l'innamorato scende alla cascina,
lei ansiosa aspetta il momento
della prima volta, l'ora s'avvicina.

La sirena su uno scoglio è seduta,
passa l'avventuriero con il vascello,
abbassando la testa, timida lo saluta,
prende un'arpa e intona un ritornello.

Una donna la sera culla il suo bambino,
gli canta la ninna nanna della mamma,
e sorride al marito che le sta vicino,
nel caminetto lenta brucia la fiamma.

Cade la neve bianco è il campanile,
bianchi i capelli di mio nonno caro
che dietro la finestra legge il giornale
sorseggiando il suo espresso amaro.

Apro gli occhi e mi trovo tutto solo
dentro un vecchio ospizio di periferia,
prendo carta e penna cosi mi consolo,
scrivendo i ricordi in forma di poesia.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SOGNANDO AD OCCHI APERTI

Datemi una chitarra questa sera
ho voglia di farmi una stornellata
canto con il cuore e anima sincera
canto per la mia bella Italia amata

Vedendo quanto lungo è il cammino
inizierò sopra dal nord senza sosta
visito l'ALTO ADICE con il TRENTINO
dopo il PIEMONTE e la VALLE D`AOSTA

Scrivendo l'itinerario in poesia
volo sul FRIULI con la VENEZIA GIULIA
in macchina passo il VENETO e LOMBARDIA
cosi EMILIA ROMAGNA e la LIGURIA

In moto mi giro tutta la TOSCANA
le MARCHE, UMBRIA e ABBRUZZO
sperando che per una settimana
nel LAZIO mi ospita il Papa a palazzo

Gli dico grazie con una serenata
e parto per il MOLISE, CAMPANIA e PUGLIA
in sette ore passo la BASILICATA
dopo, in CALABRIA mi trovo in famiglia

MESSINA mi accoglierà a braccia aperte
ad Alcamo suoneranno le campane
le stelle mi faranno da coperte
mentre riposerò alle tre fontane

Per ultimo lascio la Costa Smeralda
una settimana nella bella SARDEGNA
in compagnia di nonna Mafalda
che dopo sessant'anni ancora insegna

Datemi una chitarra per favore
per una volta siate un pò cortesi
solo in musica il mio stanco cuore
potrà baciare tutto il bel Paese.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
SPARTITI MUSICALI

Musica per violino viola e pianoforte
per una donna che mi vive accanto
sono trent`anni che le faccio la corte
scrivo poemi stornelli e glieli canto

Nel mio giardino pieno di rose e gigli
frutti di pesco, zagare e gelsomini,
lei mi ha regalato due robusti figli
e poi sono arrivati quattro nipotini

Adesso sono un nonno americano
con quattro nipoti da coccolare
un cuore d’emigrante tutto italiano
insegna loro a cantare e suonare

Musica per pianoforte, violino e viola
con il maschietto che fa da cantante
ogni sera da me vengono a scuola
per imparare i canti dell’emigrante

Musica per viola, pianoforte e violino
la scena è pronta s’alza il gran sipario
quattro bambini in un bel concertino
per la cara nonna e il caro nonno Mario

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________
I RICORDI DI NONNO VITO

Cantava il gallo e spuntava l'aurora
di buon mattino si alzava il contadino
mieteva il grano per tre quarti e un'ora
dopo fa colazione sotto un folto pino

Pomodori, cipolle, olive, sarde salate
con olio di oliva, un pò di pepe e sale
è così che incominciavano le giornate
i contadini del barone Cosimo Pasquale

A mezzogiorno al suon della campana
ognuno prendeva posto sotto il tendone
dove le donne, messe tutte in carovana
servivano, insalata mista con il polpettone

Le donne a casa preparavano la cena
gli uomini nei campi cantavano stornelli
i bimbi a turno andavano sull'altalena
guardati a vista come tanti gioielli

Era il Millenovecentosessantatre
nella campagne della mia Alcamo bella
sono i ricordi che porto sempre con me
ora da buon nonno li racconto a Stella.

di: Alcamo

____________________________________________________________________________________________
CONGEDO

La vena se n'é andata
la voglia é sparita
la musa tanto amata
mi lascia una ferita

Nessuno ci farà caso
se sarò dentro o fuori
a un poeta per caso
non si regalano fiori

Un cuore d'emigrante
un Nonno benvoluto
a voi brava gente
dò l'ultimo saluto

Ho scritto con il cuore
seguendo il mio credo
e seppure con dolore
da voi mi congedo.

di: Alcamese

____________________________________________________________________________________________








                            134 poesie
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu