Alcamese - Alcolore

Vai ai contenuti

Menu principale:

Racconti
L’AMICO POVERO

di: Alcamese


Da piccolo, al paese conoscevo tre ragazzi, il grande era Mario, figlio del farmacista, giocava a far la guerra, amava mitra e razzi se ne andò in Svezia per fuggire dai fascisti, poi c’era Pino, figlio del cameriere lavorava sempre anche di domenica era il padrone lui, sapeva il mestiere in cerca di fortuna partì per l’America, il terzo era Vito, figlio di un grande cuoco amava la bella vita e poco il lavoro, voleva fare lo gigolò, giocare con il fuoco in cerca d’avventure, prese la via del mare. Conoscevo pure tre sorelle figlie d’un contadino a volte manovale del paese erano le più belle tutte impiegate in un posto comunale. Una andò in Svezia con il fidanzato, l’altra in America partì con il marito, Anna che il mare aveva sempre amato in cerca di libertà parti con Vito. Quarant’anni dopo si sono riuniti in una grande festa organizzata dai cugini, festa aperta a tutti, non servivano gli inviti, erano più di mille fra parenti e vicini.
Avevo sei amici, da piccolo al paese li ho visti l’altro ieri, tutti coperti d’oro volevo salutarli, cosi senza pretese, ma cambiai idea, non erano più loro.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu